I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica. Espulso dall’Italia come persona pericolosa nel 1972. Dopo vari decenni di assenza dallo schermo e di chiusura con il mondo del cinema, Lou Castel torna in A pugni chiusi, documentario di Pierpaolo De Sanctis presentato al Torino Film Festival dove abbiamo incontrato regista e protagonista.

Io e Lou – dice De Sanctis – ci siamo conosciuti nel 2008, durante una retrospettiva del Centro Sperimentale. Lì ho registrato una sua intervista e sono rimasto colpito dalla sua storia e dalla sua presenza. Ci siamo visti più volte per tentare vari approcci a un film insieme. Solo dopo 7 anni siamo riusciti a concretizzare”. Sono stati i luoghi scelti dal regista a convincere Castel che quello era il momento giusto: periferie, reperti di archeologia industriale nel sud di Roma, intorno al gazometro e oltre, dentro campagne con vista sull’Eur. “Quei luoghi – ci dice Castel – sono come mezza sceneggiatura. Camminare lì in mezzo mi ha ridato la parola, una parola che avevo perso, che forse non ho mai avuto”. 

Regista e soggetto avevano il patto di non dirsi nulla, di lasciare che luoghi e domande restassero sorprese per poter far concretizzare meglio le idee del film: “Io e Pierpaolo ci siamo completati. Lui riflette prima di realizzare, non segue la sua prima idea, è stato bravo a far scattare qualcosa in me”. Come una sorta di comunicazione silenziosa tra i due: “In realtà abbiamo trovato il nostro metodo durante le riprese, nell’azione, tanto che avrei potuto e voluto far durare il film anche 9 ore, vista la quantità di materiale che avevo”. Tra cui anche video rari e inediti, oltre a sequenze del cinema dell’attore, in cui prima che l’arte di Castel ne viene fuori lo spirito, la mente.

E in A pugni chiusi anche il cuore aperto con cui parla di sé, della sua condizione esistenziale e fisica, ma anche del suo pensiero politico che lo ha reso persona pericolosa e niente affatto grata in Italia: “Ero già militante di estrema sinistra mentre recitavo, facevo parte di gruppi extra-parlamentari, ero un militante dentro i gruppi, non esterno come altri attori tipo Volonté. Lui cercava di sensibilizzare tutti con la carriera di attore, io invece facevo un lavoro diretto, nelle borgate, nei paesini della Calabria. Non ho alcun tipo di rimorso o rimpianto per ciò che ho fatto, solo la delusione per la sconfitta generale delle nostre idee, per l’abbandono della legalità da parte di qualcuno e per la vittoria del capitalismo”. 

È una sconfitta però a cui Castel non sembra volersi arrendere, mentre grida scherzosamente “Fatemi recitare!” ai registi di nuova generazione. E ha qualcosa da dire anche alle nuove generazioni di militanti: “Non so davvero cosa significhi oggi militanza e se qualcuno lo è oggi, avrà le sue ragioni. Sono tempi molto diversi e anche la militanza deve essere diversa. Io continuo a chiedermi, cosa fa male al capitalismo? Quali sono i suoi punti deboli oggi? Penso a Trump e ai modi nuovi che ha per sconfiggere la classe operaia. Però oggi, i lavoratori, gli sconfitti hanno una visibilità e una forza diverse, che bisogna sfruttare. Il nuovo capitalismo ha una sua logica: come la si sconfigge?”.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
Anteprima:Thelma_al cinema dal 21 giugno

Thelma

A Paranormal Queer Love story

Dal regista di "Reprise" e "Segreti di famiglia" il 21 giugno arriva in Italia "Thelma", quarta...
mucchio_Carrie_still

Carrie: horror rosso sangue

Un altro classico del cinema torna rimasterizzato in Home Video.

Dopo il super cofanetto dedicato a L’armata delle tenebre, Koch Media e Midnight Classics propongono in gran...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...