Mucchio 730

sommario

 

730

Le rubriche
Il Pasto Nudo di Claudia Durastanti, Valis di Gianluca Didino, Circolo Chiuso di Stefano Solventi, Lamette di Chiara Lalli, Crampi a cura di Capitan Tsubasa, Helter Skelter di The Raven,  Second Hand di Gabriele Pescatore, King Kong di Silvia Boschero.

In primo piano

BLUR
Quando ormai non ce l’aspettavamo più, i Blur sono tornati con un nuovo album, The Magic Whip. “The Hong Kong record” è il lavoro di una band matura e coesa: Graham Coxon ci ha raccontato della sua genesi, del rapporto con Damon Albarn e dell’importanza di portare avanti un progetto (e un’amicizia) fino alla fine. di Chiara Colli

CONSTELLATION RECORDS
Due album strimentali freschi di stampa che lasceranno il segno sull’anno in corso, quelli di Colin Stetson And Sarah Neufeld e Godspeed You! Black Emperor sono una coincidenza che cogliamo per festeggiare la maggiore età raggiunta da Constellation. Un inedito duo di musicisti stimati in tutto il mondo, il rientro trionfale di una formazione a suo modo leggendaria, il percorso di un’etichetta che operando in piccolo ha visto molto lontano. di Elena Raugei

METZ + JOANNA GRUESOME
Provenianti rispettivamente dal Canada e dal Galles, i due gruppi arrivano alla tappa del secondo album continuando a mettere a dura prova gli amplificatori e alzare la voce. Il background hardcore punk è declinato con attitudine quasi agli antipodi, ma ne deriva ugualmente un bel casino. di Simone Dotto e Elena Raugei

FÖLLAKZOID
Sedute di psicanalisi, viaggi nello spazio e rituali antichi: i Föllakzoid ci raccontano dei suoni che segnano il  loro ultimo album III e dell’energia unica che attraversa la loro striscia di terra, il Cile, a cui dedichiamo un approfondimento librario e cinematografico. di Chiara Colli + Liborio Conca + Rosario Sparti

THE SOFT MOON
Luis Vasquez è l’uomo dietro alla post-punk band di Oakland. Uno che scava dentro se stesso, percorre i labirinti della psiche, vive di passione e contrasti. di Elena Raugei

STEFANO PILIA
L’uscita del nuovo disco Blind Sun – A New Christology è l’occasione per scoprire l’evoluzione solistica del polistrumentista e compositore bolognese. Ma anche per fare i conti con una carriera condivisa con i grandi: dai Massimo Volume agli In Zaire, sino al recente ingresso negli Afterhours. di Fabio Guastalla

ROISIN MURPHY
Ex frontwoman dei Moloko, icona di stile, control freak, voce inconfondibile. L’artista di origini irlandesi torna, finalmente, con il suo terzo album da solista, Hairless Toys. di Damir Ivic

HOLLY HERNDON
In Platform l’elettronica dell’artista di San Francisco, che ci racconta il suo ottimismo post-silicon valley, non conosce passato. di Giuseppe Zevolli

SPECIALE FREAK (OUT)
Signori io non vi ho mentito, avete visto coi vostri stessi occhi i mostri viventi del nostro serraglio. Voi ne avete riso o provato ribrezzo, tuttavia se lo avesse voluto la natura beffarda, anche voi potreste essere come loro. Non hanno chiesto loro di venire a questo mondo, eppure sono qui tra noi”. Era il 1932 e dal circo di Tod Browing i freak sarebbero usciti un po’ per volta. Molto è cambiato da allora e abbiamo provato a raccontarlo partendo dal nuovo film di Matteo Garrone. a cura di Beatrice Mele

Le recensioni

Musica: Unknown Mortal Orchestra, Built To Spill, Faith No More, Mikal Cronin, Torres, Paul Weller, Jacco Gardner, Death And Vanilla, Mauro Ermanno Giovanardi, GODBLESSCOMPUTER, Shamir, My Morning Jacket, Rose Windows, Hot Chip, Other Lives, Apes On Tapes, Sacri cuori, Dimartino, Munford & Sons, The Leisure Society, The Milk Caron Kids, The Tallest Man On Earth, The Mountain Goats, Vetiver, Landshapes, Ceremony…+ Soundlab a cura di Damir Ivic: Squarepusher, Martin Gore… + Sul Palco: A Place To Bury Strangers, Elita Design Week Festival Rewind a cura di Alberto Campo: Babes In Toyland, The For Carnation

Cineplex a cura di Rosario Sparti: Leviathan, Forza maggiore, The Messenger, Mia madre, Il regno dei sogni e della ragione, Cobain: montage of heck…

Re:Books a cura di Liborio Conca: Fredrik Sjöberg, Kurt Vonnegut, John Cheever, Lorrie Moore, Paola Soriga…

Il Mucchio 730 dal 4 maggio in edicola, tablet e pdf*.

*Per scaricare il pdf sul computer tutti gli abbonati possono far riferimento alla MyPage o a questo link shop.ilmucchio.it/abb_download.php utilizzando le solite credenziali. Per info: beatricemele@ilmucchio.it

Commenti

Altri contenuti
2287_4ef9d454e539e1.23589375-big

Timothy Leary

Dalla psichedelia al cyberspazio

A 75 anni dalla scoperta dell'Lsd, ripercorriamo la vicenda di uno dei maggiori protagonisti della controcultura statunitense...
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
rs-198724-TheRoll_StickyF_Publici_3000DPI300RGB1000162369

Il 1971, l’anno d’oro del rock

Intervista al critico David Hepworth

Il racconto di un periodo cruciale nella storia della musica, featuring David Bowie, Nick Drake e tanti...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo

Il battito oscuro del mondo

La recensione del libro

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
Tonya-poster

Tonya

La recensione del film

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
Massimo Padalino_il gioco

Il gioco

La recensione del libro

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore

Reincarnation Blues

La recensione del libro

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana

1977. Gioia e rivoluzione

La recensione del libro

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
locandina

Ready Player One

La recensione del film

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
1032815_0_0_97_1280x640

The Chi

Black dramedy again

Raccontare una città come Chicago, raccontarla bene. Ci riesce Lena Waithe – per inciso: la prima donna...
CS672934-01A-BIG

Jonathan Wilson

La recensione del disco

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only

Mount Eerie

La recensione del disco

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations

Preoccupations

La recensione del disco

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...