TOdays

Una nuova tre giorni di musica dal vivo, clubbing ed eventi collaterali per capire che quel che resta dell’estate festivaliera torinese è quel che c’è sempre stato.
todays-festival-2015-prima-edizione-torino-agosto-660x356

Anzitutto, i luoghi. Perché nel raccogliere l’eredità del Traffic (ufficialmente morto, dopo qualche edizione di accanimento terapeutico) il TOdays sgombra le piazze centrali e riporta tutto in periferia. Il cortile di sPAZIO211, già sede dello storico sPAZIALE Festival, funge da quartier generale. Cuffie colorate e stanze illuminate andranno a comporre la “silent disco” del dopo concerto che per una notte ripopola magazzini dismessi del Docks Dora e l’antico cimitero di San Pietro in Vincoli. In rappresentanza del folto bestiario elettronico vale la pena di menzionare almeno il set di Rijoyi Ikeda tenutosi al museo Ettore Fico, che dalle scalfitture e imperfezioni del digitale scolpisce un ritmo violento e disturbante.

Poi i Guardiani. Anche quando le rassegne cambiano di posto e di nome, il popolo dei concerti resta lo stesso. Con un cast che raccoglie reduci della vecchia scuola hardcore e post-hardcore cittadina, lo spettacolo Il Pensiero Sarà un Suono ha il merito di onorare la memoria musicale italiana e quello di confonderla. Nel racconto di Domenico Mungo gli anni ’70 del piombo e dell’eroina vanno a sovrapporsi alle vibrazioni punk-rock che giungevano da Oltreoceano. E così, con diverse licenze storiche, Eugenio Finardi incontra i Nomeansno, Mio fratello è figlio unico rivive sul riff di Where Is My Mind, e una Siberia accelerata viene intonata da Federico Fiumani in persona, l’unico personaggio sul copione presente sul palco (almeno fisicamente). Anche l’apertura delle singole giornate è affidata ai residenti: tra vecchie conoscenze appannate (Linea 77) e volti nuovi di richiamo (quella Levante la cui esibizione grida “Sanremo” ad ogni piè sospinto), segnaliamo i redivivi Church of Violence, hardcorer della prima ora tornati in scena con una formazione allargata e felicemente sgangherata.

INTERPOL 40 © stefano masselli
Interpol – foto di Stefano Masselli

 

Infine, gli headliner. A lungo si è dibattuto se fosse giusto far pagare 15 euro a ingresso a fronte di un  notevole investimento da parte del Comune. Dall’inevitabile confronto con la logica del “tutto gratis per tutti” dell’ultimo Traffic Festival, il TOdays esce come una rassegna meno generalista ma abile a raccogliere partecipazione (per tutte e tre le serate viene annunciato il sold out) intorno ai sempre rischiosi nomi di media fascia. Unico appunto, qualche stagione di ritardo nell’assoldare i due ospiti stranieri. Che TV On The Radio e Interpol non siano più quelli di dieci anni fa è un fatto certo. I primi hanno però saputo reinventarsi in uno spettacolo forse meno affascinante ma più ritmato, dove anche brani ipnotici come Young Liars o Staring At The Sun finiscono trascinati nel vortice delle danze; se non sempre a fuoco dal punto di vista tecnico, mantengono un ritmo sostenuto per uno show decisamente in tinta con i colori accesi degli ultimi due dischi. Monocromatica e monolitica, al contrario, è la scaletta offerta dalla compagnia di Paul Banks: di nero vestiti, immobili dietro i propri strumenti, non offrono distrazione alcuna, sottolineando così in modo impietoso la pochezza del nuovo repertorio. I rari momenti di eccitazione corrispondono, prevedibilmente, ai cavalli di battaglia, Slow Hands, Evil e Obstacle 1, rimandi a quelle “bright lights” che si sono fatte fioche.

TV ON THE RADIO 49 © stefano masselli
Tv On The Radio – foto di Stefano Masselli

 

Chi va migliorando sono invece i Verdena, che approdano a Torino freschi della pubblicazione del secondo volume di Endkadenz. La Jaguar rotta il giorno prima da Alberto Ferrari è l’antefatto a una telenovela che continuerà anche on stage, con i due fratelli a battibeccare per ogni piccola disfunzione tecnica. Sul serio non si riesce a ricordare un’altra band così autisticamente piegata su se stessa e poco incline a coltivare un qualsiasi rapporto col pubblico, che  sia riuscita a raccogliere un seguito tanto vasto e affezionato. La resa dal vivo dei brani degli ultimi album (grandiosa, checché ne dicano gli interessati) ripropone il trio come uno dei pochi misteri davvero appassionanti che si intraveda nei paraggi.

Commenti

Altri contenuti Musica
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...
TOM BROSSEAU
Intervista

Tom Brosseau

Ritorno alle radici

Ha appena pubblicato "North Dakota Impressions", il terzo volume di una sorta di trilogia dedicata ai suoi...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
LOU REED
L'incipit del lungo servizio sul Mucchio in edicola

Lou Reed

Eurochild

Perché i riformati Velvet Underground accettarono di fare da spalla agli U2 durante il tour europeo del...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
ZEN CIRCUS
Un selfie sulle rovine del mondo

The Zen Circus

Un selfie sulle rovine del mondo

Andrea Appino, Ufo e Karim festeggiano i diciotto anni di carriera con un nuovo album: "La Terza...
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.