Giorgio Diritti

Il cinema alla scoperta di luoghi e persone

Maturo ed esperto eppure solo al 3° lungometraggio per il cinema. Quella di Giorgio Diritti è una delle voci più importanti e affascinanti del cinema italiano contemporaneo.
un-giorno-devi-andare-11-giorgio-diritti

Giorgio Diritti è figlio legittimo del cinema di Ermanno Olmi, quello che si declina in senso più attuale, più moderno per temi e sguardo temporale. Dopo la rivelazione de Il vento fa il suo giro e il premiatissimo L’uomo che verrà (3 David di Donatello, tra cui miglior film, 3 Nastri d’argento, Gran premio della giuria e premio del pubblico al festival di Roma), recentemente nelle sale con Un giorno devi andare (recensito nel numero di aprile del Mucchio), per chi scrive il suo film migliore.

 

Da dove parte il viaggio di Un giorno devi andare?

Il film parte da sensazioni dei nostri giorni che si sono ricollegate a un viaggio che ho fatto più di 10 anni fa, in Amazzonia. Le sensazioni attuali sono riferite soprattutto all’Italia, dove molte persone sono appesantite, camminano con lo sguardo verso il basso, sono fondamentalmente tristi e a disagio con la quotidianità. Invece, nel viaggio di 10 anni fa in Brasile, ho trovato la forza e la potenza della natura, i colori, la solarità e la grande energia delle persone del posto che mi hanno dato le dimensioni di un rapporto con la vita diverso, come una liberazione da questo stato di grigiore. Da qui, l’idea di immaginarmi il viaggio della protagonista che esce da una dimensione di dolore, che può essere una perdita ma anche semplicemente un mal di vivere, alla scoperta di sensazioni diverse per ritrovare delle priorità, il contatto con se stessi e con le cose che ci danno felicità e appagamento.

 

E l’avventura cinematografica?

Bella e impegnativa, complicatissima: dalla lingua, all’ambiente, al clima, alle tante struttura della comunità.

 

Il film sembra ribaltare lo schema del viaggio interiore, qui si parte per scoprire gli altri più che se stessi.

Assolutamente, perché credo che scoprire o riscoprire se stessi guardandosi l’ombelico sarebbe una cosa del tutto asettica e presuntuosa. Affrontare gli altri è importante, sono uno specchio per guardarsi meglio, relazioni da cui capire se e come cambiare percorso. Il rapporto con gli altri è la chiave in senso spirituale, ma anche pratico, per percorrere la strada che conduce a noi stessi.

 

C’è nel suo cinema un forte senso di comunità, in senso sociale ma anche antropologico.

È vero. Le storie che racconto mi sono “capitate o mi sono sembrate lo specchio di qualche riflessione particolare che stavo facendo in quel momento, come nel caso di Un giorno devi andare. Se gli altri sono lo specchio di noi stessi, come dicevo prima, le micro-comunità sono lo specchio del mondo intero e quindi gli eventi che accadono all’interno di società molto piccole possono permetterci di capire meglio ciò che accade a livelli più grandi, magari a correggere certi errori, anche a livello sociale. L’uomo che verrà e il racconto di Marzabotto non sono la storia di quell’evento bellico, ma una riflessione sul fatto che la guerra, come evento assurdo e assoluto, va a frantumare il senso di comunità e di vita stessa, e quindi è fuori da ogni ricerca di bene e dai bisogni dell’uomo.

 

Nei suoi film c’è anche un forte rapporto visivo tra luoghi e persone.

I luoghi nelle mie storie sono spesso emblematici. Ad esempio, in Amazzonia il silenzio, il fiume immenso, le nuvole, la foresta, e i volti di persone di formazione culturale geografica molto diversa mi hanno trasmesso suggestioni che si sono fuse e evolute in una storia. È difficile pesare quanto un elemento prevalga sull’altro, non si può dire quanto i volti e le persone debbano all’ambiente in cui vivono e viceversa. Se vai in montagna è facile trovare persone col volto segnato dal freddo e dal sole, le rughe e il viso cotto dal vento che è specchio di quell’ambiente.

 


Lumiere & co.

 

La sua scuola è quella del documentario: qual è la forza di questo genere nel cinema italiano contemporaneo?

La verità e la semplicità che la realtà porge, anche in film di finzione come i miei, dà al cinema una autenticità che lo spettatore percepisce restandone coinvolto. È come calarsi in una data epoca o in un certo luogo. Molti tra quelli che hanno visto L’uomo che verrà mi hanno detto che pareva loro di essere a Marzabotto durante la guerra, di sentire l’odore di quei luoghi, di quelle case. Credo che questo sia il valore aggiunto, un rapporto molto attento con la realtà che permettere di rendere la ricostruzione filmica molto coinvolgente, più partecipativa, attraverso il rapporto tra ciò che si vede e ciò che si sa essere vero, esistere.

 

Quali sono i suoi i maestri tra i registi classici e da chi dei contemporanei vorrebbe prendere qualche lezione?

Sono molti forse troppi i maestri che dovrei citare, a seconda delle differenti sensazioni che ognuno mi ispira. Dovrei dire sicuramente Chaplin, certe idee di Ken Loach oppure Kieslowski. Idee di cinema e attitudini molto differenti. Così come Fellini o De Sica, ognuno con le sue direttive precise, ma con un sentore comune, cioè la capacità di parlare di qualcosa che è profondamente umano e quindi diventa popolare. Ed è questo che ho cercato di imparare, ossia prendere temi e modi anche molto impegnativi ma partire da una base molto popolare. Tra gli odierni faccio più fatica a individuare un nome: penso però soprattutto a un regista come Inarritu, che ha una forza di racconto in cui unisce verità, grande tensione e una grande capacità filmica.

 

Per concludere, ci suggerisca un film.

Una separazione, ha vinto l’Oscar l’anno scorso. Davanti a questo film bisogna togliersi il cappello: di grandissima forza, emotivamente coinvolgente, non un mero esercizio tecnico e stilistico, attenta alla realtà di un paese ma anche al pubblico che lo guarda.

 

l-uomo-che-verra-giorgio-diritti-06

 

Filmografia – Lungometraggi

Il vento fa il suo giro (2005)

L’uomo che verrà (2009)

Un giorno devi andare (2012)

 

Altri contenuti Cinema / Visioni
Anteprima:Thelma_al cinema dal 21 giugno

Thelma

A Paranormal Queer Love story

Dal regista di "Reprise" e "Segreti di famiglia" il 21 giugno arriva in Italia "Thelma", quarta...
mucchio_Carrie_still

Carrie: horror rosso sangue

Un altro classico del cinema torna rimasterizzato in Home Video.

Dopo il super cofanetto dedicato a L’armata delle tenebre, Koch Media e Midnight Classics propongono in gran...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...