Austra

Questione di voce

A poche settimane dall’uscita del loro secondo album ("Olympia", su Paper Bag Records e su Domino per l’Europa) abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Katie Stelmanis, vox mirabilis e fondatrice dei canadesi Austra. Quelle che abbiamo raccolto sono risposte dirette, sintomo di una personalità complicata, decisa, a tratti contraddittoria. Come solo i grandi artisti sanno di avere.
austra_photo_by_norman_wong_13_334c6154ccxcccc

Dopo un successo come quello ottenuto con il vostro debutto Feel It Break, ci saranno state molte aspettative, sia da parte dei fan sia dalla vostra etichetta discografica…
La paura di deludere queste persone non mi ha mai condizionata. Considero Feel It Break come il passaggio obbligato che mi ha portato ad ottenere una maggiore confidenza in studio; il risultato è che per la prima volta ho fatto un disco che suona esattamente come volevo che suonasse, il che non è poco.

Però ci sono voluti circa due anni perché il progetto Austra prendesse forma e uscisse un primo disco. Per Olympia i tempi si sono ovviamente ridotti. Quando sei riuscita a comporre i nuovi brani?
Ho iniziato a scriverli circa un anno e mezzo fa, un periodo in cui mi sono presa del tempo per me stessa, rinchiudendomi in un appartamento senza Internet, evitando relazioni di qualsiasi tipo. È stato necessario per fare ordine nella mia testa e riprendere a comporre nuove canzoni.

Si parla al singolare, eppure Austra è una band che allo stato attuale conta fino a sei elementi. Anche con la foto di copertina sembra di trovarsi di fronte ad un’artista solista.
Fondamentalmente Austra rimane un progetto di tre persone. Nelle cinque settimane che abbiamo impiegato in studio per dare vita ai brani del disco c’eravamo io, Maya e Dorian (Maya Postepski e Dorian Wolf, rispettivamente percussioni e basso, NdR). È in tour che la collaborazione con gli altri musicisti, in particolar modo Romy e Sari Lightman dei Tasseomancy, si intensifica… Anche se va detto, Sari ha scritto anche molti dei testi di Olympia. La cover invece l’abbiamo scelta per ragioni puramente estetiche. Non è facile fare una foto con sei persone (il sesto elemento è Ryan Wonsiak, tastierista, NdR) e tutto sommato, non penso nemmeno che sia necessario. C’è una bellissima immagine all’interno dell’artwork, un poster pieghevole. Lì c’è spazio per tutti!

Il lavoro di gruppo lo si riscontra anche nelle canzoni, però. Negli arrangiamenti, ad esempio. Se fino a qualche anno fa la tua voce risaltava su tutto, con Olympia voce e suono si fondono maggiormente.
Vero. Con questo disco ho voluto concentrarmi principalmente sulla scrittura dei brani. Non volevo che le parti vocali guidassero le canzoni, ma che fossero le canzoni a guidare la mia voce.

Questo nuovo equilibrio lo si ritrova anche nei testi. Sono poetici ma al tempo stesso con una qualità “confessional”. Si tratta di cambiamenti consapevoli o frutto di una naturale evoluzione?
Consapevoli, senza dubbio. Esibizione dopo esibizione ho capito che ciò che avrei voluto fare col secondo album era cantare fatti reali, concreti. Ho sempre amato canzoni dietro cui si cela una storia vera, penso a Crying di Roy Orbison, a Natural Woman di Carole King, quindi ho lavorato con Sari, più poeta di quanto non sia io, per sviluppare testi che andassero in quella direzione.

L’etichetta di poeta si aggiunge a tutte quelle che, talvolta in modo superficiale, vi sono state assegnate, da gothy a arty, passando per un più semplice strani. Tu come definiresti Austra?
Preferisco essere una band senza etichette. Feel It Break era abbastanza goth, quindi immagino che tutto sia nato da lì, ma quel suono definisce l’album non l’artista. Con Olympia abbiamo voluto fare qualcosa di completamente diverso, anche perché come artista penso che sia noioso sposare un solo genere o una sola idea.

So che adesso vivi stabilmente a Toronto, la cui scena musicale oscilla da “molto varia” a “eccessivamente spezzettata”. La stessa Paper Bag Records ha nel suo roster una proposta molto articolata. Questa apertura ha agevolato la band nel fare scelte di un certo tipo?
Ad essere sinceri anche qui ci si sente come degli outsider. Quando suonavo nelle Galaxy (progetto di metà anni ‘00 con Maya e Emma McKenna, NdR) a nessuno interessava il movimento riot grrl. Una volta che ho iniziato a lavorare con strumenti elettronici, mi è stato consigliato di passare a strumenti veri per fare risaltare la mia voce… Ora che viaggio spesso, più che pensarmi inclusa in qualcosa di così locale, preferisco considerare Austra come parte di una scena musicale internazionale.

Altri contenuti Musica
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...