J.C. Satàn

Bordate psych-pop

Tra ballate agrodolci e incursioni noise, la band italo-francese si sta ritagliando uno spazio sempre più importante sulla scena rock europea. In vista delle imminenti date italiane, abbiamo scambiato due chiacchiere.
jc1

I J.C. Satàn sono una delle più belle realtà della scena rock europea degli ultimi anni. La formazione franco-italiana composta da Arthur, Paula, Dorian, Ali e Romain ha all’attivo quattro album, l’ultimo dei quali – l’omonimo J.C. Satàn dello scorso anno – raccoglie e sviluppa le diverse anime musicali del combo: gusto per la melodia, bordate rock di scuola Sonic Youth, trame psych. In vista delle prossime date italiane, abbiamo rivolto alcune domande alla cantante Paula.

 

La prima cosa che mi ha colpito, ancora prima di schiacciare “play”, è ovviamente il nome: come è nato?
C’è poco da dire. È nato senza pensarci troppo, quando il gruppo non esisteva ancora e non pensavamo di fare più di quattro canzoni. Io ho detto “chiamiamoci Satan”, e così è stato. Dopo il primo 7” (uscito per l’italiana Shit Music For Shit People), mi sono resa conto che cercare “Satan” su Google era impossibile, quindi ho deciso di aggiungerci J.C., come Jean Claude, Juan Carlos o Jesus Christ.

 

Nel nuovo, omonimo album si alternano bordate noise-rock e momenti pop. Come conciliate il vostro lato più ruvido con quello maggiormente melodico, e quale – secondo voi – tende ad avere il sopravvento sull’altro? E come nascono le vostre canzoni?
Da sempre abbiamo fatto canzoni più violente e ballate, nei nostri dischi. Lo facciamo perché è quello che ci piace fare: ci piacciono le canzoni d’amore romantiche ma anche l’opposto. Come in tutti, in noi risiede l’interesse per cose estreme l’una all’altra. Sicuramente nei live ha sopravvento il lato più noisy e ruvido, perché vogliamo che il concerto sia un’esperienza da cui uscire completamente sudati e coi lividi se possibile (eheh). Le nostre canzoni nascono da Arthur (chitarra, canto): lui compone tutta la parte strumentale e poi, una volta praticamente finite, me le fa ascoltare e io ci aggiungo le parole e la melodia. Perché sia più semplice per me comporre qualcosa di più o meno interessante, scrivo una mini-storia in italiano e poi cerco di dare un senso più musicale in inglese.

 

Sempre a proposito di sonorità abbastanza lontane tra loro: quali sono gli artisti che vi hanno ispirato, o comunque quelli con cui siete cresciuti?
Arthur parla sempre dei Beatles o delle Desert Sessions, io spesso cito Pixies, Sonic Youth o i gruppi della Motown come Ronettes e Supremes. Sono cresciuta con le cassette di Maria Elena Walsh, coi video di MTV a fine anni ’90, poi con i concerti punk-hardcore negli squat torinesi e verso il 2005 mi sono più interessata ai gruppi “garage” di oggi, In The Red, Slovenly e compagnia varia.

 

Avete girato l’Europa e siete stati in tour anche in America. Com’è andata di là dall’Atlantico, e avete notato differenze sostanziali nell’organizzazione dei locali e nella risposta del pubblico?
È  riconosciuto che le condizioni negli USA non siano come quelle qui in Europa, motivo per cui tutti i gruppi americani vengono dalle nostre parti un paio di volte l’anno. Qui sei pagato più o meno correttamente, hai da mangiare, hai da dormire. In America come in Inghilterra il booker o l’organizzatore della serata si presenta cinque minuti prima del concerto e se ne sparisce subito dopo, non gli importa se hai bisogno di un posto dove dormire e se hai mangiato e generalmente sei pagato in base all’affluenza. Detto questo, a noi è andata benissimo! Abbiamo incontrato gente veramente in gamba, i gruppi locali hanno sempre deciso di darci tutto l’incasso della serata e spesso siamo stati ospitati o abbiamo trovato dei motel economici. Abbiamo quasi sempre suonato con gruppi di amici (King Dude, LAMPS, Ty Segall, Grave Babies, Meatbodies) e il pubblico ha reagito bene. Ci sono state soltanto due serate un po’ meno gloriose, ma è normale così.

 

IN ITALIA:

27 Febbraio – Firenze, Flog – Annibale Night

28 Febbraio – Pesaro, Stazione Gauss

29 Febbraio – Dueville (Vi), Viaroma 17

1 Marzo – Venezia, Spazio Aereo

2 Marzo – Fontanafredda (PN), Astro Club

3 Marzo – Milano, Lo Fi

4 Marzo – Torino, Spazio 211

5 Marzo – Ravenna, Bronson

 

Commenti

Altri contenuti Musica
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
L I M

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...
170415_JoanAsPoliceWoman

Joan As Police Woman

Giovanna Dark

"Damned Devotion", il nuovo album di Joan Wasser in uscita il 9 febbraio, si presenta, innanzitutto, come...
OUGHT

Ought

Oggi, più di ogni altro giorno

La band canadese è al terzo album, “Room Inside The World”, contraddistinto da una forte componente umana,...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...