Pier Vittorio Tondelli

Biglietto ad un amico

A 25 anni dalla morte dell'autore, condividiamo il ricordo di Elisabetta Sgarbi, ex direttore editoriale di Bompiani, la casa editrice che pubblica l'intera opera tondelliana. L'intervista era presente sul Mucchio n. 726 - gennaio 2015.
PIER VITTORIO TONDELLI
Biglietto ad un amico

Quando arrivava in casa editrice lo si notava subito, essendo molto alto. Passava veloce, silenziosamente, portandosi appresso la sua naturale timidezza. Poi sorrideva, ed ecco emergere il Tondelli dei suoi libri, della leggerezza e della malinconia che mi è caro ritrovare leggendolo”, così Elisabetta Sgarbi, amica e per lungo tempo direttore editoriale di Bompiani (oggi a La nave di Teseo), la casa editrice che pubblica l’opera completa tondelliana, ricorda Pvt.

Come ha incontrato e conosciuto Pier Vittorio Tondelli?
L’ho conosciuto davvero, in profondità, nei primi anni 90, quando abbiamo dato vita con lui, Alain Elkann e Elisabetta Rasy, Jay McInerney alla rivista “Panta” una bella avventura, che continua ancora oggi nel suo nome. Una “rivista di mondi narrati”, aliena da ogni pregiudizio ideologico e stilistico. Pier Vittorio era entusiasta del progetto e nell’editoriale del primo numero scriveva che “Panta” “è realizzata da un gruppo di autori la cui appartenenza a una stessa generazione si esprime nella ritrovata fiducia del narrare”. Potrei indicare alcune caratteristiche che subito mi colpirono di lui: l’eleganza, come diceva anche Fernanda Pivano, l’ironia, il tratto infantile, la vocazione a fare senza risparmiarsi e pensando sempre agli altri quasi più che a se stesso.

Qual è stata, secondo lei, l’innovazione più grande che Tondelli ha immesso nella narrativa italiana?
La capacità di raccontare la giovinezza e i suoi furori: era un Giordano Bruno della narrativa novecentesca, un innovatore puro. In grado di ridare al lettore le emozioni che si provano durante le fasi di transizione della vita personale.

Come viveva la sua funzione di intellettuale?
Cercando di dare voce agli altri, anche agli ignoti, consigliando, suggerendo, senza mai tirarsi indietro, e non è una notazione retorica.

In pochi anni di attività, Tondelli ha scritto e pubblicato romanzi, racconti, pezzi giornalistici con approcci stilistici differenti. Da lettrice, qual è il Tondelli che ha apprezzato di più?
Il Tondelli di Camere separate e quello intimo, quasi mistico, di una sua mistica del tutto laica, di Biglietti agli amici. Ma è tutto da leggere, la sua anima poetica è un flusso che investe ogni parola, ogni trama.

Ogni anno si celebrano incontri su Tondelli, i suoi romanzi continuano ad essere venduti regolarmente, tanti ragazzi si laureano scrivendo tesi sui suoi libri, qualche critico che “in presa diretta” lo aveva sottostimato ha fatto marcia indietro (penso ad Angelo Guglielmi, ad esempio). Come valuta, per così dire, l’eredità di Tondelli a venticinque anni dalla sua scomparsa? Ha la considerazione che merita un intellettuale del suo calibro?
A Tondelli molti scrittori di oggi debbono molto e molto gli deve l’editoria contemporanea. Pier e il più giovane Andrea De Carlo hanno liberato il romanzo puro, consegnandolo alle generazioni successive svincolato dalle maglie a volte troppo strette delle ideologie e dello sperimentalismo. I narratori puri di oggi hanno questo debito nei confronti di Andrea e Pier, che agivano in un terreno ostile, spesso, ma che hanno affrontato con tutta la sfrontatezza necessaria agli scrittori. È una storia ancora da scrivere, ma importante e bella. Poi direi che il contributo essenziale di Pier alla narrativa è stato quello di dare forma e sostanza all’esperienza reale, accumulata, carica di fatti e immaginazioni. Non quindi la semplice esperienza “vissuta”, ma qualcosa di più alto, di più vasto, che include il profondo senso delle cose, una prospettiva esistenziale sempre fatta valere senza schermi, il che è possibile ai grandi.

Pubblicato sul Mucchio n. 726, Gennaio 2015

Commenti

Altri contenuti Letture / Libri
aaaaderek

Confondere realtà e fiction

Un estratto dal nuovo libro di Chiara Lalli

Pubblichiamo un estratto da "Non avrai altro Dio all'infuori di te", libro sulla mitomania scritto da Chiara...
vs PLPL16-Vanni-Santoni-Anna-Foglietta-Emons-1

Vanni Santoni

Tra scrittura e mondo editoriale

Una chiacchierata con l'autore del libro "La stanza profonda"
37239-the-king-il-magazine-cover

A tutto King

Il 2017 sarà l’anno di Stephen King

Non è un mistero che il 2017 sarà l’anno di Stephen King, in chiave cinematografica e...
jones

Stephen Graham Jones

L'orrore in letteratura

Lo scrittore americano autore di "Albero di carne", pubblicato in in Italia da Racconti edizioni.
best

Libri: best of 2016

Chiedendovi scusa per per tutti i libri di cui non abbiamo scritto durante l'anno (qualche volta facendovi...
PIER VITTORIO TONDELLI
Biglietto ad un amico

Pier Vittorio Tondelli

Biglietto ad un amico

A 25 anni dalla morte dell'autore, condividiamo il ricordo di Elisabetta Sgarbi, ex direttore editoriale di Bompiani,...
1

Toni Bruno

Il fumettista cosmonauta

"Un giorno mi capitò di leggere un articolo su Jurij Gagarin e le conseguenze psicologiche dovute al...
bunker

Edward Bunker

Ritratto di un maestro del genere noir e crime

All’inizio del film Le iene di Quentin Tarantino, quando tutti i personaggi sono seduti intorno a un...
foto_yasmin

Intervista a Yasmin Incretolli

In libreria con "Mescolo tutto"

Un nuovo esordio per la casa editrice Tunuè: "ho provato a ribaltare il romanzo adolescenziale"
kerry

Intervista a Kerry Hudson

La scrittura come esperienza catartica

La scrittrice scozzese ci parla di "Tutti gli uomini di mia madre", appena tradotto per minimum fax
hasbun

Rodrigo Hasbún

Intervista allo scrittore boliviano, autore di "Andarsene"

Un romanzo breve intenso e affascinante, capace di combinare con grazia storia del Novecento e biografie individuali
ward

Colazione con Robert Ward

Viaggio con l'autore di "Io sono Red Baker"

Lo scrittore americano in Italia per presentare il suo nuovo romanzo “Hollywood Requiem"