Crocodiles

Gli alligatori del weird-rock

Dopo aver dato alle stampe il quinto album, il recentissimo "Boys", il duo californiano - formato da Brandon Welchez e Charles Rowell - ha iniziato un tour mondiale che da poco ha toccato anche l’Italia. Una buona occasione per scambiare quattro chiacchiere con Charles, e fotografare entrambi in un servizio esclusivo.
1bis

Boys è stato registrato a Città del Messico: perché avete scelto questo luogo, e in che modo esso ha influenzato lo spirito dell’album?
I nostri concerti a Città del Messico sono sempre stati divertenti e pieni di caldissimi fan ad accoglierci. Anche il promoter è ormai un buon amico. Brandon e io stavamo facendo festa a casa sua quando lui ha messo su l’album solistico di Martin Thulins. Era grandioso. Suonava come The Idiot di Iggy Pop. Ci siamo messi in contatto con Martin e lui sembrava eccitato alla prospettiva di lavorare insieme. Discutendo delle canzoni via email, è venuto fuori che era la persona più adatta per ciò che volevamo realizzare. Voleva sperimentare e creare un album molto sporco che contenesse l’anima di Città del Messico. Qualcosa che fosse diverso rispetto ai nostri ultimi dischi. Abbiamo scritto Cockroach laggiù. La città ha un’influenza molto creativa su di noi. E questo è il motivo per cui volevamo trovare qualcuno proprio là che potesse produrci.

6

Boys è anche il quinto lavoro nell’arco degli ultimi sei anni. Come componete le canzoni? E a cosa si riferisce il titolo del disco?
Componiamo sia separatamente che insieme. Durante l’anno siamo molto impegnati, perciò cerchiamo di mandarci a vicenda le canzoni. Poi, quando ci prendiamo un periodo di quiete, cominciamo a sognare insieme e a pianificare il prossimo album. Dopo che abbiamo messo a punto i brani, di solito facciamo un demo nella casa di Brandon a New York. Dopodiché, le inviamo al produttore. In pratica, questo è diventato il sistema. Per quanto riguarda Boys, dopo un po’ di tempo che eravamo immersi nelle registrazioni, abbiamo percepito che c’era un tema ricorrente non intenzionale. Una relazione approssimativa verso la vita, come quella di un ragazzo: avere a che fare con essa, celebrarla, cose così. E in questo modo è venuto fuori il titolo.

3

8b

La mia canzone preferita è The Boy Is A Tramp. Mi dici qualcosa al riguardo?
The Boy Is A Tramp è stata composta in Danimarca, mentre eravamo in tour. Il misterioso e cinematografico cambiamento a metà brano è stato scritto da Martin. Come ti dicevo, ci sono molti riferimenti a ragazzi nell’album. In questo caso specifico, è a proposito di un ragazzo le cui emozioni sono spericolate e sconnesse.

La vostra musica è ricca di stili: shoegaze, pop, garage e probabilmente molti altri ancora. Se potessi descriverla in una sola frase, come sarebbe?
Futuristic garage punk weirdo pop dall’anno 2065.

Siete stati recentemente in tour nel nostro Paese: qual è il vostro rapporto con il pubblico italiano?
L’Italia è uno dei nostri posti preferiti al mondo dove suonare. Ne parliamo con grande entusiasmo ogni volta che si pianifica di suonare qui.

7

4

Tutte le foto sono di Sara Mautone

Si ringraziano Glue Alternative Concept Space e Le Aspen Club

Commenti

Altri contenuti Musica
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
best

Dischi: Best of 2016

Un anno in 30 dischi

Ne scriviamo ampiamente sul numero di dicembre che raccoglie tutto il meglio del 2016, ma qui c'è...
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...