Les interdits

Dramma storico sui generis

Tra i film più interessanti mostrati nel recente Panorama Internazionale del BIF&ST di Bari si è ritagliato uno spazio tutto suo "Les interdits", film francese diretto da Anne Weil e Philippe Klotarsky.
les-interdits

Montatori di lungo corso, i due hanno esordito alla regia con questo dramma storico sui generis, che racconta la storia di due ragazzi ebrei francesi che entrano sotto mentite spoglie nell’Unione Sovietica con il compito di aiutare gli ebrei costretti all’esilio forzato a fuggire o a trafugare documenti. Erano chiamati “refuzenik” e li racconta, tra dramma di formazione e storia di spionaggio, questo film che ha anche il merito di aver scoperto il talento e la forza espressiva di Soko, cantante pop e attrice molto promettente. Di tutto questo abbiamo parlato con i registi.

Les interdits racconta la vicenda dei refuzenik e dei loro rapporti semi-clandestini con i paesi fuori dall’URSS e con Israele: come siete venuti a conoscenza di queste vicende?
Alla fine degli anni ’70 mi sono trovata (è Anne che parla, N.d.R.) a fare questo viaggio. Non ero militante politicamente, ma mi hanno proposto di partire per 15 giorni in URSS per incontrare dei refuzenik. Non sapevo cosa fosse un refuzenik e conoscevo appena la situazione degli ebrei e dei dissidenti in Unione Sovietica. Ho accettato per curiosità, per gusto del rischio. Fu un’esperienza ricca, insolita e molto formativa, che mi ha segnato. Quando ho raccontato la storia a Philippe, abbiamo visto che c’era un materiale molto interessante per una sceneggiatura: per quanto ne sapevamo, non esisteva un altro film che metteva in scena una missione del genere.

L’equilibrio su cui avete giocato è molto particolare, tra il racconto spionistico e il dramma di formazione politico e sentimentale, tra Le Carré e Assayas: come avete trovato questo tono e come mai proprio questa scelta?
Il tono ci è venuto abbastanza naturalmente. Il fatto che quei viaggi erano organizzati il giorno e clandestini la sera era per noi una perfetta situazione tragicomica. Il racconto è costituito da due linee che si incrociano: quella del viaggio di due personaggi molto diversi che scoprono un mondo senza libertà e quella dei loro sentimenti e delle questioni che si pongono. Abbiamo voluto essere il più sfumati possibile in un universo politico in cui le idee spesso erano molto arretrate.

C’è una tensione molto forte che scorre nel film, nel ritmo, tra i personaggi, nell’intreccio, nei sentimenti: quanto è stato importante il vostro background di montatori e quanto invece avete dovuto scostarvene?
L’esperienza del montaggio ha un approccio totalmente diverso da quella della scrittura di una sceneggiatura. Il nostro lavoro come montatori ci è stato utile soprattutto durante le riprese per evitare i falsi problemi (i raccordi, le assi…). Il lavoro al montaggio ci ha molto aiutato nella regia ma è importante non pensare come un montatore quando si gira. Innanzitutto si deve lavorare su ogni singola scena, costruire una materia che sarà in seguito lavorata al montaggio.

Ho avuto un colpo di fulmine per Soko, che non conoscevo prima e che trovo bravissima, comunicativa, bellissima: come avete pensate a lei e come avete lavorato con lei per renderne al meglio il personaggio?
L’abbiamo scoperta in un videoclip, perché Soko è più che altro una cantante, e anche noi abbiamo avuto un colpo di fulmine. Più tardi, l’abbiamo vista recitare in un film di Xavier Giannoli, A l’origine, che ha confermato l’enorme potenziale che avevamo visto in lei. Avevamo un’idea molto precisa del personaggio che le abbiamo trasmesso. E’ un’attrice molto istintiva e molto spontanea.

Nel film si sente una spinta alla vita molto forte, che ha a che fare con il richiamo a Israele come terra promessa: è un’idea legata al contesto storico o è ancora attuale? Che idea avete del ruolo di Israele oggi nel mondo e nella politica?
Il soffio vitale a cui ti riferisci è legato, per noi, al desiderio di libertà e anche al desiderio di aiutare a raggiungere la libertà. Israele era la sola possibilità per i refuznik ebrei di uscire dall’URSS. Ma come il film fa capire, molti russi, una volta usciti dal paese, sono fuggiti negli USA. Dunque il mito della terra promessa non è altro che una possibilità di uscire dalla Unione Sovietica. Il sionismo ha sempre offerto una speranza a tutti gli ebrei oppressi, è la sua ragion d’essere. Il film voleva mettere in evidenza le questioni e le difficoltà che questo atteggiamento pone. Abbiamo scelto un personaggio principale a disagio, in conflitto con la sua comunità. Non abbiamo voluto “giudicare” i nostri personaggi, ma sempre interrogarli, restare nella sfumatura, essere complessi su questo argomento che sucita il più delle volte un atteggiamento binario, un punto di vista passionale. Abbiamo cercato di mostrare alla fine del film Israele come un paese caotico dove nessuno è veramente felice, dove chiunque vive con il compromesso.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
halloween

Halloween: il buio oltre la siepe

Di nuovo in sala il cult movie di John Carpenter.

Come tutti i film dell’orrore che si sono fatti strada nella vita, anche Halloween (1978) di John...
wearex

Yoshiki

Il leader degli X-Japan presenta il film "We Are X"

Sembra fragilissimo, efebico, sul punto di rompersi da un momento all’altro. Nel corpo (il polso ben fasciato),...
Poster-Lucca-Comics-2017

Lucca Comics & Games 2017

Lucca | 1-5 novembre

Lucca Comics & Games  HEROES 1-5 novembre 2017 Torna anche quest’anno l’Area Movie di Lucca Comics & Games,...
210618363-89a705a2-7685-4ef2-84a3-57e9e4909cba

Venezia 74

Tutti i vincitori dell'edizione 2017

Si spengono i riflettori sulla 74ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con il Leone...
19780505_1949415118667274_6593648285938122217_o

Valentina Lodovini

Venezia - Intervista all'attrice

A 12 mesi di distanza, Valentina Lodovini torna alla Mostra del Cinema di Venezia e sempre come...
animaphix2_022930

Animaphix 2017

Il cinema d'animazione a Bagheria

ANIMAPHIX Festival internazionale del film d’animazione III edizione Bagheria (Pa) | Villa Aragona Cutò – Villa Cattolica...
lakecomo-film-festival-2017-132529

Lake Como Film Festival 2017

5a edizione | Lago di Como, 25 giugno - 16 luglio 2017

Lake Como Film Festival – La città paesaggio  La quinta edizione di Lake Como Film Festival, dedicata...
robert690

Il Cinema Ritrovato 2017

Torna a Bologna, per la XXXI edizione.

La Fondazione Cineteca di Bologna presenta la 31a edizione del festival Il Cinema Ritrovato, in programma dal 24 giugno al 1° luglio 2017, a...
Senza-titolo-1

Biografilm è finito

Evviva Biografilm

E nonostante l’heavy rotation del video che giustamente celebra il Guerrilla Staff prima di ogni proiezione consegni...
twinpeaksdougiejones.0.png

Twin Peaks 3

Episodi 3 e 4

Personaggi che parlano al contrario o che non parlano affatto, muti, sordi o senza occhi come la...