Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

551491794

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer a tutto tondo. Ecco chi è Guido Catalano. Ma Alessandro Maria Buonomo in Sono Guido e non Guido – mockumentary presentato al Torino Film Festival 2016 – svela anche che il poeta ha molte altre facce: e almeno un’altra incarnazione. Un gemello, Armando, vero autore delle poesie che legge il fratello visto che lui non può, soffrendo di una malattia che lo fa parlare al contrario.

“Quando con la Elianto Film – racconta Buonomo – abbiamo deciso di esordire con un film abbiamo sentito che il nostro desiderio era di parlare di poesia. E abbiamo sentito questo desiderio andando una sera a un reading di Catalano: c’erano 400 persone, al buio, in silenzio ad ascoltare poesie. È stato il contatto con una realtà che speravo esistesse ma che non avevo ancora visto dal vivo e che come esperienza mi ha ricordato molto il cinema”. Un film centrato sull’oralità, sulle parole tanto di Guido e Armando, quanto degli intervistati, in cui però per poter convincere davvero Catalano a partecipare è servito il gioco dello sdoppiamento, “per dargli la sensazione di fare un con lui, non su di lui”. E così la scelta del finto documentario e la doppia idea del gemello che indossa sempre gli occhiali da sole e ha la parola impedita tanto la sua penna è vivace e fluida. Una trovata comica, che Buonomo spinge fino al limite del grottesco e ridicolo per poi arrivare a emozionare lo spettatore: “Che è poi la struttura stessa delle poesie di Guido, l’ironia che ti disarma e l’emozione che poi ti colpisce”.

Interessato al reale più che alla realtà, ovvero alla possibilità di creare attraverso la comprensione di ciò che ci circonda, Buonomo ha così portato questo “gioco di attribuzione” alle estreme conseguenze, lavorando con tutti gli intervistati su sottile confine tra testimonianza e recitazione, facendo loro dire cose vere su Guido, ma arrivando al paradosso di creare dal nulla il sotto-testo  psicologico di Armando: “Non abbiamo scritto una sola battuta di quelle pronunciate, le interviste hanno preso corpo autonomamente e la nostra finzione è diventata reale nelle parole dei soggetti: è la bellezza di questo lavoro vedere quando prende vita da solo e stupirsene”. E anche con Catalano è stato così: due giorni di intervista fiume, prima nei panni di Guido e poi di Armando da cui il poeta è uscito “come psicoanalizzato”.

Sono Guido e non Guido è un film in cui il lavoro di regista e produzione sta, più che nello stile, nell’accurato lavoro di preparazione e rapporto con il personaggio, nel quale la forma si sposa con giusta e ammirevole ironia all’uomo di cui si vuole raccontare, al suo spirito: “Sia io sia Guido siamo contenti di ciò che è venuto da fuori da questo film, perché questo gioco divertente e umano ha fatto uscire cose che nessuno di noi si aspettava, lati di una personalità che forse un documentario tradizionale non avrebbe fatto emergere”. Lo spirito di un poeta che non vede l’ora di far ridere il proprio pubblico. Per poi, magari, fargli uscire un sospiro di commozione.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
Anteprima:Thelma_al cinema dal 21 giugno

Thelma

A Paranormal Queer Love story

Dal regista di "Reprise" e "Segreti di famiglia" il 21 giugno arriva in Italia "Thelma", quarta...
mucchio_Carrie_still

Carrie: horror rosso sangue

Un altro classico del cinema torna rimasterizzato in Home Video.

Dopo il super cofanetto dedicato a L’armata delle tenebre, Koch Media e Midnight Classics propongono in gran...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...