Steve Earle + Howe Gelb

Feanza, Festival Strade Blu Piazza Nenni - 31/07/2014

Emozionante set di quasi due ore di Steve Earle, da solo alla chitarra, nell’ambito del Festival Strade Blu. In apertura, il fuori programma di Howe Gelb in trio, in recupero della data annullata il giorno precedente per maltempo.
P1030120

Il già interessante e atteso appuntamento con Steve Earle al Fesival Strade Blu si è trasformato in un inaspettato doppio concerto. Dopo la data saltata per maltempo il giorno precedente a Cusercoli e grazie alla disponibilità di entrambi i protagonisti, ad aprire la serata è stato infatti Howe Gelb con un set in trio accompagnato da Steve Shelley, già batterista dei Sonic Youth, e dalla danese Maggie Björklund alla pedal steel. Oltre alla solidità di Shelley, è proprio la presenza della Björklund a dare al set una marcia in più. Si pesca a piene mani nell’alternative-country di cui Gelb, fondatore dei Giant Sand, è tra gli alfieri. Gelb spazia dalla chitarra alle tastiere, in un live dominato dalla sua voce calda e inconfondibile e dal suo gusto elegante per la sperimentazione, con qualche estratto dall’ultimo album The Coincidentalist e picchi di intensità alla Leonard Cohen.

Tutt’altra atmosfera per Steve Earle, con cui il viaggio continua sul filo della tradizione e del miglior cantautorato americano. Earle tiene la piazza con il fiato sospeso per quasi due ore, armato solo di una chitarra e di un’armonica, arte della quale non tutti sono capaci. Apre il concerto con il brano che dà il titolo al suo disco più recente, The Low Highway, seguita da 21st Century Blues, sempre dall’ultimo lavoro. Earle è un cantautore che si muove su un’affascinante linea di equilibrio tra  la sfera pubblica e quella privata, tra la sensibilità che serve per raccontare i sentimenti e l’impegno civile. La scaletta riassume bene entrambi i mondi, con un repertorio che attinge spesso e volentieri alla lunga discografia dell’artista. Una toccante versione di Goodbye, che lascia il pubblico qualche secondo in silenzio prima di esplodere nell’applauso, convive così con una Billy Austin in cui il musicista sottolinea tutto il suo impegno contro la pena di morte. Trovano poi spazio My Old Friend The Blues, I Ain’t Never Satisfied, una Taneytown in cui Earle fa cantare l’audience, South Nashville Blues (a cui fa seguire Cocaine Cannot Kill My Pain e commenta dicendo “Non voglio che abbiate un’impressione troppo positiva di quel periodo, per cui suono anche questa”), la cover di Townes Van Zandt Rex’s Blues e un’emozionante Ft. Worth Blues. In conclusione, con gli spettatori raccolti sotto il palco per il bis, intona Christmas In Washington e invoca il ritorno di Woody Guthrie sulla terra. È il trait d’union perfetto tra passato e presente e il suggello a una serata di cantautorato di prim’ordine.

Foto di Michele Manzotti

 

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...