Insecure Men

La vita è piena di sorprese

Alla scoperta del curioso esordio omonimo, su Fat Possum, del nuovo duo formato dall'ex Fat White Family Saul Adamczewski e dall'amico Ben Romans-Hopcraft. Nel nome di un'esotica nostalgia.
INSECURE MEN_intervista

Gli Insecure Men, band guidata dal talentuoso e bizzarro cantautore Saul Adamczewski – un tempo voce e chitarra della Fat White Family – e dal suo compagno di scuola, nonché mente dei Childhood, Ben Romans-Hopcraft, hanno debuttato con un disco omonimo il 23 febbraio. Undici brani votati a un’adolescenza sensuale e imbarazzata, orchestrata su tappeti dissonanti di exotica avant-garde in stile Ariel Pink, ballate psych-pop vicine a Cliff Richard, rudimentali drum machine e tastiere tra l’etereo e il tropicale. In questo scambio di battute con Adamczeski, abbiamo cercato di scoprire qualcosa di più.

In occasione di questa intervista, ho cercato di conoscere meglio il vostro mondo così ho iniziato a spulciare il vostro Instagram e ho trovato un caos bizzarro, fatto di frame di film come The Cremator di Herz o Elephant Man del maestro Lynch, sino a fotografie delle vostre avventure notturne, spesso mischiate a un gusto divertito per l’estetica coreana. Pensate che quell’account, come spazio, possa incarnare la vostra essenza musicale?
Non sono molto sicuro di quale sia la mia essenza musicale. Ma se fosse incarnata da dipinti nordcoreani e immagini tratte da Elephant Man sarei sicuramente felice!

Tu e Ben siete amici sin dai tempi della scuola, ma negli anni non avete fatto parte delle stesse band. Avreste mai immaginato che un giorno avreste suonato insieme in un nuovo progetto?
Quando ero bambino, la cosa non mi passava nemmeno per la testa. Tuttavia, con il passare degli anni è diventato sempre più evidente che questa poteva essere l’unica via da seguire.

Insecure Men appare come una bestia addomesticata, immersa in una leccornia esotica, ispirata a ballate vintage, una versione psichedelica di Cliff Richard e grigia periferia britannica. Che cosa ha fatto sì che questi mondi venissero incorporati l’un l’altro?
La musica che sto facendo in questo momento è soltanto un rigurgito di tutte le cose che hanno destato il mio interesse negli ultimi anni.

La musica come terapia, come ricerca per una vita più sana, “un progetto per la sobrietà“, come hai detto tu stesso. Guardando alle tue esperienze passate, ho trovato il tuo songwriting sincero, giocoso e, allo stesso tempo, splenetico. Quando hai deciso di trasformare il tuo dolore in musica?
Non è un progetto di sobrietà, non ho mai sostenuto che lo fosse. La vita è dolorosa a volte, e io ne canto. Con Insecure Men cerchiamo semplicemente di parlare onestamente delle cose che ci interessano. Mi piacerebbe pensare che sia sempre stato così.

L’intero album esplora un senso di dolce stranezza e nostalgia, che potrebbe diventare il vostro marchio di fabbrica. Come avviene il vostro processo di songwriting?
Il processo di scrittura delle nostre canzoni è un segreto ben custodito.

Il “Guardian” vi ha nominato come una delle nuove band da tenere d’occhio nel 2018: la cosa ti rende nervoso o ti stimola?
Non mi rende nervoso né mi stimola. Cerco di non prestare attenzione a cose del genere. Se è un successo, allora è grandioso, e se non lo è, mi va bene comunque. Continuerò a fare musica e questo è tutto ciò che davvero mi interessa.

Uno dei miei brani preferiti è Cliff Has Left The Building. Penso che tu sia stato in grado di plasmare un sentimento, come la nostalgia, nel suono. C’è una bellezza distesa in quella canzone, ho amato la presenza di un sassofono senza tempo. Cosa puoi dirmi al riguardo?
Quella canzone parla di una storia d’amore immaginaria con Cliff Richard. Un giorno il vero Cliff sarà rivelato. Il diavolo è in quell’uomo.

Bene, Saul, grazie mille. Ma prima di finire, quali sono i vostri piani per il resto del 2018?
Grazie a te! Abbiamo un anno impegnativo in arrivo. Un sacco di registrazioni, e concerti. Dio lo benedica.

Commenti

Altri contenuti Musica
Downtown Boys

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Nils_Frahm_18-10-17_-_Photo_by_Mathew_Parri_Thomas-01_1290_726

Indieclassica

Una piccola rivoluzione in atto

L'unica data di Nils Frahm il 2 maggio 2018 al Fabrique di Milano, ci suggerisce di ripubblicare...
Motta, jan 2018

Motta

Quattro appuntamenti dal vivo alla fine di maggio anticipano il tour di Francesco Motta che con il...
JOHN PARISH_intervista

John Parish

Atteso al festival di ricerca Fabbrica Europa, a Firenze dal 4 maggio al 10 giugno, e in...
TOBJAH_intervista

Tobjah

Dall'avventura nei C+C Maxigross al debutto da solista, in italiano, per un folk libero, spirituale. Tobia Poltronieri...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...
GENERIC ANIMAL_intervista

Generic Animal

Equilibrista pop

In Generic Animal, Luca Galizia fa pop. Ma atipico. Una "nuova" realtà nel panorama italiano.
L I M_intervista

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...
_DSC3099

Cosmo

Tutta la libertà possibile

Oltre il tormentone dell’estate scorsa, il creatore di canzoni pop, il producer di elettronica, l’ex prof. di...
gdm-1

Jukka Reverberi

Post rock, una definizione

Cos’è il post rock? Cos’è stato? Esiste ancora? Proviamo a definirlo con Jukka Reverberi dei Giardini di...
INSECURE MEN_intervista

Insecure Men

La vita è piena di sorprese

Alla scoperta del curioso esordio omonimo, su Fat Possum, del nuovo duo formato dall'ex Fat White Family...
starcontrol 2017 - 02_preview

Starcontrol

Un quadro nerobluastro

Il trio lombardo approda finalmente al primo album "Fragments", per una "spleen wave” cupamente emotiva dalla quale...
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
170415_JoanAsPoliceWoman

Joan As Police Woman

Giovanna Dark

"Damned Devotion", il nuovo album di Joan Wasser in uscita il 9 febbraio, si presenta, innanzitutto, come...