Live: Yo la tengo

10 marzo 2013 - Milano, Limelight

“Ne ho visti parecchi, di loro concerti. Ma non ne ho mai visto uno uguale all’altro” si mormora all’uscita del (pessimo) "Limelight". E hanno ragione. Chi scrive si sta avvicinando alla doppia cifra, per gli Yo La Tengo, ed è davvero difficile ricordarsene due simili. Forse è questo il loro segreto.
Foto di Stefano Masselli

Rinnovarsi. Sempre e comunque. Cercare di evitare sempre le scorciatoie. Altrimenti come puoi durare più di vent’anni a questi livelli, sempre elevatissimi? Gli Yo La Tengo sono una di quelle istituzioni da cui puoi essere sicuro di avere sempre qualcosa da imparare e sempre motivi per cui sorprenderti. Come, ad esempio, la decisione di fare due set. All’americana. Prima un set acustico. Poi uno elettrico. A conti fatti, una scelta vincente. Personalmente ho sempre trovato un po’ smorzante l’effetto delle parentesi acustiche all’interno di flussi di rumore bianco e svisate psichedeliche. Motivo per cui la decisione di cristallizzare organicamente il raccoglimento può non solo permettere una maggiore attenzione, ma anche valorizzare un repertorio che se no rimarrebbe sommerso da tutto il resto. In generale, però, non sembra essere scelta apprezzata. La soglia di attenzione dello spettatore medio ha bisogno di hook forti, e la sensazione è che si sopporti come un calvario in attesa dell’apocalisse sonora. E infatti, dopo una pausa, l’attacco di Stupid Things manda in subbuglio il pubblico. Per quanto possano essere apprezzati come entità indie a tutto tondo, gli Yo La Tengo sono quelli delle grandi escursioni psichedeliche, dei pezzi pop perfetti con chitarre elettriche e divagazioni kraut-rock, delle cover rimasticate e ributtate con un nuovo vestito (Little Honda dei Beach Boys). Sembrano esserne consapevoli loro in primis. Ma una certa libertà possono prendersela, e a sorpresa evitano l’effetto greatest hits evitando Tom Courtenay e Stockholm Syndrome (si segnala la sola Sugarcube, come contentino). Sono in giro da talmente tanto tempo che possono permetterselo. Sono in giro da talmente tanto tempo anche da potersi permettere di fermarsi e chiudere il concerto con Tried So Hard di Gene Clark cantanta da Georgia Hubey, batterista più vicina ai sessanta che ai cinquanta e per questo comprensibilmente distrutta dopo un’ora di set indiavolato e inesorabile.

Photocredit: Stefano Masselli. Pubblicato sul Mucchio 705

Altri contenuti Concerti / Musica
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...