Elliott Smith

Intervista a Rob Schnapf

Se c’è qualcosa di più difficile del piangere un amico scomparso, forse, è fare i conti con ciò che ha lasciato. Perché possono essere ricordi, cose o anche musica… ma è comunque vita pulsante con cui confrontarsi, brandelli di esistenza rimasta orfana cui prestare il proprio conforto.
Alla ricerca di Elliott Smith
Intervista a Rob Schnapf, produttore di From A Basement On The Hill

Per Rob Schnapf è stato difficile raccogliere i pezzi di quello che doveva essere il 6° album di Elliott Smith From A Basement On The Hill, ma l’ha fatto. “Quando mi è stato proposto di produrlo, ho accettato subito perché l’ho vista come l’opportunità di aiutare un amico”. Rob ed Elliott si conobbero nel 1997, ai tempi dell’album Either/Or, per una collaborazione che continuò fino alla fine dei giorni di Smith, fino appunto a Basement: quello straordinario disco postumo che contiene moltissimo dell’ultimo, affaticato, sofferente e incontrollabile Elliott. “È stato strano stare lì in studio – racconta Schnapf – immerso nelle sue canzoni. Perché avvertivi ancora la sua vibrazione e il suo respiro, potevi sentire lo scricchiolio del piano, le dita nelle corde della chitarra acustica e le boccate di sigaretta”.

Il disco più difficile che hai prodotto in carriera?
La parte difficile è stata lo slittare continuamente tra due realtà. Premi play e ritrovi Elliott vivissimo immerso nella sua musica, premi stop e torni bruscamente all’oggi. E ancora play, con l’atmosfera che ti rapisce, e di nuovo stop con il silenzio che ti toglie il fiato.

Come hai lavorato a quel disco? Alcune canzoni sono rimaste fuori dalla tracklist, perché?
Sono partito da una tracklist di canzoni che Elliott aveva abbozzato. C’erano alcuni brani che non erano stati finiti e altri tre che aveva lasciato fuori per diverse ragioni. C’è chi ha scritto che c’era un mucchio di canzoni extra, posso dire di non aver trovato tutte queste tonnellate di materiale e che il disco rispecchia la volontà di Elliott.

Cosa ti piace di più di Basement?
La vibrazione. Una vibrazione continua, atmosferica. E poi la sua attitudine. A Elliott piaceva da matti suonare, lo avrebbe fatto tutto il giorno, per ore. Quasi mai si poneva un obiettivo musicale a priori, preferiva agire d’istinto.

E c’è quel suono obliquo anche se sincero. Un marchio di fabbrica della sua intera carriera?
È il suo segreto. Ci sono tante persone che entrano in contatto con quei suoni e ognuno li decifra a modo proprio. Per me tutte le canzoni di Elliott sono molto sincere e poi c’è un altro aspetto incredibile: ancora oggi, sorprendentemente, i suoi brani continuano a evolversi senza fermarsi mai.

Cosa apprezzavi di più di lui come musicista e come cantante?
Non separerei le due cose, anzi metterei dentro pure un Elliott paroliere. È un pacchetto totale del suo genio. Io amavo sentirlo suonare e ciò che mi colpiva di più erano sensibilità e abilità nel creare uno scenario cavalcando parole e armonia.

E invece cosa ti manca di più di lui a livello personale?
Domanda difficile, sono tante le cose. Mi manca… lui che sbuca alla porta di casa mia senza preavviso; mi manca giocare assieme a GTR (un gioco di macchine per consolle, NdR) e passare le ore a sfidarci a croquet nel cortile di casa. Mi mancano le sue barzellette, mi manca parlare con lui di strumenti e soprattutto mi manca da matti fare dischi con lui.

C’è qualcosa che avresti voluto dirgli ma che non se riuscito a fare?
Beh è complicato, soprattutto quando si parla di persone care. C’è sempre qualcosa che pensi che avresti potuto fare ma purtroppo succede sempre dopo. La vita è dannatamente complicata ed è corta e, no, non voglio pensare in termini di “avrei potuto”, non farebbe bene a nessuno e non servirebbe. No, decisamente.

Ti va di lanciare un messaggio a quelli che ancora non conoscono Elliott Smith, magari ai più giovani, e sul perché dovrebbero assolutamente scoprire questo autore?
Ben volentieri. Io credo che tutti quelli che amano la musica dovrebbero ascoltare i dischi di Elliott perché, molto semplicemente, è stato un inarrivabile creatore di canzoni e ancor di più di testi splendidi.

 Leggi il resto sul Mucchio di ottobre, in edicola, pdf e iPad. Contributi di Nickolas Rossi, regista di Heaven Adores You, Kevin Moyer, amico di Elliott Smith e music supervisor, Emanuele Pietripaoli che lo intervistò nel 1998 nel backstage più sudicio d’Italia, Max Collini, voce e autore dei testi degli Offlaga Disco Pax che lo scoprì quasi per caso e Roberta Sammarelli, bassista nei Verdena, gruppo che aprì il tour di Figure 8 nel 2000.

 

Commenti

Altri contenuti Musica
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...
TOM BROSSEAU
Intervista

Tom Brosseau

Ritorno alle radici

Ha appena pubblicato "North Dakota Impressions", il terzo volume di una sorta di trilogia dedicata ai suoi...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
LOU REED
L'incipit del lungo servizio sul Mucchio in edicola

Lou Reed

Eurochild

Perché i riformati Velvet Underground accettarono di fare da spalla agli U2 durante il tour europeo del...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
ZEN CIRCUS
Un selfie sulle rovine del mondo

The Zen Circus

Un selfie sulle rovine del mondo

Andrea Appino, Ufo e Karim festeggiano i diciotto anni di carriera con un nuovo album: "La Terza...
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.