La Roux

L’electropop va in Paradiso

È la rossa più rossa del pop. Elly Jackson, in arte La Roux, è stata una delle protagoniste del 2009 con uno di quegli esordi bomba che non si fanno certo dimenticare.
La Roux
L'electropop va in Paradiso

Pezzi come In For The Kill, Bulletproof e I’m Not Your Toy ci hanno accompagnato facendoci ballare. La sua musica è un synthpop che si ispira più al passato che al presente, pur riuscendo a essere sempre fresca. Elly dice di essere cresciuta con Nick Drake, Carole King e Joni Mitchell ma le sue canzoni rivelano un amore sconfinato per l’electropop anni ’80 e per gruppi come Depeche Mode, Tears For Fears, The Human League. Trouble In Paradise è il suo secondo disco. Insomma, La Roux is back! E noi l’abbiamo intervistata.

Ciao Elly, sono passati ben cinque anni dal tuo esplosivo debutto: cos’è successo nel frattempo?
Sono successe tante cose… Io e Ben Langmaid abbiamo approntato una prima versione del disco nel 2011, abbiamo passato un paio di settimane a scrivere che direi non sono andate molto bene per tanti motivi, soprattutto da un punto di vista creativo. Io stavo guarendo dai miei problemi con la voce per cui ci siamo rimessi di nuovo a comporre insieme in estate, ma alla fine ci siamo separati. Quindi ho dovuto ricominciare da capo, facendo l’album che senti oggi più o meno nel 2012.  Ci sono stati la mia mancanza di voce, problemi personali, rotture in generale da risolvere e poi la produzione del disco.

Trouble In Paradise comincia con Uptight Downtown, dove mi è sembrato di sentire un’eco di Let’s Dance di David Bowie, è così?
Sì, abbiamo ascoltato molto quel pezzo durante la produzione di Uptight Downtown… Credo che ogni disco rifletta i gusti musicali del suo autore, questo in particolare per la musica elettronica che in questo periodo è un ambito particolarmente creativo.

Quali dischi ti sono piaciuti maggiormente tra le ultime uscite? O forse la tua ispirazione proviene più dal passato?
La mia ispirazione per Trouble In Paradise viene sicuramente dal passato. Ci sono alcuni dischi usciti da poco che apprezzo, ma non mi hanno influenzato per la musica che voglio creare io. Il nuovo dei Jungle mi piace, per esempio. Penso che ci siano produzioni molto buone.

Per il brano Tropical Chancer hai collaborato con Grace Jones, raccontaci qualcosa.
No, no, no… Non ho lavorato con Grace Jones. Ho usato un campionamento, ho scritto quel brano tre o quattro anni fa. Ero impegnata in una session con Chet Baxter, l’ho scritto, arrangiato e poi l’abbiamo prodotto. Però dovevamo dare il merito a lei a causa di un accordo e in seguito lei ha preso il 15%, una cosa veramente difficile da accettare.

All’inizio c’è stata Discothèque degli U2, poi Idioteque dei Radiohead. Cos’è per te la Sexotheque?
È semplicemente un sex club. È il racconto di una persona dipendente dal sesso. Non c’è un significato nascosto.

Mi sembra che Trouble In Paradise ruoti intorno al sesso, è un argomento particolarmente importante per te al momento?
Non direi che è particolarmente importante, voglio dire che è importante, sì, ma non nel senso di sesso fine a se stesso. Quello che mi interessa è il modo in cui il sesso è stato rappresentato nella musica fin da quando ero piccola, un modo che trovo schifoso. Non restituisce per niente il sesso reale. Penso che sia pornografico. È degradante ed è una forma di arte molto, molto, molto bassa.  Il punto è che il mio disco non tratta affatto di sesso. C’è una specie di sfacciataggine, di impudenza leggera. Non è sporco, né banale… C’è un elemento di mistero. Io percepisco la sottigliezza. Nella musica è stata persa la delicatezza, che si parli di spogliare una ragazza oppure di scopare sul cesso… Io volevo qualcosa che ti fa sentire sexy, ma non nel senso che ho appena scopato qualcuno… Capisci? Non in maniera volgare e nemmeno così ovvia, perché ci sono tante altri modi per pensare al sesso.

L’album contiene anche due canzoni romantiche, Paradise Is You e Let Me Down Gently, che ascoltate una dopo l’altra sembrano quasi l’inizio e la fine di una storia d’amore, sei d’accordo?
No, non è così, è l’opposto a dire la verità. Non trattano della stessa storia d’amore. Una canzone tratta di una storia d’amore vera e una non è per niente una storia d’amore. Let Me Down Gently non è proprio una storia d’amore, infatti… È più una sorta di… È difficile spiegarlo, perché è molto personale. È come una canzone scherzosa che tratta di una situazione che stava andando male, in cui io immaginavo quello che succedeva nella mia mente. Paradise Is You, invece, è il riflesso di una storia d’amore reale.

Progetti per l’imminente tour?
L’aspetto principale, per me, è perfezionare la band per far sì che il live renda nel modo migliore possibile.

Siamo impazienti di venire a vederti suonare, ma non c’è ancora una data italiana.
Non ancora. Ma senz’altro ci sarà. Andremo ovunque.

Commenti

Altri contenuti Musica
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...