J.C. Satàn

Bordate psych-pop

Tra ballate agrodolci e incursioni noise, la band italo-francese si sta ritagliando uno spazio sempre più importante sulla scena rock europea. In vista delle imminenti date italiane, abbiamo scambiato due chiacchiere.
jc1

I J.C. Satàn sono una delle più belle realtà della scena rock europea degli ultimi anni. La formazione franco-italiana composta da Arthur, Paula, Dorian, Ali e Romain ha all’attivo quattro album, l’ultimo dei quali – l’omonimo J.C. Satàn dello scorso anno – raccoglie e sviluppa le diverse anime musicali del combo: gusto per la melodia, bordate rock di scuola Sonic Youth, trame psych. In vista delle prossime date italiane, abbiamo rivolto alcune domande alla cantante Paula.

 

La prima cosa che mi ha colpito, ancora prima di schiacciare “play”, è ovviamente il nome: come è nato?
C’è poco da dire. È nato senza pensarci troppo, quando il gruppo non esisteva ancora e non pensavamo di fare più di quattro canzoni. Io ho detto “chiamiamoci Satan”, e così è stato. Dopo il primo 7” (uscito per l’italiana Shit Music For Shit People), mi sono resa conto che cercare “Satan” su Google era impossibile, quindi ho deciso di aggiungerci J.C., come Jean Claude, Juan Carlos o Jesus Christ.

 

Nel nuovo, omonimo album si alternano bordate noise-rock e momenti pop. Come conciliate il vostro lato più ruvido con quello maggiormente melodico, e quale – secondo voi – tende ad avere il sopravvento sull’altro? E come nascono le vostre canzoni?
Da sempre abbiamo fatto canzoni più violente e ballate, nei nostri dischi. Lo facciamo perché è quello che ci piace fare: ci piacciono le canzoni d’amore romantiche ma anche l’opposto. Come in tutti, in noi risiede l’interesse per cose estreme l’una all’altra. Sicuramente nei live ha sopravvento il lato più noisy e ruvido, perché vogliamo che il concerto sia un’esperienza da cui uscire completamente sudati e coi lividi se possibile (eheh). Le nostre canzoni nascono da Arthur (chitarra, canto): lui compone tutta la parte strumentale e poi, una volta praticamente finite, me le fa ascoltare e io ci aggiungo le parole e la melodia. Perché sia più semplice per me comporre qualcosa di più o meno interessante, scrivo una mini-storia in italiano e poi cerco di dare un senso più musicale in inglese.

 

Sempre a proposito di sonorità abbastanza lontane tra loro: quali sono gli artisti che vi hanno ispirato, o comunque quelli con cui siete cresciuti?
Arthur parla sempre dei Beatles o delle Desert Sessions, io spesso cito Pixies, Sonic Youth o i gruppi della Motown come Ronettes e Supremes. Sono cresciuta con le cassette di Maria Elena Walsh, coi video di MTV a fine anni ’90, poi con i concerti punk-hardcore negli squat torinesi e verso il 2005 mi sono più interessata ai gruppi “garage” di oggi, In The Red, Slovenly e compagnia varia.

 

Avete girato l’Europa e siete stati in tour anche in America. Com’è andata di là dall’Atlantico, e avete notato differenze sostanziali nell’organizzazione dei locali e nella risposta del pubblico?
È  riconosciuto che le condizioni negli USA non siano come quelle qui in Europa, motivo per cui tutti i gruppi americani vengono dalle nostre parti un paio di volte l’anno. Qui sei pagato più o meno correttamente, hai da mangiare, hai da dormire. In America come in Inghilterra il booker o l’organizzatore della serata si presenta cinque minuti prima del concerto e se ne sparisce subito dopo, non gli importa se hai bisogno di un posto dove dormire e se hai mangiato e generalmente sei pagato in base all’affluenza. Detto questo, a noi è andata benissimo! Abbiamo incontrato gente veramente in gamba, i gruppi locali hanno sempre deciso di darci tutto l’incasso della serata e spesso siamo stati ospitati o abbiamo trovato dei motel economici. Abbiamo quasi sempre suonato con gruppi di amici (King Dude, LAMPS, Ty Segall, Grave Babies, Meatbodies) e il pubblico ha reagito bene. Ci sono state soltanto due serate un po’ meno gloriose, ma è normale così.

 

IN ITALIA:

27 Febbraio – Firenze, Flog – Annibale Night

28 Febbraio – Pesaro, Stazione Gauss

29 Febbraio – Dueville (Vi), Viaroma 17

1 Marzo – Venezia, Spazio Aereo

2 Marzo – Fontanafredda (PN), Astro Club

3 Marzo – Milano, Lo Fi

4 Marzo – Torino, Spazio 211

5 Marzo – Ravenna, Bronson

 

Commenti

Altri contenuti Musica
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
cohen

Leonard Cohen

Il piccolo profeta gobbo

Un anno fa moriva Leonard Cohen, il giorno prima dell’elezione di Trump che sconvolgeva il mondo. Questo...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
vallicelli

Matteo Vallicelli

Botta e risposta

Ripubblichiamo la nostra intervista a Matteo Valliceli in occasione della sua partecipazione alla decima edizione del Transmissions...
CRISTALLO - Se i Melampus risplendono in italiano

Cristallo

La trasparenza del nero

Con l’omonimo EP del loro nuovo progetto, sempre avvolgente ma maggiormente elettronico, Francesca Pizzo e Angelo Casarrubia...
liars1

Liars

A tre anni di distanza da "Mess", i Liars tornano in veste di progetto solistico del frontman...
ZOLA JESUS - Dal vivo in Italia

Zola Jesus

Nostra signora dell'oscurità

A Novembre dal vivo in Italia con il quinto album, un lavoro volutamente heavy
aldousharding_2017blue

Aldous Harding

Strana come un'arancia meccanica

Il 31 ottobre a Torino sarà l'unica occasione per vedere dal vivo Aldous Harding, non perdetevela.
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...