La Roux

L’electropop va in Paradiso

È la rossa più rossa del pop. Elly Jackson, in arte La Roux, è stata una delle protagoniste del 2009 con uno di quegli esordi bomba che non si fanno certo dimenticare.
La Roux
L'electropop va in Paradiso

Pezzi come In For The Kill, Bulletproof e I’m Not Your Toy ci hanno accompagnato facendoci ballare. La sua musica è un synthpop che si ispira più al passato che al presente, pur riuscendo a essere sempre fresca. Elly dice di essere cresciuta con Nick Drake, Carole King e Joni Mitchell ma le sue canzoni rivelano un amore sconfinato per l’electropop anni ’80 e per gruppi come Depeche Mode, Tears For Fears, The Human League. Trouble In Paradise è il suo secondo disco. Insomma, La Roux is back! E noi l’abbiamo intervistata.

Ciao Elly, sono passati ben cinque anni dal tuo esplosivo debutto: cos’è successo nel frattempo?
Sono successe tante cose… Io e Ben Langmaid abbiamo approntato una prima versione del disco nel 2011, abbiamo passato un paio di settimane a scrivere che direi non sono andate molto bene per tanti motivi, soprattutto da un punto di vista creativo. Io stavo guarendo dai miei problemi con la voce per cui ci siamo rimessi di nuovo a comporre insieme in estate, ma alla fine ci siamo separati. Quindi ho dovuto ricominciare da capo, facendo l’album che senti oggi più o meno nel 2012.  Ci sono stati la mia mancanza di voce, problemi personali, rotture in generale da risolvere e poi la produzione del disco.

Trouble In Paradise comincia con Uptight Downtown, dove mi è sembrato di sentire un’eco di Let’s Dance di David Bowie, è così?
Sì, abbiamo ascoltato molto quel pezzo durante la produzione di Uptight Downtown… Credo che ogni disco rifletta i gusti musicali del suo autore, questo in particolare per la musica elettronica che in questo periodo è un ambito particolarmente creativo.

Quali dischi ti sono piaciuti maggiormente tra le ultime uscite? O forse la tua ispirazione proviene più dal passato?
La mia ispirazione per Trouble In Paradise viene sicuramente dal passato. Ci sono alcuni dischi usciti da poco che apprezzo, ma non mi hanno influenzato per la musica che voglio creare io. Il nuovo dei Jungle mi piace, per esempio. Penso che ci siano produzioni molto buone.

Per il brano Tropical Chancer hai collaborato con Grace Jones, raccontaci qualcosa.
No, no, no… Non ho lavorato con Grace Jones. Ho usato un campionamento, ho scritto quel brano tre o quattro anni fa. Ero impegnata in una session con Chet Baxter, l’ho scritto, arrangiato e poi l’abbiamo prodotto. Però dovevamo dare il merito a lei a causa di un accordo e in seguito lei ha preso il 15%, una cosa veramente difficile da accettare.

All’inizio c’è stata Discothèque degli U2, poi Idioteque dei Radiohead. Cos’è per te la Sexotheque?
È semplicemente un sex club. È il racconto di una persona dipendente dal sesso. Non c’è un significato nascosto.

Mi sembra che Trouble In Paradise ruoti intorno al sesso, è un argomento particolarmente importante per te al momento?
Non direi che è particolarmente importante, voglio dire che è importante, sì, ma non nel senso di sesso fine a se stesso. Quello che mi interessa è il modo in cui il sesso è stato rappresentato nella musica fin da quando ero piccola, un modo che trovo schifoso. Non restituisce per niente il sesso reale. Penso che sia pornografico. È degradante ed è una forma di arte molto, molto, molto bassa.  Il punto è che il mio disco non tratta affatto di sesso. C’è una specie di sfacciataggine, di impudenza leggera. Non è sporco, né banale… C’è un elemento di mistero. Io percepisco la sottigliezza. Nella musica è stata persa la delicatezza, che si parli di spogliare una ragazza oppure di scopare sul cesso… Io volevo qualcosa che ti fa sentire sexy, ma non nel senso che ho appena scopato qualcuno… Capisci? Non in maniera volgare e nemmeno così ovvia, perché ci sono tante altri modi per pensare al sesso.

L’album contiene anche due canzoni romantiche, Paradise Is You e Let Me Down Gently, che ascoltate una dopo l’altra sembrano quasi l’inizio e la fine di una storia d’amore, sei d’accordo?
No, non è così, è l’opposto a dire la verità. Non trattano della stessa storia d’amore. Una canzone tratta di una storia d’amore vera e una non è per niente una storia d’amore. Let Me Down Gently non è proprio una storia d’amore, infatti… È più una sorta di… È difficile spiegarlo, perché è molto personale. È come una canzone scherzosa che tratta di una situazione che stava andando male, in cui io immaginavo quello che succedeva nella mia mente. Paradise Is You, invece, è il riflesso di una storia d’amore reale.

Progetti per l’imminente tour?
L’aspetto principale, per me, è perfezionare la band per far sì che il live renda nel modo migliore possibile.

Siamo impazienti di venire a vederti suonare, ma non c’è ancora una data italiana.
Non ancora. Ma senz’altro ci sarà. Andremo ovunque.

Commenti

Altri contenuti Musica
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
Ascolta in streaming ATLAS /INSTRUMENTAL di PIeralberto Valli

Pieralberto Valli

Atlas / Instrumental

La versione strumentale del debutto discografico di Pieralberto Valli, "Atlas", da ascoltare in streaming.
THE HORRORS - L'ologramma del pop

The Horrors

L'ologramma del pop

Il quinto album in studio – intitolato semplicemente "V" - rappresenta un nuovo passo avanti per il...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
Chrysta_Bell_BeatTheBeat

Chrysta Bell

È tra i 217 nomi reclutati nel cast della terza serie di "Twin Peaks", nei panni dell'agente...
Naomi Punk (cred. Jami Nadel)

Naomi Punk

Energia

Parliamo con Travis Coster, cantante/chitarrista del trio di Olympia al terzo album con il nuovo "Yellow", di...
MAC DEMARCO - Vecchie abitudini

Mac DeMarco

Vecchie abitudini

Il cantautore canadese in concerto per due date ad Agosto ci racconta la genesi del suo “album...
JTpanorama

U2

Le lacrime di Warhol

The Joshua Tree fa trent’anni, un anniversario celebrato con un tour mondiale con tappe anche a Roma...
laura-coulson---the-xx-6-29985add-16fe-412a-b598-825cdd8623ae

The xx

Una nuova generazione

Sono sempre in tre, sono al terzo album con"I See You". In occasione del nuovo passaggio in...
JENS LEKMAN - Canzoni della vita

Jens Lekman

Canzoni della vita

Il songwriter svedese suonerà il 30 luglio al Siren festival di Vasto (CH), un'occasione per riproporre la...
SUMMER OF LOVE - Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Summer Of Love

Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Nel 1967, la Summer Of Love colloca San Francisco al centro delle mappe giovanili: a Haight-Ashbury fiorisce...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...