Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

image

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e calore umano: prendendo tanto da Naruse quanto da Ozu, Kore’eda Hirokazu ha girato il mondo tra festival e premi portando allo spettatore il segno di un cinema riconoscibile e prezioso. Durante il 70° festival di Cannes esce nelle sale italiane il film che il regista nipponico ha portato sulla Croisette lo scorso anno: Ritratto di famiglia con tempesta, un titolo limpido ed esplicativo come una stampa orientale per un film bello, emozionante e ricco di sfumature magistralmente dipinte. Il regista ha girato l’Italia per presentare il film al pubblico e alla stampa e quando si è fermato a Roma lo abbiamo intervistato.

È un film in cui si sente una grande intimità: da dove nasce lo spunto del film?
Di spunti e ispirazioni ne ho avuti più di uno, ma uno in particolare mi ha colpito: dopo la morte di mio padre mi sono reso conto che mio padre non aveva mai commentato o non si era mai interessato a ciò che facevo, alla mia attività da regista, perciò non sapevo cosa pensasse di me. Poi una volta sono andato per una terapia al centro massaggi che lui frequentava e ho trovato un’intera bacheca con articoli che parlavano di me e dei miei film. Il dottore dell’istituto mi disse che fu mio padre a portarli. Solo lì mi sono accorto di quanto mio padre fosse contento e orgoglioso del mio lavoro, della gioia per me.

La dimensione familiare nei suoi film è una costante, ma è una costante anche di molti altri film. Per paura che questo tema sia abusato, ha una sorta di vademecum su cosa non fare nel trattare i suoi “home dramas”, come li ha chiamati lei?
Di sicuro ciò che non voglio fare è mostrare l’idea di quanto sia magnifica la famiglia o far credere che i rapporti familiari siano la cosa più bella. Ecco, quello non m’interessa. Dopo il 2011 e il terremoto, questo filone si è ancora più consolidato nel cinema giapponese: l’idea di famiglia a ogni costo, il legame di sangue come unico valore assoluto è una visione che sta dilagando. Ovviamente non credo che la famiglia sia priva di significato, anzi: io stesso ho una famiglia, cerco di mantenerla e so quale sia la sua importanza, ma credo che la sua insostituibilità per l’uomo rappresenti anche un problema, il suo limite più grande in un certo senso. E non voler rappresentare entrambi i lati della medaglia non è nient’altro che una bugia.

Nei suoi film lei riesce a trarre il massimo dagli attori, specialmente dai bambini: come lavora con gli attori più piccoli e in particolare come ha lavorato con Taiyô Yoshizawa, il giovanissimo protagonista del film?
Per quanto riguarda il lavoro con Taiyô non è stato diverso da altri miei film: l’ho trovato nei casting ma non gli ho consegnato alcuna sceneggiatura. Semplicemente gli ho detto la trama generale del suo personaggio (ossia che la sua famiglia si rifugiava dalla nonna durante un tifone) e poi in ogni scena gli spiegavo cosa sarebbe successo e gli dicevo a voce le sue battute, direttamente sul set. Avevo la percezione della sua voce che recitava di volta in volta proprio dopo il ciak. Anche in altri miei film ho usato questa tecnica perché con i bambini funziona meglio, preserva la loro spontaneità.

Spesso i registi coreani o cinesi lavorano in America una volta acquisito il successo, ma questo non accade con i registi giapponesi: secondo lei, perché?
Ci sono varie ragioni per cui questo esodo non accade con i registi giapponesi: una delle ragioni probabilmente è la barriera linguistica, perché molti registi in Giappone non parlano altra lingua che la propria, a differenza dei registi in Corea del Sud, Cina o Hong Kong, che sono molto più disponibili a imparare l’inglese o il francese. Un altro elemento potrebbe essere anche che il mercato cinematografico domestico  è fortissimo, per cui il ciclo economico  di un film si auto-conclude con successo dentro i confini giapponesi. Per questa ragione le produzioni e le distribuzioni sanno di poter guadagnare bene con la sola uscita nel mercato giapponese, senza dover entrare nei mercati esteri se non in minima parte. Per esempio, invece, a Taiwan il mercato nazionale è inesistente e quindi devono lanciarsi con decisione verso il sud-est asiatico per poter produrre e distribuire i film con budget più ampi e un bacino di pubblico più consistente. A me piacerebbe che arrivasse una proposta di lavorare all’estero o di avere la possibilità di un film ”straniero”, che arrivasse magari un produttore capace di rompere questo schema consolidato e io stesso se ne avessi l’occasione sarei felice di girare al di fuori del Giappone.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
twin-peaks-dale-cooper_

Twin Peaks 3

Episodi 1 e 2

La terza stagione commentata episodio per episodio dopo la messa in onda italiana.
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...