Il Mucchio 752 marzo 2017

Mucchio752-OK

ONLY STOOGES LEFT ALIVE
“Gli album degli Stooges sono tra i regali più incredibili fatti al rock. E Il mondo ci ha pisciato sopra”, secondo Jim Jarmusch questo è quanto accaduto a metà anni 70 alla band guidata da Iggy Pop. Ma con Gimme Danger il regista americano ha scritto “una lettera d’amore” che suona come un sonoro vaffanculo al mondo. a cura di Rosario Sparti con Chiara Colli, Simone Dotto, Stefano Solventi

BOSS HOG
Cristina Martinez e Jon Spencer tornano con la super sexy band di culto che li vede fianco a fianco dalla fine degli anni 80. BROOD X, il loro quarto album, ce li riconsegna come re e regina di un incontenibile casino elettrico. di Elena Raugei

ALTERAZIONI PSICO-FISICHE
Blanck Mass e Pharmakon hanno trovato nell’etichetta SACRED BONES un porto sicuro per le loro sperimentazioni abrasive. Abbiamo chiesto a entrambi di raccontarci i loro nuovi dischi, WORLD EATER e CONTACT, in cui continuano a esplorare i limiti del corpo e della mente. di Giuseppe Zevolli

TEMPLES
Senza troppi giri di parole, VOLCANO è uno degli album più esaltanti usciti dalla terra albionica negli ultimi anni. Tra volontà di ricerca e melodie cristalline, sentimento epico e atmosfere lisergiche, il quartetto di Kettering instaura un equilibrio miracoloso. di Fabio Guastalla

NADIA REID
Con PRESERVATION la giovane cantautrice neozelandese conferma quanto di buono aveva lasciato intuire il suo album d’esordio. di Pierluigi Lucadei

EDDA
Al suo quarto album con GRAZIOSA UTOPIA, Stefano Rampoldi ci parla di Inter e Sanremo, cronaca nera e felini appassionati di vulve. Tutto mescolato nella borsa di una sorta di Eta Beta della canzone italiana più sovversiva. di Elena Raugei

PER CONTO PROPRIO
Giorgio Poti e Marco Giudici hanno già avventure alle spalle, se non parallele: il primo con Vadoinmessico e Cairobi, il secondo con Any Other. Adesso, per entrambi, è l’ora di giocarsela per conto proprio, stuzzicando l’ambiente indie
con canzoni psych-pop e sperimentazioni jazzy. di Andrea Provinciali e Giulio Bartolomei

U2
The Joshua Tree fa trent’anni. Un anniversario celebrato in pompa magna, rincorrendo l’attualità di una America letteraria. Storia del grande equivoco americano degli U2, dei suoi segreti pop, e di memorie dannate. di Massimo Palma

GUY DEBORD
La società dello spettacolo
compie 50 anni. Un testo dal quale si sono irradiati segnali che hanno influenzato il punk, la stagione dei raves e il movimento Occupy Wall Street: lettura tuttora illuminante per interpretare il mondo in cui viviamo. di Alberto Campo

SOUNDLAB
Abbiamo messo uno dietro l’altro due dei migliori dischi italiani usciti in questi mesi: Inner Vox di Demonology HiFi
(il progetto a due di Ninja e Max Casacci in libera uscita dai Subsonica) e A Thousand Skies di Clap! Clap!. di Damir Ivic

HIP HOP EVOLUTION
Netflix ci riprova, ma stavolta niente fiction. Dopo Get Down di Baz Luhrmann, ecco un documentario in quattro parti che ripercorre l’evoluzione dell’hip hop dagli anni 70 ai 90. di Francesco Abazia

FEDERER VS NADAL – ANATOMIA DI UNA COMPETIZIONE
I match, è noto, si vincono dentro di noi. Vanno immaginati costruiti in ogni dettaglio, quasi fossero i cartoni di un affresco. Sul campo, poi, bisogna essere svelti a mettere i colori. Parola di Gianni Clerici, ex tennista e giornalista. di Dario Baldi

E molto altro ancora…

Il Mucchio 752 – dal 1 marzo in edicola e in digitale*

*Per scaricare il pdf sul computer tutti gli abbonati possono far riferimento alla MyPage o a questo link di servizio shop.ilmucchio.it/abb_download.php utilizzando le solite credenziali.

Per info: beatricemele@ilmucchio.it

Commenti

Altri contenuti
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0

Loro 1

La recensione del film

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
2287_4ef9d454e539e1.23589375-big

Timothy Leary

Dalla psichedelia al cyberspazio

A 75 anni dalla scoperta dell'Lsd, ripercorriamo la vicenda di uno dei maggiori protagonisti della controcultura statunitense...
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
rs-198724-TheRoll_StickyF_Publici_3000DPI300RGB1000162369

Il 1971, l’anno d’oro del rock

Intervista al critico David Hepworth

Il racconto di un periodo cruciale nella storia della musica, featuring David Bowie, Nick Drake e tanti...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo

Il battito oscuro del mondo

La recensione del libro

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
Tonya-poster

Tonya

La recensione del film

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
Massimo Padalino_il gioco

Il gioco

La recensione del libro

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore

Reincarnation Blues

La recensione del libro

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana

1977. Gioia e rivoluzione

La recensione del libro

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
locandina

Ready Player One

La recensione del film

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
1032815_0_0_97_1280x640

The Chi

Black dramedy again

Raccontare una città come Chicago, raccontarla bene. Ci riesce Lena Waithe – per inciso: la prima donna...
CS672934-01A-BIG

Jonathan Wilson

La recensione del disco

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only

Mount Eerie

La recensione del disco

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations

Preoccupations

La recensione del disco

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...