Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

Grace-810x400

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra familiare e spirituale. Sono questi i piani in cui si muove Grace Jones: Bloodlight and Bami, il documentario di Sophie Fiennes su uno dei simboli del pop-soul d’avanguardia negli anni ’80 che la ritrae oggi, fiera dei suoi 70 anni e della sua attività. La regista inglese era presente al Festival di Torino, dove il film è stato presentato prima dell’uscita in sala il 30 e 31 gennaio, e ha raccontato meglio il suo rapporto con Jones e con il film.

“L’idea di realizzare un film su Grace è venuta dalla stessa Grace: avevo realizzato un film su suo fratello, vescovo pentacostale e a lei era piaciuto molto, le piaceva ‘l’odore’ del film. Siamo diventate amiche e 18 mesi dopo il primo incontro mi ha chiamato dicendomi che le avevano proposto un documentario, ma che non voleva fare ciò che le chiedevano di fare e mi ha proposto di girare, di farlo secondo le nostre volontà, senza pressioni. È stata artefice del suo destino e così era giusto mostrarla. È stato un lavoro molto complesso, quasi tutto di osservazione del suo mondo, artistico o familiare, di unione di materiali diversi per darne uno sguardo complessivo. Grace è stata una collaboratrice creativa molto efficace, che ha dato piacere a un esperimento che non sapremmo dove sarebbe andato. La cosa migliore da documentarista è che Grace si è mostrata completamente, in modo radicale per me, senza voler controllare la sua immagine nello schermo nonostante sia performativa in ogni lato della sua vita, riempie le stanze e lo sguardo ovunque”.

Il film ha avuto una gestazione lunghissima cominciata dalla prima chiamata nel 2005 e dopo 4 o 5 anni Fiennes ha avuto la possibilità di mettere insieme tutti i materiali “come un’orchestrazione, con tutte le differenti tonalità”. Una parte consistente della realizzazione riguarda poi le performance teatrali, immaginifiche e affascinanti di Jones, ma anche quelle hanno dovuto far attendere la regista: “L’industria musicale molto spesso si basa su festival e lì con arene enormi e palchi che non si possono cambiare era impossibile creare l’impatto scenico giusto per Grace e cercare l’intimità con lo spettatore che lei preferisce”. Infatti alcune delle performance sono state create appositamente per la macchina da presa, mentre in altre Fiennes è riuscita a catturare lo spirito del momento colto sul palco, prendendosi i rischi di calcare un palco mai creato prima, con un light design, coreografia e costumi diversi per ogni canzone, creando spazi e figure differenti solo con gli elementi minimi per esaltare il racconto della canzone e la sua performance fisica.

È anche un film “family-oriented” in cui si racconta attraverso un viaggio in Giamaica il suo rapporto con i parenti e con le sue radici, anche spirituali e musicali, come la chiesa e il gospel che hanno segnato in modo imprevedibile la crescita di Jones: “Grace è una persona che ha una gamma enorme di sfumature e ognuna di queste entra a far parte della sua vita, delle sue performance, ma non ne sono mai la totalità. Il rapporto con lei a volte è come avere a che fare con Serena Williams mentre ti spara addosso i suoi servizi, ma questa vulcanicità è il suo carisma”. E questo carisma è stato fondamentale per non dover raccontare il momento culmine della sua carriera, ovvero gli anni ’80, ma poterne raccontare le scelte e i percorsi adesso, quando la vera essenza della sua arte possono emergere senza le luci della ribalta.

Ma su un palco, sotto quelle luci, Jones esplode e il film si pone a metà tra un documentario umano e un film-concerto, scegliendo una serie di canzoni e performance mostrate nella loro interezza, dando particolare risalto al contenuto di quelle canzoni, come se raccontassero in un’altra prospettiva ciò che il film raccontava sentendola parlare. “Ho deciso di usare le canzoni anche per non usare i modi tipici del documentario, con la voce fuori campo che si confessa allo spettatore, oppure con intervista in cui l’artista spiega le sue opere. Come in un musical o in un’opera abbiamo fatto in modo che le canzoni parlassero delle persone e dei temi stessi del film. Abbiamo scelto le canzoni con cura, le abbiamo montate per 6 mesi circa, sfruttando il carattere auto-biografico delle canzoni stesse”.

Bloodlight and Bami è anche il ritratto di una donna che usato in modo modernissimo e personale il corpo come mezzo di auto-determinazione e auto-narrazione, tanto sulla scena quanto nella vita privata: “Di solito le persone si sentono esposte quando sono nude, se sanno che in molti possono vedere il loro corpo: Grace invece si sente potente quando è nuda. Il suo corpo parla di lei e parla in generale, attraverso il corpo lei crea la sua musica”. Ma il suo corpo è anche uno dei baluardi dell’androginia, della transizione e della fluidità sessuale, della costruzione dell’identità personale: “Le persone si possono dividere in performer e non performer. Se come Grace si è una performer, anche quando non si è sul palco si immagina sempre il proprio corpo e la propria identità, si pensa sempre a come si sta apparendo o si potrebbe apparire e nel film Grace lo fa di continuo: immagina e costruisce la sua identità di continuo, sfidando il patriarcato della sua famiglia e della sua società, quella giamaicana, anche nel rifiutare apparenze e identità precostituite, giocando spesso su riferimenti mitologici e archetipici, come la Medusa, le Arpie”. La sua abilità nell’essere fiera, sensuale e rude, nell’utilizzare elementi mascolini per creare un fascino tra(n)sversale: nella sua icona, si trova tutta la personalità possibile di una donna.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
halloween

Halloween: il buio oltre la siepe

Di nuovo in sala il cult movie di John Carpenter.

Come tutti i film dell’orrore che si sono fatti strada nella vita, anche Halloween (1978) di John...
wearex

Yoshiki

Il leader degli X-Japan presenta il film "We Are X"

Sembra fragilissimo, efebico, sul punto di rompersi da un momento all’altro. Nel corpo (il polso ben fasciato),...
Poster-Lucca-Comics-2017

Lucca Comics & Games 2017

Lucca | 1-5 novembre

Lucca Comics & Games  HEROES 1-5 novembre 2017 Torna anche quest’anno l’Area Movie di Lucca Comics & Games,...