Elliott Smith

Intervista a Rob Schnapf

Se c’è qualcosa di più difficile del piangere un amico scomparso, forse, è fare i conti con ciò che ha lasciato. Perché possono essere ricordi, cose o anche musica… ma è comunque vita pulsante con cui confrontarsi, brandelli di esistenza rimasta orfana cui prestare il proprio conforto.
Alla ricerca di Elliott Smith
Intervista a Rob Schnapf, produttore di From A Basement On The Hill

Per Rob Schnapf è stato difficile raccogliere i pezzi di quello che doveva essere il 6° album di Elliott Smith From A Basement On The Hill, ma l’ha fatto. “Quando mi è stato proposto di produrlo, ho accettato subito perché l’ho vista come l’opportunità di aiutare un amico”. Rob ed Elliott si conobbero nel 1997, ai tempi dell’album Either/Or, per una collaborazione che continuò fino alla fine dei giorni di Smith, fino appunto a Basement: quello straordinario disco postumo che contiene moltissimo dell’ultimo, affaticato, sofferente e incontrollabile Elliott. “È stato strano stare lì in studio – racconta Schnapf – immerso nelle sue canzoni. Perché avvertivi ancora la sua vibrazione e il suo respiro, potevi sentire lo scricchiolio del piano, le dita nelle corde della chitarra acustica e le boccate di sigaretta”.

Il disco più difficile che hai prodotto in carriera?
La parte difficile è stata lo slittare continuamente tra due realtà. Premi play e ritrovi Elliott vivissimo immerso nella sua musica, premi stop e torni bruscamente all’oggi. E ancora play, con l’atmosfera che ti rapisce, e di nuovo stop con il silenzio che ti toglie il fiato.

Come hai lavorato a quel disco? Alcune canzoni sono rimaste fuori dalla tracklist, perché?
Sono partito da una tracklist di canzoni che Elliott aveva abbozzato. C’erano alcuni brani che non erano stati finiti e altri tre che aveva lasciato fuori per diverse ragioni. C’è chi ha scritto che c’era un mucchio di canzoni extra, posso dire di non aver trovato tutte queste tonnellate di materiale e che il disco rispecchia la volontà di Elliott.

Cosa ti piace di più di Basement?
La vibrazione. Una vibrazione continua, atmosferica. E poi la sua attitudine. A Elliott piaceva da matti suonare, lo avrebbe fatto tutto il giorno, per ore. Quasi mai si poneva un obiettivo musicale a priori, preferiva agire d’istinto.

E c’è quel suono obliquo anche se sincero. Un marchio di fabbrica della sua intera carriera?
È il suo segreto. Ci sono tante persone che entrano in contatto con quei suoni e ognuno li decifra a modo proprio. Per me tutte le canzoni di Elliott sono molto sincere e poi c’è un altro aspetto incredibile: ancora oggi, sorprendentemente, i suoi brani continuano a evolversi senza fermarsi mai.

Cosa apprezzavi di più di lui come musicista e come cantante?
Non separerei le due cose, anzi metterei dentro pure un Elliott paroliere. È un pacchetto totale del suo genio. Io amavo sentirlo suonare e ciò che mi colpiva di più erano sensibilità e abilità nel creare uno scenario cavalcando parole e armonia.

E invece cosa ti manca di più di lui a livello personale?
Domanda difficile, sono tante le cose. Mi manca… lui che sbuca alla porta di casa mia senza preavviso; mi manca giocare assieme a GTR (un gioco di macchine per consolle, NdR) e passare le ore a sfidarci a croquet nel cortile di casa. Mi mancano le sue barzellette, mi manca parlare con lui di strumenti e soprattutto mi manca da matti fare dischi con lui.

C’è qualcosa che avresti voluto dirgli ma che non se riuscito a fare?
Beh è complicato, soprattutto quando si parla di persone care. C’è sempre qualcosa che pensi che avresti potuto fare ma purtroppo succede sempre dopo. La vita è dannatamente complicata ed è corta e, no, non voglio pensare in termini di “avrei potuto”, non farebbe bene a nessuno e non servirebbe. No, decisamente.

Ti va di lanciare un messaggio a quelli che ancora non conoscono Elliott Smith, magari ai più giovani, e sul perché dovrebbero assolutamente scoprire questo autore?
Ben volentieri. Io credo che tutti quelli che amano la musica dovrebbero ascoltare i dischi di Elliott perché, molto semplicemente, è stato un inarrivabile creatore di canzoni e ancor di più di testi splendidi.

 Leggi il resto sul Mucchio di ottobre, in edicola, pdf e iPad. Contributi di Nickolas Rossi, regista di Heaven Adores You, Kevin Moyer, amico di Elliott Smith e music supervisor, Emanuele Pietripaoli che lo intervistò nel 1998 nel backstage più sudicio d’Italia, Max Collini, voce e autore dei testi degli Offlaga Disco Pax che lo scoprì quasi per caso e Roberta Sammarelli, bassista nei Verdena, gruppo che aprì il tour di Figure 8 nel 2000.

 

Commenti

Altri contenuti Musica
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...