Austra

Questione di voce

A poche settimane dall’uscita del loro secondo album ("Olympia", su Paper Bag Records e su Domino per l’Europa) abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Katie Stelmanis, vox mirabilis e fondatrice dei canadesi Austra. Quelle che abbiamo raccolto sono risposte dirette, sintomo di una personalità complicata, decisa, a tratti contraddittoria. Come solo i grandi artisti sanno di avere.
austra_photo_by_norman_wong_13_334c6154ccxcccc

Dopo un successo come quello ottenuto con il vostro debutto Feel It Break, ci saranno state molte aspettative, sia da parte dei fan sia dalla vostra etichetta discografica…
La paura di deludere queste persone non mi ha mai condizionata. Considero Feel It Break come il passaggio obbligato che mi ha portato ad ottenere una maggiore confidenza in studio; il risultato è che per la prima volta ho fatto un disco che suona esattamente come volevo che suonasse, il che non è poco.

Però ci sono voluti circa due anni perché il progetto Austra prendesse forma e uscisse un primo disco. Per Olympia i tempi si sono ovviamente ridotti. Quando sei riuscita a comporre i nuovi brani?
Ho iniziato a scriverli circa un anno e mezzo fa, un periodo in cui mi sono presa del tempo per me stessa, rinchiudendomi in un appartamento senza Internet, evitando relazioni di qualsiasi tipo. È stato necessario per fare ordine nella mia testa e riprendere a comporre nuove canzoni.

Si parla al singolare, eppure Austra è una band che allo stato attuale conta fino a sei elementi. Anche con la foto di copertina sembra di trovarsi di fronte ad un’artista solista.
Fondamentalmente Austra rimane un progetto di tre persone. Nelle cinque settimane che abbiamo impiegato in studio per dare vita ai brani del disco c’eravamo io, Maya e Dorian (Maya Postepski e Dorian Wolf, rispettivamente percussioni e basso, NdR). È in tour che la collaborazione con gli altri musicisti, in particolar modo Romy e Sari Lightman dei Tasseomancy, si intensifica… Anche se va detto, Sari ha scritto anche molti dei testi di Olympia. La cover invece l’abbiamo scelta per ragioni puramente estetiche. Non è facile fare una foto con sei persone (il sesto elemento è Ryan Wonsiak, tastierista, NdR) e tutto sommato, non penso nemmeno che sia necessario. C’è una bellissima immagine all’interno dell’artwork, un poster pieghevole. Lì c’è spazio per tutti!

Il lavoro di gruppo lo si riscontra anche nelle canzoni, però. Negli arrangiamenti, ad esempio. Se fino a qualche anno fa la tua voce risaltava su tutto, con Olympia voce e suono si fondono maggiormente.
Vero. Con questo disco ho voluto concentrarmi principalmente sulla scrittura dei brani. Non volevo che le parti vocali guidassero le canzoni, ma che fossero le canzoni a guidare la mia voce.

Questo nuovo equilibrio lo si ritrova anche nei testi. Sono poetici ma al tempo stesso con una qualità “confessional”. Si tratta di cambiamenti consapevoli o frutto di una naturale evoluzione?
Consapevoli, senza dubbio. Esibizione dopo esibizione ho capito che ciò che avrei voluto fare col secondo album era cantare fatti reali, concreti. Ho sempre amato canzoni dietro cui si cela una storia vera, penso a Crying di Roy Orbison, a Natural Woman di Carole King, quindi ho lavorato con Sari, più poeta di quanto non sia io, per sviluppare testi che andassero in quella direzione.

L’etichetta di poeta si aggiunge a tutte quelle che, talvolta in modo superficiale, vi sono state assegnate, da gothy a arty, passando per un più semplice strani. Tu come definiresti Austra?
Preferisco essere una band senza etichette. Feel It Break era abbastanza goth, quindi immagino che tutto sia nato da lì, ma quel suono definisce l’album non l’artista. Con Olympia abbiamo voluto fare qualcosa di completamente diverso, anche perché come artista penso che sia noioso sposare un solo genere o una sola idea.

So che adesso vivi stabilmente a Toronto, la cui scena musicale oscilla da “molto varia” a “eccessivamente spezzettata”. La stessa Paper Bag Records ha nel suo roster una proposta molto articolata. Questa apertura ha agevolato la band nel fare scelte di un certo tipo?
Ad essere sinceri anche qui ci si sente come degli outsider. Quando suonavo nelle Galaxy (progetto di metà anni ‘00 con Maya e Emma McKenna, NdR) a nessuno interessava il movimento riot grrl. Una volta che ho iniziato a lavorare con strumenti elettronici, mi è stato consigliato di passare a strumenti veri per fare risaltare la mia voce… Ora che viaggio spesso, più che pensarmi inclusa in qualcosa di così locale, preferisco considerare Austra come parte di una scena musicale internazionale.

Altri contenuti Musica
GimmeDanger_Trailer

Iggy Pop & The Stooges

Punk prima di te

A febbraio la storia degli Stooges è arrivata sul grande schermo anche in Italia e la “visione”...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
JULIE'S HAIRCUT
- "Il" gruppo psichedelico italiano per eccellenza in tour

Julie’s Haircut

Eterno movimento

A fine febbraio i Julie's Haircut sono tornati con un settimo album, “Invocation and Ritual Dance of...
OvO
- Freak power!

OvO

Freak power!

L'album che ha visto la luce negli ultimi mesi del 2016, "Creatura". L'esteso tour europeo da poco...
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...