Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con "Hippie dixit" al suo terzo disco da solista. Un doppio album denso, profondo, dove ci si imbatte in canzoni pop, ma anche nel rock e in una psichedelia che, a tratti, rimanda agli anni '70 di artisti come Claudio Rocchi o Alan Sorrenti. Le chiavi di lettura diventano molteplici.
amerigo_img-6136

Nei cento minuti di Hippie dixit, uscito a dicembre 2016, ci si imbatte in una storia, quella di Amerigo – fondatore, fra l’altro, di ottimi gruppi underground quali Allison Run e Lula – ed è facile e quasi automatico specchiarcisi. Ci sono vicende personali, private; che si concretizzano in luoghi del cuore, trovando vita nello spazio di una canzone. Ed ecco la geografia. Basta dare un’occhiata ai titoli. Brindisi (città natale del cantante), Tangeri, passando per Korinthos, la via Appia e le Due Sicilie, in un volo magico (cit.), affascinante, misterioso e completamente fuori dal “nostro tempo”.

 

Sentendo il tuo nuovo album, sembra esserci una voce che ripete “anni ’70, anni ’70…“. Titolo, suoni, testi e anche copertina, rimandano spesso a quell’epoca. Una scelta voluta?
No, di certo. Personalmente non lo vedo come un progetto ancorato a un decennio in particolare, ma ci può stare che stilisticamente o concettualmente possa ricordare passi della musica prodotta in quegli anni. Comunque, questa è una materia di discussione che nello specifico riguarda più il vostro lavoro, e io cerco per quanto possibile di rispettare i ruoli e le idee di ognuno.


Hippie dixit, un titolo geniale…

Trovo divertente il fatto che, in qualche strano modo, il titolo risponda alla tua domanda precedente. È un semplice gioco di parole, con cui prendo un po’ in giro me stesso ed evidentemente anche chi crede davvero che io appartenga alla categoria degli inguaribili nostalgici.


Torniamo ai testi, che sembrano ritrarre visioni celesti, alte, ma parlano anche dell’uomo e dei suoi limiti. Come avviene la fase di scrittura?

L’uomo è fatto di spirito, mente e materia, e di conseguenza Hippie dixit, che è un album che parla dell’essenza dell’uomo, delle sue tensioni e delle sue contraddizioni legate alla quotidianità, cerca di esplorarne le diverse facce. È un tipo di scrittura che mi viene piuttosto naturale, perché sono vecchio e i vecchi spesso tendono a considerare seriamente questo genere di argomenti.

 

Cento minuti per un CD, non sono troppi?
Cento minuti non sono troppi in assoluto. Possono sembrare persino pochi, se ti ritrovi coinvolto in una forte sintonia con i suoni e le parole. Hippie dixit è un regalo per chi evidentemente ha voglia di farsi un regalo di questo genere. Gli altri non dovrebbero sentirsi in obbligo di ascoltarlo tutto d’un fiato, così come potrebbero anche decidere di non ascoltarlo affatto.


Ascoltandolo, si sentono lunghi accordi di chitarra, decisamente fuori moda, alternati a brani rock, psichedelici e anche pop. Non temevi una certa disomogeneità?

No, affatto. E d’altronde, non credi che sarebbe stato peggio realizzare cento minuti solo con “lunghi accordi di chitarra decisamente fuori moda”?

AMERIGO_IMG_6258


Retrospettivamente, come osservi, nel 2017, i tuoi trent’anni di carriera?

Posso solo dirti che mi fa piacere esserci arrivato e di poterli festeggiare con un album come Hippie dixit.

 

Per quanto riguarda la musica di oggi, chi sono, se ci sono, gli artisti che apprezzi maggiormente, italiani o stranieri?
Francesco Motta mi piace molto, è uno dei pochi con una genuina attitudine rock underground. Alessandro Tomaselli è il talento nascosto, scrive canzoni magiche. E poi ho assistito a un concerto di Shilpa Ray che mi ha davvero emozionato.


Hippie dixit ha visto la luce anche grazie al crowfunding: invitavi i lettori a sostenere tre progetti. Il primo riguarda il disco in oggetto, il secondo una raccolta di brani mai pubblicati e il terzo il tuo primo libro, che si intitolerà S.I.N. – Scherzi improvvisi. Notturni. Ci dici di più sul secondo e terzo progetto?

Il CD I sogni nelle cassette è stata un’idea per salvare alcuni vecchi demo estraendoli dalle audiocassette in decomposizione. Ho pensato che potesse essere una bella cosa per chi mi segue dal 1987 o giù di lì. Il libro è una raccolta di scritti, ma prima di diventare libro era un semplice laboratorio in cui sperimentavo storie, rime e costruzioni verbali, divertendomi molto a farlo.

 

Hai in mente un tour per il 2017?
La mia agenzia, L’Eretico Booking, sta organizzando un tour promozionale che partirà tra febbraio e marzo. Suonerò in quartetto e poi farò delle date anche da solo.

Commenti

Altri contenuti Musica
100x140-PRINT-CONTORNO.indd

TRI-P

Musica indisciplinata

Dalla rivelazione Moses Sumney ad un veterano come Mark Lanegan, ce n’è per tutti i gusti in...
Medimex 2018_Cartolina da Taranto

Medimex 2018

Cartolina da Taranto

Da giovedì 7 giugno a domenica 10 giugno siamo volati al Medimex, evento Puglia Sounds,...
breeders 1

The Breeders

@Cortile Castello Estense, Ferrara (05/06/2018)

Prima data italiana, in assoluto, per la celebre band delle sorelle Deal, a inaugurare la 23esima edizione...
Yorke Firenze

Thom Yorke (+ Oliver Coates)

@Teatro Verdi, Firenze (28/05/2018)

Prima data del nuovo tour europeo da solista, per il leader dei Radiohead, con il violoncellista Oliver...
Bruno Belissimo_intervista

Bruno Belissimo

Il party del musicista italo-canadese entra nel vivo con il secondo album “Ghetto Falsetto”, all’insegna della disco...
The Breeders_intervista

The Breeders

Icona indie rock, assente di lusso nel nuovo corso discografico dei Pixies, Kim Deal ritorna alla sua...
Greil Marcus racconta Lester Bangs

Lester Bangs

Greil Marcus ricorda l'amico e collega

35 anni fa moriva Lester Bangs. Ce lo racconta il critico rock Greil Marcus, suo amico e...
Downtown Boys_intervista

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Nils_Frahm_18-10-17_-_Photo_by_Mathew_Parri_Thomas-01_1290_726

Indieclassica

Una piccola rivoluzione in atto

L'unica data di Nils Frahm il 2 maggio 2018 al Fabrique di Milano, ci suggerisce di ripubblicare...
Motta, jan 2018

Motta

Quattro appuntamenti dal vivo alla fine di maggio anticipano il tour di Francesco Motta che con il...
JOHN PARISH_intervista

John Parish

Atteso al festival di ricerca Fabbrica Europa, a Firenze dal 4 maggio al 10 giugno, e in...
TOBJAH_intervista

Tobjah

Dall'avventura nei C+C Maxigross al debutto da solista, in italiano, per un folk libero, spirituale. Tobia Poltronieri...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...
GENERIC ANIMAL_intervista

Generic Animal

Equilibrista pop

In Generic Animal, Luca Galizia fa pop. Ma atipico. Una "nuova" realtà nel panorama italiano.
L I M_intervista

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...