Austra

Questione di voce

A poche settimane dall’uscita del loro secondo album ("Olympia", su Paper Bag Records e su Domino per l’Europa) abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Katie Stelmanis, vox mirabilis e fondatrice dei canadesi Austra. Quelle che abbiamo raccolto sono risposte dirette, sintomo di una personalità complicata, decisa, a tratti contraddittoria. Come solo i grandi artisti sanno di avere.
austra_photo_by_norman_wong_13_334c6154ccxcccc

Dopo un successo come quello ottenuto con il vostro debutto Feel It Break, ci saranno state molte aspettative, sia da parte dei fan sia dalla vostra etichetta discografica…
La paura di deludere queste persone non mi ha mai condizionata. Considero Feel It Break come il passaggio obbligato che mi ha portato ad ottenere una maggiore confidenza in studio; il risultato è che per la prima volta ho fatto un disco che suona esattamente come volevo che suonasse, il che non è poco.

Però ci sono voluti circa due anni perché il progetto Austra prendesse forma e uscisse un primo disco. Per Olympia i tempi si sono ovviamente ridotti. Quando sei riuscita a comporre i nuovi brani?
Ho iniziato a scriverli circa un anno e mezzo fa, un periodo in cui mi sono presa del tempo per me stessa, rinchiudendomi in un appartamento senza Internet, evitando relazioni di qualsiasi tipo. È stato necessario per fare ordine nella mia testa e riprendere a comporre nuove canzoni.

Si parla al singolare, eppure Austra è una band che allo stato attuale conta fino a sei elementi. Anche con la foto di copertina sembra di trovarsi di fronte ad un’artista solista.
Fondamentalmente Austra rimane un progetto di tre persone. Nelle cinque settimane che abbiamo impiegato in studio per dare vita ai brani del disco c’eravamo io, Maya e Dorian (Maya Postepski e Dorian Wolf, rispettivamente percussioni e basso, NdR). È in tour che la collaborazione con gli altri musicisti, in particolar modo Romy e Sari Lightman dei Tasseomancy, si intensifica… Anche se va detto, Sari ha scritto anche molti dei testi di Olympia. La cover invece l’abbiamo scelta per ragioni puramente estetiche. Non è facile fare una foto con sei persone (il sesto elemento è Ryan Wonsiak, tastierista, NdR) e tutto sommato, non penso nemmeno che sia necessario. C’è una bellissima immagine all’interno dell’artwork, un poster pieghevole. Lì c’è spazio per tutti!

Il lavoro di gruppo lo si riscontra anche nelle canzoni, però. Negli arrangiamenti, ad esempio. Se fino a qualche anno fa la tua voce risaltava su tutto, con Olympia voce e suono si fondono maggiormente.
Vero. Con questo disco ho voluto concentrarmi principalmente sulla scrittura dei brani. Non volevo che le parti vocali guidassero le canzoni, ma che fossero le canzoni a guidare la mia voce.

Questo nuovo equilibrio lo si ritrova anche nei testi. Sono poetici ma al tempo stesso con una qualità “confessional”. Si tratta di cambiamenti consapevoli o frutto di una naturale evoluzione?
Consapevoli, senza dubbio. Esibizione dopo esibizione ho capito che ciò che avrei voluto fare col secondo album era cantare fatti reali, concreti. Ho sempre amato canzoni dietro cui si cela una storia vera, penso a Crying di Roy Orbison, a Natural Woman di Carole King, quindi ho lavorato con Sari, più poeta di quanto non sia io, per sviluppare testi che andassero in quella direzione.

L’etichetta di poeta si aggiunge a tutte quelle che, talvolta in modo superficiale, vi sono state assegnate, da gothy a arty, passando per un più semplice strani. Tu come definiresti Austra?
Preferisco essere una band senza etichette. Feel It Break era abbastanza goth, quindi immagino che tutto sia nato da lì, ma quel suono definisce l’album non l’artista. Con Olympia abbiamo voluto fare qualcosa di completamente diverso, anche perché come artista penso che sia noioso sposare un solo genere o una sola idea.

So che adesso vivi stabilmente a Toronto, la cui scena musicale oscilla da “molto varia” a “eccessivamente spezzettata”. La stessa Paper Bag Records ha nel suo roster una proposta molto articolata. Questa apertura ha agevolato la band nel fare scelte di un certo tipo?
Ad essere sinceri anche qui ci si sente come degli outsider. Quando suonavo nelle Galaxy (progetto di metà anni ‘00 con Maya e Emma McKenna, NdR) a nessuno interessava il movimento riot grrl. Una volta che ho iniziato a lavorare con strumenti elettronici, mi è stato consigliato di passare a strumenti veri per fare risaltare la mia voce… Ora che viaggio spesso, più che pensarmi inclusa in qualcosa di così locale, preferisco considerare Austra come parte di una scena musicale internazionale.

Altri contenuti Musica
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
Yakamoto Kotzuga_intervista

Yakamoto Kotzuga

Il fascino della dissolvenza

Il secondo album "Slowly Fading", la partecipazione alla prossima Red Bull Music Academy: parliamo con il giovane...
Pink Floyd_accadeva 50 anni fa

Pink Floyd

L'esercito della Salvezza racconta

Nell’estate di 50 anni fa Syd Barrett si congedava dai Pink Floyd con una canzone folle nata...
Efrim Manuel Menuck_intervista

Efrim Manuel Menuck

Il fondatore dei Godspeed You! Black Emperor affronta la sua carriera a cerchi concentrici: dalla solitudine del...
Eleanor Friedberger_intervista

Eleanor Friedberger

In viaggio con l’ex Fiery Furnaces, inconfondibile songwriter al quarto album con "Rebound". Dagli U.S.A. alla Grecia,...
Cat Power_Ode a Chan Marshall

Cat Power

Ode a Chan Marshall


“A volte ricordo che il pubblico è lì davanti e vado nel panico. Allora mi dico: forza,...
100x140-PRINT-CONTORNO.indd

TRI-P

Musica indisciplinata

Dalla rivelazione Moses Sumney ad un veterano come Mark Lanegan, ce n’è per tutti i gusti in...
Medimex 2018_Cartolina da Taranto

Medimex 2018

Cartolina da Taranto

Da giovedì 7 giugno a domenica 10 giugno siamo volati al Medimex, evento Puglia Sounds,...
breeders 1

The Breeders

@Cortile Castello Estense, Ferrara (05/06/2018)

Prima data italiana, in assoluto, per la celebre band delle sorelle Deal, a inaugurare la 23esima edizione...
Yorke Firenze

Thom Yorke (+ Oliver Coates)

@Teatro Verdi, Firenze (28/05/2018)

Prima data del nuovo tour europeo da solista, per il leader dei Radiohead, con il violoncellista Oliver...
Bruno Belissimo_intervista

Bruno Belissimo

Il party del musicista italo-canadese entra nel vivo con il secondo album “Ghetto Falsetto”, all’insegna della disco...
The Breeders_intervista

The Breeders

Icona indie rock, assente di lusso nel nuovo corso discografico dei Pixies, Kim Deal ritorna alla sua...
Greil Marcus racconta Lester Bangs

Lester Bangs

Greil Marcus ricorda l'amico e collega

35 anni fa moriva Lester Bangs. Ce lo racconta il critico rock Greil Marcus, suo amico e...
Downtown Boys_intervista

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Nils_Frahm_18-10-17_-_Photo_by_Mathew_Parri_Thomas-01_1290_726

Indieclassica

Una piccola rivoluzione in atto

L'unica data di Nils Frahm il 2 maggio 2018 al Fabrique di Milano, ci suggerisce di ripubblicare...