Omosumo

Sulle onde, verso orizzonti sconosciuti

Alla scoperta del trio siciliano formato da Angelo Sicurella, Roberto Cammarata (Waines) e Antonio Di Martino (Dimartino), al primo album con il riuscito "Surfin' Gaza", ricco di spunti e ingredienti.
Omosumo
Sulle onde, verso orizzonti sconosciuti

Tre domande in una: come e perché avete deciso di formare un trio, cosa avete portato nel progetto comune dalle vostre rispettive avventure in proprio, come gestite l’intreccio dei vari impegni?
Siamo in trio adesso ma ci siamo arrivati, all’inizio eravamo in quattro con un batterista, poi abbiamo trovato un equilibrio che ci piace molto così come è. Le diverse esperienze esterne agli Omosumo ci sono servite individualmente per crescere, capire delle cose, ma in questo progetto ogni volta che ci approcciamo alla scrittura, o alle prove per il live, si parte in qualche modo da zero, si lasciano fuori le piccole certezze e si mette tutto in discussione. I vari impegni li gestiamo cercando di non far coincidere periodi di lavoro intensi delle altre attività con quelle degli Omosumo, che vogliamo preservare come progetto autonomo.

Ci raccontate meglio da dove proviene l’interesse per il documentario God Went Surfing With The Devil, che ha ispirato l’intero album?
Durante le preproduzioni del disco a gennaio scorso – ben prima degli ultimi tragici eventi che hanno riguardato la striscia di Gaza – ci trovammo a parlare di vari argomenti, come spesso ci capita, e il discorso cadde su questo club di surfisti a Gaza dove palestinesi e israeliani si trovavano a surfare insieme. Questa immagine ci ha catturato, l’abbiamo trovata molto affine a certe cose che stavano venendo fuori nella scrittura, e l’abbiamo in qualche modo fatta nostra facendola diventare Surfin’ Gaza.

Il conflitto mediorientale è più che mai attuale: come ci si accosta a simili immagini e problematiche attraverso le note?
Surfin’ Gaza non vuole offrire soluzioni o sputare verità su una questione complessa e annosa come quella della striscia di Gaza, abbiamo le nostre opinioni in merito, ma non ci arroghiamo la posizione di chi debba spiegare ad altri come stanno le cose. Da quel contesto abbiamo provato a prendere delle sensazioni e immagini, come la guerra, l’abbandono, i rapporti tra persone, la deriva, la pace: e abbiamo provato a declinarle secondo la nostra musica.

Avete infatti dichiarato che Surfin’ Gaza è un “album sull’abbandono”. Da cosa fuggono, gli Omosumo, e che rifugio vanno cercando?
L’abbandono a volte è un desiderio, a volte una necessità. Non è necessario fuggire da qualcosa per trovare rifugio in qualcos’altro. Abbandonarsi su di una tavola da surf per toccare con le dita un orizzonte sconosciuto, o per il merito stesso di una agognata deriva è un punto di partenza. L’incertezza della meta uno stato delle cose. Questo concetto lo si può declinare un po’ su tutto. Uno streben che trascende fisicamente l’immaginario. Oggi è più che mai realtà.

 Omo_Foto_1

Quali sono per voi le analogie tra surf e musica?
Le onde, ovviamente.

Elettronica e strumenti suonati, cadenze ballabili e songwriting indie pop-rock, sfumature etniche e radici della vostra terra, lingua inglese (ma addirittura anche araba) e italiana: come gestite questi opposti complementari?
Tutte queste cose siamo noi stessi, sono le cose che ci influenzano e che ci destano emozioni, inevitabilmente finiscono dentro la nostra scrittura.

Durante i vostri concerti le ritmiche si accentuano ancora di più, per esibizioni trascinanti e fisiche, che stanno andando avanti da un bel po’ di mesi a questa parte. Che idee e aspettative avete per il proseguimento del tour?
Ci piace il palco e quello che succede lì sopra, la relazione che si crea con il pubblico. Speriamo di portare la nostra musica ancora in giro, magari non solo in Italia come ci è già successo qualche mese fa partecipando al SXSW in Texas. Troviamo molto stimolante il confronto con le realtà estere.

A seguire, i due nuovi video per la regia di Manuela Di Pisa.

Commenti

Altri contenuti Musica
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...
TOM BROSSEAU
Intervista

Tom Brosseau

Ritorno alle radici

Ha appena pubblicato "North Dakota Impressions", il terzo volume di una sorta di trilogia dedicata ai suoi...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
LOU REED
L'incipit del lungo servizio sul Mucchio in edicola

Lou Reed

Eurochild

Perché i riformati Velvet Underground accettarono di fare da spalla agli U2 durante il tour europeo del...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
ZEN CIRCUS
Un selfie sulle rovine del mondo

The Zen Circus

Un selfie sulle rovine del mondo

Andrea Appino, Ufo e Karim festeggiano i diciotto anni di carriera con un nuovo album: "La Terza...