Mucchio 715 febbraio 2014

sommario

Le rubriche
Open – Lettere aperte, Il Pasto Nudo di Claudia DurastantiLamette di Chiara Lalli, Valis di Gianluca Didino, Circolo Chiuso di Stefano SolventiCrampi a cura di Capitan TsubasaSecond Hand di Gabriele Pescatore, Helter Skelter di The Raven, Crossover di The Raven.

In primo piano

St. Vincent
Riappare con quello che sarà sicuramente uno dei dischi dell’anno. Sovverte tutto, si spinge oltre. Fa le pazzie con la chitarra, ma anche con canzoni che ribadiscono la sua originalità. di Silvia Boschero + Elena Raugei

Have A Nice Life
Per i depressi, per gli ammalati, per i cuori spezzati. Per quando i Joy Division vi hanno detto “This is the way, step inside” e voi li avete ubbiditi. Per quando gli Have a Nice Life vi hanno convertiti, e da quel mondo innaturale non siete più usciti. di Claudia Durastanti

Micah P. Hinson e Willam Fitzsimmons
Confronto all’americana tra due voci del songwriting contemporaneo, in apparenza agli antipodi ma con in comune molto di più di una coincidenza di uscite. Ciascuno con il suo bel bagaglio di disgrazie personali alle spalle, facciamo incontrare Micah P. Hinson e William Fitzsimmons sulla strada del ritorno. di Simone Dotto

Bill Callahan
Sul frigorifero a casa di Bill Callahan c’è una banconota da dieci dollari attaccata con un magnete a forma di orsetto. Dice che è per le emergenze. In cucina c’è anche un set di coltelli appesi al muro con una striscia magnetica. Pure quelli, dice, sono per le emergenze. di Claudia Durastanti

The Notwist
Sempre compassato ma abbastanza amichevole, Markus Acher. O amichevole ma abbastanza compassato, fate voi. Del resto non è che a parlare con l’altro Acher o con Martin Gretschmann le cose cambino più di tanto: i tre in qualche modo si somigliano, per modo di fare, e anche per modo di pensare. Placidi. Sensati. Essenziali. Ecco allora una chiacchierata che scorre tranquilla intorno al disco nuovo, Close To The Glass, che però così tranquillo e compassato non è. di Damir Ivic + Gabriele Pescatore

Xiu Xiu
L’ultimo disco degli Xiu Xiu parla di Los Angeles come se fosse il posto più interessante e caldo del mondo. Dopo l’Inferno. di Claudia Durastanti

Wild Beasts
Present Tense è il quarto album dei Wild Beasts. A caccia di contraddizioni e stereotipi da decostruire, il quartetto di Kendal torna a sperimentare. di Giuseppe Zevolli

Be Forest
Prestare ascolto ai Be Forest, al secondo album con Earthbeat, significa danzare con gli elementi, avere i brividi e ritrovarsi con le scottature. Ci siamo addentrati nel mondo della band marchigiana che pubblica per il collettivo di Bergamo We Were Never Being Boring ed è apprezzata anche all’estero. di Elena Raugei

Cuffie: guida all’acquisto
Ce ne sono di tutti i tipi, di tutti i costi e per tutte le esigenze. La nostra guida per scegliere quelle da mettersi alle orecchie quando decidiamo di sentire la musica lasciando il mondo fuori dalla nostra testa. di Paolo Arzilli

Gli anni spezzati della fiction italiana
Pochi avranno mancato di notare che l’esposizione prolungata ad alcuni spettacoli televisivi, qui da noi audacemente chiamati fiction, causa un apprezzabile effetto lassativo, a conferma del luogo ormai comune: “la fiction italiana fa cagare”. Quali sono le cause di tale fenomeno? Abbiamo dato carta bianca agli sceneggiatori Guaglianone e Menotti, ne abbiamo discusso con le colleghe Barbara Petronio e Ludovica Rampoldi e, infine, allargato gli orizzonti con il blogger Amleto De Silva. di Guaglianone + Menotti + Andrea Petrucci + Beatrice Mele + Rosario Sparti + The Raven

Sci-Fi
Fosse appartenuta al 21° secolo, con ogni probabilità la signora Dalloway non sarebbe mai uscita di casa: i fiori se li sarebbe fatti recapitare da un drone. Mentre Amazon con i suoi corrieri telecomandati sposta in avanti la realtà di tutti i giorni brevettando futuri immaginari e De Agostini manda in edicola la guida a fascicoli per costruire Robi, un piccolo androide che riconosce oltre duecento comandi vocali, verso quali orizzonti guarda la fantascienza? Lo abbiamo domandato ad Ugo Malaguti. di Emanuele Rauco + Liborio Conca + Beatrice Mele

Israele
Se le istituzioni nazionali seppelliscono con onori di Stato Ariel Sharon, una fra le figure più controverse degli ultimi decenni, la gente d’Israele resta concretamente ancorata ai tanti, piccoli equilibrismi quotidiani: anche quelli fra le proprie contraddizioni. Reportage dalla terra sanata e maledetta. di Francesco Segoni

Le recensioni

Musica: Beck, The Notwist, Wild Beasts, Have A Nice Life, Temples, Broken Bells, Sunn O))) & Ulver, Micah P. Hinson, William Fitzsimmons, Tinariwen, Peter Hammil + Gary Lucas, Angel Olsen, Marissa Nadler, Neneh Cherry, Angel Haze, Be Forest, Boxerin Club, Dente, Brunori Sas, Eugenio Finardi, Vessel, Nobraino, Girl With The Gun, Werner, Egokid, Junkfood, Bologna Violenta, Lantern, Lo-Fang, Ceo, Tying Tiffany, Untold, Patten, Addison Groove, Danton Eeprom, Gap Dream, Nina Persson, Anthony Joseph, The Go Find, Phantogram, Breton, Bombay Bicycle Club, Suzanne Vega, Seth Lakeman, Boy And Bear, Death Vessel, David Crosby, Tom Brosseau, Rebekka Karijord, Tara Jane O’Neil, Guardian Alien, New War, Cheatahs, Alcest, The Fauns, Neil Finn, Fanfarlo, Maximo Park, Champs, The Jezabels, Tacocat, Cibo Matto, Guided By Voices, The Fleshtones + Decanter Savages – Silence Yourself + Soundlab a cura di Damir Ivic Storie di Rock’n’Roll di Alberto Crespi: Roy Rogers di Elton John + Classic Rock a cura di Antonio Vivaldi: Vic Chesnutt, 1974-75 rivalutazione di un biennio (pt. 2), Lee Hazlewood…

Cineplex: The Wolf Of Wall Street, Red Krokodil, A proposito di Davis, All Is Lost, The Monuments Men, Saving Mr. Banks, 12 anni schiavo, The English Teacher + Non mangiate la mousse di salmone di Luca Giovanardi (Julie’s Haircut) + Dvd di Giorgio Casari e Mario A. Rumor

Cult tv: Director’s Cut – il cinema nelle serie: Jonathan Demme – The Killing, Gus van Sant – Boss, Michael Mann – Luck, Martin Scorsese – Boardwalk Empire, Jane Campion – Top Of The Lake, David Fincher – House Of Cards

Booklet: Shulz e i Peanuts, Claudio Pescetelli, Nicola Gaeta, Mario Vargas Llosa, Lorenzo Beccati, Andrew Sean Greer, Arnaldur Indridason, Cristò, Valeria Parrella, Giuseppe Catozzella, Daniel Sada, Caterina Bonvicini

Balloons: Davide Toffolo, Alberto Madrigal, Glyn Dillon, Igort, Thierry Smoldern e Alexandre Clérisse + Dalla parte del manga di Flavia Sciolette

Il Mucchio 715 da lunedì 3 febbraio in edicola, su tablet (Apple+Android) e in pdf*

*Dal 3 febbraio la versione digitale del Mucchio 715 sia per Apple sia per Android sarà disponibile su tablet e smartphone. Invece, per scaricare il pdf sul computer tutti gli abbonati possono far riferimento come sempre alla MyPage o a questo link shop.ilmucchio.it/abb_download.php utilizzando le solite credenziali.
Per info potete scrivere a beatricemele@ilmucchio.it

Altri contenuti
jeff-buckley

Tutto per una canzone

Musicista per Casio

Ho un ricordo di me che ascolto questa canzone e la amo nel 1994; ho un ricordo...
locandina

Hereditary

La recensione del film

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina

Ocean’s 8

La recensione del film

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina

Dark Hall

La recensione del film

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
arthur-buck-cover-2018

Arthur Buck

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals

Mark Lanegan & Duke Garwood

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
ali_smith_ritratto-795x497

Ali Smith

Stagioni diverse

Il primo volume della tetralogia della scrittrice scozzese si chiama "Autunno", l'ultimo, vien da sé: "Estate". ...
jon hassell

Jon Hassell

Nella critica delle arti figurative il pentimento è ogni variazione che l’artista apporta al suo lavoro e che talora...
letseatgrandma

Let’s Eat Grandma

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770

Kamasi Washington

La recensione del disco

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...