Austra

Questione di voce

A poche settimane dall’uscita del loro secondo album ("Olympia", su Paper Bag Records e su Domino per l’Europa) abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Katie Stelmanis, vox mirabilis e fondatrice dei canadesi Austra. Quelle che abbiamo raccolto sono risposte dirette, sintomo di una personalità complicata, decisa, a tratti contraddittoria. Come solo i grandi artisti sanno di avere.
austra_photo_by_norman_wong_13_334c6154ccxcccc

Dopo un successo come quello ottenuto con il vostro debutto Feel It Break, ci saranno state molte aspettative, sia da parte dei fan sia dalla vostra etichetta discografica…
La paura di deludere queste persone non mi ha mai condizionata. Considero Feel It Break come il passaggio obbligato che mi ha portato ad ottenere una maggiore confidenza in studio; il risultato è che per la prima volta ho fatto un disco che suona esattamente come volevo che suonasse, il che non è poco.

Però ci sono voluti circa due anni perché il progetto Austra prendesse forma e uscisse un primo disco. Per Olympia i tempi si sono ovviamente ridotti. Quando sei riuscita a comporre i nuovi brani?
Ho iniziato a scriverli circa un anno e mezzo fa, un periodo in cui mi sono presa del tempo per me stessa, rinchiudendomi in un appartamento senza Internet, evitando relazioni di qualsiasi tipo. È stato necessario per fare ordine nella mia testa e riprendere a comporre nuove canzoni.

Si parla al singolare, eppure Austra è una band che allo stato attuale conta fino a sei elementi. Anche con la foto di copertina sembra di trovarsi di fronte ad un’artista solista.
Fondamentalmente Austra rimane un progetto di tre persone. Nelle cinque settimane che abbiamo impiegato in studio per dare vita ai brani del disco c’eravamo io, Maya e Dorian (Maya Postepski e Dorian Wolf, rispettivamente percussioni e basso, NdR). È in tour che la collaborazione con gli altri musicisti, in particolar modo Romy e Sari Lightman dei Tasseomancy, si intensifica… Anche se va detto, Sari ha scritto anche molti dei testi di Olympia. La cover invece l’abbiamo scelta per ragioni puramente estetiche. Non è facile fare una foto con sei persone (il sesto elemento è Ryan Wonsiak, tastierista, NdR) e tutto sommato, non penso nemmeno che sia necessario. C’è una bellissima immagine all’interno dell’artwork, un poster pieghevole. Lì c’è spazio per tutti!

Il lavoro di gruppo lo si riscontra anche nelle canzoni, però. Negli arrangiamenti, ad esempio. Se fino a qualche anno fa la tua voce risaltava su tutto, con Olympia voce e suono si fondono maggiormente.
Vero. Con questo disco ho voluto concentrarmi principalmente sulla scrittura dei brani. Non volevo che le parti vocali guidassero le canzoni, ma che fossero le canzoni a guidare la mia voce.

Questo nuovo equilibrio lo si ritrova anche nei testi. Sono poetici ma al tempo stesso con una qualità “confessional”. Si tratta di cambiamenti consapevoli o frutto di una naturale evoluzione?
Consapevoli, senza dubbio. Esibizione dopo esibizione ho capito che ciò che avrei voluto fare col secondo album era cantare fatti reali, concreti. Ho sempre amato canzoni dietro cui si cela una storia vera, penso a Crying di Roy Orbison, a Natural Woman di Carole King, quindi ho lavorato con Sari, più poeta di quanto non sia io, per sviluppare testi che andassero in quella direzione.

L’etichetta di poeta si aggiunge a tutte quelle che, talvolta in modo superficiale, vi sono state assegnate, da gothy a arty, passando per un più semplice strani. Tu come definiresti Austra?
Preferisco essere una band senza etichette. Feel It Break era abbastanza goth, quindi immagino che tutto sia nato da lì, ma quel suono definisce l’album non l’artista. Con Olympia abbiamo voluto fare qualcosa di completamente diverso, anche perché come artista penso che sia noioso sposare un solo genere o una sola idea.

So che adesso vivi stabilmente a Toronto, la cui scena musicale oscilla da “molto varia” a “eccessivamente spezzettata”. La stessa Paper Bag Records ha nel suo roster una proposta molto articolata. Questa apertura ha agevolato la band nel fare scelte di un certo tipo?
Ad essere sinceri anche qui ci si sente come degli outsider. Quando suonavo nelle Galaxy (progetto di metà anni ‘00 con Maya e Emma McKenna, NdR) a nessuno interessava il movimento riot grrl. Una volta che ho iniziato a lavorare con strumenti elettronici, mi è stato consigliato di passare a strumenti veri per fare risaltare la mia voce… Ora che viaggio spesso, più che pensarmi inclusa in qualcosa di così locale, preferisco considerare Austra come parte di una scena musicale internazionale.

Altri contenuti Musica
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...
TOM BROSSEAU
Intervista

Tom Brosseau

Ritorno alle radici

Ha appena pubblicato "North Dakota Impressions", il terzo volume di una sorta di trilogia dedicata ai suoi...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
LOU REED
L'incipit del lungo servizio sul Mucchio in edicola

Lou Reed

Eurochild

Perché i riformati Velvet Underground accettarono di fare da spalla agli U2 durante il tour europeo del...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
ZEN CIRCUS
Un selfie sulle rovine del mondo

The Zen Circus

Un selfie sulle rovine del mondo

Andrea Appino, Ufo e Karim festeggiano i diciotto anni di carriera con un nuovo album: "La Terza...
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.