Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

551491794

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer a tutto tondo. Ecco chi è Guido Catalano. Ma Alessandro Maria Buonomo in Sono Guido e non Guido – mockumentary presentato al Torino Film Festival 2016 – svela anche che il poeta ha molte altre facce: e almeno un’altra incarnazione. Un gemello, Armando, vero autore delle poesie che legge il fratello visto che lui non può, soffrendo di una malattia che lo fa parlare al contrario.

“Quando con la Elianto Film – racconta Buonomo – abbiamo deciso di esordire con un film abbiamo sentito che il nostro desiderio era di parlare di poesia. E abbiamo sentito questo desiderio andando una sera a un reading di Catalano: c’erano 400 persone, al buio, in silenzio ad ascoltare poesie. È stato il contatto con una realtà che speravo esistesse ma che non avevo ancora visto dal vivo e che come esperienza mi ha ricordato molto il cinema”. Un film centrato sull’oralità, sulle parole tanto di Guido e Armando, quanto degli intervistati, in cui però per poter convincere davvero Catalano a partecipare è servito il gioco dello sdoppiamento, “per dargli la sensazione di fare un con lui, non su di lui”. E così la scelta del finto documentario e la doppia idea del gemello che indossa sempre gli occhiali da sole e ha la parola impedita tanto la sua penna è vivace e fluida. Una trovata comica, che Buonomo spinge fino al limite del grottesco e ridicolo per poi arrivare a emozionare lo spettatore: “Che è poi la struttura stessa delle poesie di Guido, l’ironia che ti disarma e l’emozione che poi ti colpisce”.

Interessato al reale più che alla realtà, ovvero alla possibilità di creare attraverso la comprensione di ciò che ci circonda, Buonomo ha così portato questo “gioco di attribuzione” alle estreme conseguenze, lavorando con tutti gli intervistati su sottile confine tra testimonianza e recitazione, facendo loro dire cose vere su Guido, ma arrivando al paradosso di creare dal nulla il sotto-testo  psicologico di Armando: “Non abbiamo scritto una sola battuta di quelle pronunciate, le interviste hanno preso corpo autonomamente e la nostra finzione è diventata reale nelle parole dei soggetti: è la bellezza di questo lavoro vedere quando prende vita da solo e stupirsene”. E anche con Catalano è stato così: due giorni di intervista fiume, prima nei panni di Guido e poi di Armando da cui il poeta è uscito “come psicoanalizzato”.

Sono Guido e non Guido è un film in cui il lavoro di regista e produzione sta, più che nello stile, nell’accurato lavoro di preparazione e rapporto con il personaggio, nel quale la forma si sposa con giusta e ammirevole ironia all’uomo di cui si vuole raccontare, al suo spirito: “Sia io sia Guido siamo contenti di ciò che è venuto da fuori da questo film, perché questo gioco divertente e umano ha fatto uscire cose che nessuno di noi si aspettava, lati di una personalità che forse un documentario tradizionale non avrebbe fatto emergere”. Lo spirito di un poeta che non vede l’ora di far ridere il proprio pubblico. Per poi, magari, fargli uscire un sospiro di commozione.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...