TRI-P

Musica indisciplinata

Dalla rivelazione Moses Sumney ad un veterano come Mark Lanegan, ce n’è per tutti i gusti in questa seconda edizione del festival promosso negli spazi della Triennale (salvo eccezioni: David Byrne)
100x140-PRINT-CONTORNO.indd

Milano non è una città come le altre e scorrere il calendario dei festival, delle rassegne e dei singoli concerti dell’estate lo conferma. Senza prescindere dalla qualità della proposta, resta l’imbarazzo della scelta in mezzo ad un’offerta di appuntamenti e location decisamente varia. Un dato di fatto che la seconda edizione di TRI-P negli spazi della Triennale riassume nello spirito e esprime nella line up: per oltre un mese, con Mark Lanegan a chiudere il 25 luglio, l’attenzione alle musiche dal mondo si sposa con l’elettronica nel caleindoscopio di artisti scelti e voluti da Giuseppe Ponti e Titti Santini di Ponderosa Music & Art, storico promoter che ha la responsabilità di dare l’impronta a TRI-P.

In cosa TRI-P di differenzia nell’offerta di festival e rassegne estive in una città viva e propositiva come Milano?
TRI-P va ad occupare uno spazio all’interno delle programmazioni dell’estate milanese che era rimasto scoperto. Si tratta di musica, come a noi piace definirla, del tutto indisciplinata. Nel senso che non risponde a nessun codice od obbligo particolare, se non all’essere totalmente indipendente nel senso più puro del termine.

La Triennale, lo spazio in cui TRI-P prende forma, influenza in qualche maniera la sua line up?
Sicuramente sì. La Triennale è un luogo dove si respira aria di innovazione, anche se l’offerta che da 30 e rotti anni Ponderosa propone in realtà da sempre corrisponde a quei valori di originalità e sperimentazione di cui la Triennale si è fatta portatrice. Insomma direi che è il contenitore naturale per le nostre idee.

La line up di questa edizione è decisamente varia, dalla black di Moses Sumney al folk di Bedouine, entrambi annoverabili come “nuove proposte”, ad un grandissimo come David Byrne: c’è un filo, apparentemente invisibile, che lega la scelta degli artisti in cartellone?
C’è un unico filo come dicevo qualche riga sopra, che lega il tutto, che secondo me è l’assoluta indipendenza. Che si tratti di un’artista che arriva per la prima volta in Italia (Bedouine), o di un’icona della musica internazionale (David Byrne), hanno in sé quel seme che germogliando fa nascere qualcosa di inaspettato per il pubblico. I progetti che troverete a TRI-P attraversano più mondi, non solo geografici, e spesso sconfinano in dimensioni musicali che non è facile ritrovare nelle programmazioni dei festival italiani.

Byrne è l’unico a non esibirsi negli spazi della Triennale, bensì il 16 luglio al teatro degli Arcimboldi, come mai?
Per via della particolarità dello show (ma non voglio svelarvi molto di più ora per non rovinarvi la sorpresa), abbiamo dovuto prevedere lo spettacolo al Teatro degli Arcimboldi, l’unica venue in città che potesse accogliere una produzione tanto complessa. Ci tenevamo così tanto da esserci dovuti inventare “TRI-P Off”…volevamo assolutamente che il concerto di Byrne fosse inserito nella programmazione del Festival. D’altronde chi meglio di lui poteva fare da padrino ad un festival così (passatemi il termine) caleidoscopico?

Un aggettivo che trova la sua forza anche nella presenza di Alva Noto.
Chi è stato l’anno scorso a TRI-P avrà notato senz’altro una particolare scultura luminosa che pende sul palco. La produzione di Alva Noto richiede un Led Wall di misure importanti, incompatibile con la struttura presente; per cui abbiamo dovuto pensare ad un Led Wall su misura che si integrasse con l’opera d’arte presente. Anche questo è TRI-P insomma. Arti diverse che si fondono l’una con l’altra quasi inconsapevolmente.

Qual è il pubblico tipo di TRI-P?
TRI-P ha un pubblico giovane, ma non parlo certo di età anagrafica. Ha un pubblico che è sempre pronto a recepire, che ha tutti i sensi sviluppati e non ancora intorpiditi. A cui piace farsi stupire e sorprendere ogni volta.

 

Il calendario di Tri-P

23/06/2018 Bedouine

26/06/2018 Moses Sumney

27/06/2018 Bissima

28/06/2018 Bissima

29/06/2018 Dobet Gnahoré

29/06/2018 Come diventare Africani

30/06/2018 Balletto Nazionale della Costa D’Avorio

02/07/2018 First Aid Kit

05/07/2018 Kruder & Dorfmeister

12/07/2018 Emiliana Torrini & The Colorist

16/07/2018 David Byrne (Teatro Arcimboldi)

17/07/2018 Alva Noto

19/07/2018 Nishat Khan

24/07/2018 Kevin Morby

25/07/2018 Mark Lanegan Band

 

Info e biglietti: https://ponderosa.it

 

Commenti

Altri contenuti Musica
jeff-buckley

Tutto per una canzone

Musicista per Casio

Ho un ricordo di me che ascolto questa canzone e la amo nel 1994; ho un ricordo...
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
Yakamoto Kotzuga_intervista

Yakamoto Kotzuga

Il fascino della dissolvenza

Il secondo album "Slowly Fading", la partecipazione alla prossima Red Bull Music Academy: parliamo con il giovane...
Pink Floyd_accadeva 50 anni fa

Pink Floyd

L'esercito della Salvezza racconta

Nell’estate di 50 anni fa Syd Barrett si congedava dai Pink Floyd con una canzone folle nata...
Efrim Manuel Menuck_intervista

Efrim Manuel Menuck

Il fondatore dei Godspeed You! Black Emperor affronta la sua carriera a cerchi concentrici: dalla solitudine del...
Eleanor Friedberger_intervista

Eleanor Friedberger

In viaggio con l’ex Fiery Furnaces, inconfondibile songwriter al quarto album con "Rebound". Dagli U.S.A. alla Grecia,...
Cat Power_Ode a Chan Marshall

Cat Power

Ode a Chan Marshall


“A volte ricordo che il pubblico è lì davanti e vado nel panico. Allora mi dico: forza,...
100x140-PRINT-CONTORNO.indd

TRI-P

Musica indisciplinata

Dalla rivelazione Moses Sumney ad un veterano come Mark Lanegan, ce n’è per tutti i gusti in...
Medimex 2018_Cartolina da Taranto

Medimex 2018

Cartolina da Taranto

Da giovedì 7 giugno a domenica 10 giugno siamo volati al Medimex, evento Puglia Sounds,...
breeders 1

The Breeders

@Cortile Castello Estense, Ferrara (05/06/2018)

Prima data italiana, in assoluto, per la celebre band delle sorelle Deal, a inaugurare la 23esima edizione...
Yorke Firenze

Thom Yorke (+ Oliver Coates)

@Teatro Verdi, Firenze (28/05/2018)

Prima data del nuovo tour europeo da solista, per il leader dei Radiohead, con il violoncellista Oliver...
Bruno Belissimo_intervista

Bruno Belissimo

Il party del musicista italo-canadese entra nel vivo con il secondo album “Ghetto Falsetto”, all’insegna della disco...
The Breeders_intervista

The Breeders

Icona indie rock, assente di lusso nel nuovo corso discografico dei Pixies, Kim Deal ritorna alla sua...
Greil Marcus racconta Lester Bangs

Lester Bangs

Greil Marcus ricorda l'amico e collega

35 anni fa moriva Lester Bangs. Ce lo racconta il critico rock Greil Marcus, suo amico e...
Downtown Boys_intervista

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...