J.C. Satàn

Bordate psych-pop

Tra ballate agrodolci e incursioni noise, la band italo-francese si sta ritagliando uno spazio sempre più importante sulla scena rock europea. In vista delle imminenti date italiane, abbiamo scambiato due chiacchiere.
jc1

I J.C. Satàn sono una delle più belle realtà della scena rock europea degli ultimi anni. La formazione franco-italiana composta da Arthur, Paula, Dorian, Ali e Romain ha all’attivo quattro album, l’ultimo dei quali – l’omonimo J.C. Satàn dello scorso anno – raccoglie e sviluppa le diverse anime musicali del combo: gusto per la melodia, bordate rock di scuola Sonic Youth, trame psych. In vista delle prossime date italiane, abbiamo rivolto alcune domande alla cantante Paula.

 

La prima cosa che mi ha colpito, ancora prima di schiacciare “play”, è ovviamente il nome: come è nato?
C’è poco da dire. È nato senza pensarci troppo, quando il gruppo non esisteva ancora e non pensavamo di fare più di quattro canzoni. Io ho detto “chiamiamoci Satan”, e così è stato. Dopo il primo 7” (uscito per l’italiana Shit Music For Shit People), mi sono resa conto che cercare “Satan” su Google era impossibile, quindi ho deciso di aggiungerci J.C., come Jean Claude, Juan Carlos o Jesus Christ.

 

Nel nuovo, omonimo album si alternano bordate noise-rock e momenti pop. Come conciliate il vostro lato più ruvido con quello maggiormente melodico, e quale – secondo voi – tende ad avere il sopravvento sull’altro? E come nascono le vostre canzoni?
Da sempre abbiamo fatto canzoni più violente e ballate, nei nostri dischi. Lo facciamo perché è quello che ci piace fare: ci piacciono le canzoni d’amore romantiche ma anche l’opposto. Come in tutti, in noi risiede l’interesse per cose estreme l’una all’altra. Sicuramente nei live ha sopravvento il lato più noisy e ruvido, perché vogliamo che il concerto sia un’esperienza da cui uscire completamente sudati e coi lividi se possibile (eheh). Le nostre canzoni nascono da Arthur (chitarra, canto): lui compone tutta la parte strumentale e poi, una volta praticamente finite, me le fa ascoltare e io ci aggiungo le parole e la melodia. Perché sia più semplice per me comporre qualcosa di più o meno interessante, scrivo una mini-storia in italiano e poi cerco di dare un senso più musicale in inglese.

 

Sempre a proposito di sonorità abbastanza lontane tra loro: quali sono gli artisti che vi hanno ispirato, o comunque quelli con cui siete cresciuti?
Arthur parla sempre dei Beatles o delle Desert Sessions, io spesso cito Pixies, Sonic Youth o i gruppi della Motown come Ronettes e Supremes. Sono cresciuta con le cassette di Maria Elena Walsh, coi video di MTV a fine anni ’90, poi con i concerti punk-hardcore negli squat torinesi e verso il 2005 mi sono più interessata ai gruppi “garage” di oggi, In The Red, Slovenly e compagnia varia.

 

Avete girato l’Europa e siete stati in tour anche in America. Com’è andata di là dall’Atlantico, e avete notato differenze sostanziali nell’organizzazione dei locali e nella risposta del pubblico?
È  riconosciuto che le condizioni negli USA non siano come quelle qui in Europa, motivo per cui tutti i gruppi americani vengono dalle nostre parti un paio di volte l’anno. Qui sei pagato più o meno correttamente, hai da mangiare, hai da dormire. In America come in Inghilterra il booker o l’organizzatore della serata si presenta cinque minuti prima del concerto e se ne sparisce subito dopo, non gli importa se hai bisogno di un posto dove dormire e se hai mangiato e generalmente sei pagato in base all’affluenza. Detto questo, a noi è andata benissimo! Abbiamo incontrato gente veramente in gamba, i gruppi locali hanno sempre deciso di darci tutto l’incasso della serata e spesso siamo stati ospitati o abbiamo trovato dei motel economici. Abbiamo quasi sempre suonato con gruppi di amici (King Dude, LAMPS, Ty Segall, Grave Babies, Meatbodies) e il pubblico ha reagito bene. Ci sono state soltanto due serate un po’ meno gloriose, ma è normale così.

 

IN ITALIA:

27 Febbraio – Firenze, Flog – Annibale Night

28 Febbraio – Pesaro, Stazione Gauss

29 Febbraio – Dueville (Vi), Viaroma 17

1 Marzo – Venezia, Spazio Aereo

2 Marzo – Fontanafredda (PN), Astro Club

3 Marzo – Milano, Lo Fi

4 Marzo – Torino, Spazio 211

5 Marzo – Ravenna, Bronson

 

Commenti

Altri contenuti Musica
Downtown Boys

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Nils_Frahm_18-10-17_-_Photo_by_Mathew_Parri_Thomas-01_1290_726

Indieclassica

Una piccola rivoluzione in atto

L'unica data di Nils Frahm il 2 maggio 2018 al Fabrique di Milano, ci suggerisce di ripubblicare...
Motta, jan 2018

Motta

Quattro appuntamenti dal vivo alla fine di maggio anticipano il tour di Francesco Motta che con il...
JOHN PARISH_intervista

John Parish

Atteso al festival di ricerca Fabbrica Europa, a Firenze dal 4 maggio al 10 giugno, e in...
TOBJAH_intervista

Tobjah

Dall'avventura nei C+C Maxigross al debutto da solista, in italiano, per un folk libero, spirituale. Tobia Poltronieri...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...
GENERIC ANIMAL_intervista

Generic Animal

Equilibrista pop

In Generic Animal, Luca Galizia fa pop. Ma atipico. Una "nuova" realtà nel panorama italiano.
L I M_intervista

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...
_DSC3099

Cosmo

Tutta la libertà possibile

Oltre il tormentone dell’estate scorsa, il creatore di canzoni pop, il producer di elettronica, l’ex prof. di...
gdm-1

Jukka Reverberi

Post rock, una definizione

Cos’è il post rock? Cos’è stato? Esiste ancora? Proviamo a definirlo con Jukka Reverberi dei Giardini di...
INSECURE MEN_intervista

Insecure Men

La vita è piena di sorprese

Alla scoperta del curioso esordio omonimo, su Fat Possum, del nuovo duo formato dall'ex Fat White Family...
starcontrol 2017 - 02_preview

Starcontrol

Un quadro nerobluastro

Il trio lombardo approda finalmente al primo album "Fragments", per una "spleen wave” cupamente emotiva dalla quale...
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
170415_JoanAsPoliceWoman

Joan As Police Woman

Giovanna Dark

"Damned Devotion", il nuovo album di Joan Wasser in uscita il 9 febbraio, si presenta, innanzitutto, come...