Paus

Il mondo in una rock band

Incassati gli elogi della critica specializzata in seguito alla pubblicazione di “Clarao”, i portoghesi Paus si apprestano a imbarcarsi nel loro primo tour italiano. Ne approfittiamo per scambiare due chiacchiere a proposito della loro musica e della particolare formazione con cui si presentano sulle scene.
Paus
Dal vivo in Italia

Nella vostra musica si mescolano sonorità hard rock con ritmi sudamericani: come avete raggiunto questo particolare suono?
Vero. Ma vorremmo anche ricordare la musica africana. Abbiamo uno stretto legame con l’Africa e ci influenza molto. Il suono che abbiamo trovato è solo un riflesso di tutte queste influenze che ci portiamo appresso da quando abbiamo iniziato a prestare attenzione a ciò che ascoltiamo.

La seconda particolarità a proposito della vostra band sono i due batteristi che suonano un tamburo siamese…
Avevamo due amici che suonavano insieme ma l’utilizzo di due batterie simultaneamente è già stato impiegato più e più volte da altre band. Così abbiamo voluto fare qualcosa di diverso. Ci siamo ricordati che alcune scuole di musica usano quella tecnica, il professore e lo studente che suonano faccia a faccia con la stessa cassa, e le abbiamo dato un nome: tamburo siamese.

Con il nuovo album Clarão siete pubblicati da El Segell, l’etichetta del Primavera Sound Festival di Barcellona, dove vi siete esibiti per due anni consecutivi. Ci dite qualcosa di più su questa avventura?
In realtà l’anno scorso è stata la terza volta consecutiva che abbiamo suonato lì. Tutto è davvero un’avventura da quando stiamo lavorando con questi ragazzi. Alcuni di loro condividono la stessa politica “fai da te” che tutti abbiamo mutuato dalla scena hardcore degli anni ’90, quindi è stato facile capire come avremmo dovuto procedere insieme. Anche l’idea di iniziare una carriera internazionale nello stesso momento, sia da parte dell’etichetta che della band, è stata emozionante. Siamo arrivati a suonare negli Stati Uniti e in Messico, così come in una serie di festival europei dello scorso anno.

Quali sono le principali differenze tra suonare in un piccolo club e di fronte a migliaia di persone provenienti da tutta Europa?
Si tratta di palcoscenici e sensazioni molto differenti. Da un lato è emozionante suonare davanti a migliaia di persone, perché si avvertono un sacco di occhi addosso e non si vogliono commettere errori. Dall’altro canto, anche la possibilità di gettare il proprio sudore addosso al ragazzo in piedi a dieci centimetri di distanza è molto eccitante. Entrambe le situazioni sono buone. Dipende sempre dal giorno e dal pubblico.

Abbiamo già detto in precedenza che il vostro suono è molto particolare, ma ci sono band che ammirate particolarmente o avete ascoltato durante le registrazioni e che hanno ispirato il modo di suonare o registrare Clarão?
Quando stiamo registrando cerchiamo di ascoltare musica lontana dalla nostra, in modo da non correre il rischio di “rubare” qualcosa inconsciamente.

Parlateci del panorama musicale portoghese, in effetti non molto conosciuta in Italia: ci sono band o scene come quella di Lisbona che stanno crescendo? Cosa ne pensate a riguardo?
Lisbona ha un sacco di band che ormai vanno in giro per il mondo. Ma anche formazioni provenienti da Coimbra, Porto e Braga, per esempio. Vorrei menzionare Buraka Som Sistema, Batida, Morto Combo, Legendary Tiger Man, Genera e Shine, Nero Bombain, Marfox, Gala Goccia, tutta la scena fado e anche band hardcore come More Than A Thousand o Devil In Me.

A giorni sarete in Italia per la prima volta: cosa ci dovremo aspettare?
Sarà la prima volta nell’Italia continentale, dal momento che abbiamo suonato in Sardegna nel 2012. Speriamo di avere una buona audience sotto al palco e di essere in grado di far ballare la gente con la nostra musica. Speriamo di riuscirci.

Foto di Pedro Claùdio

 

IN ITALIA
5 marzo – Bologna (Locomotiv)
6 marzo – Milano (Salumeria della Musica)
7 marzo – Torino (Spazio 211)
8 marzo – Montepulciano, SI (Mattatoio n. 5)

Commenti

Altri contenuti Musica
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
184209147-74fa6fc2-02bb-470a-b5c6-1271ad9f6eb5

Sgt. Pepper

Come venne accolto in Italia?

"Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band" uscì in Italia nella prima quindicina di giugno del 1967 e...
kaitlynaureliasmith_header_1440x720

Kaitlyn Aurelia Smith

Giungla futuristica

La natura come primaria fonte d’ispirazione, il carattere alieno del Buchla umanizzato attraverso le melodie vocali, la sinestesia...
000096680022

Kevin Morby

La fine dei vent'anni

Al quarto album da solista, il songwriter statunitense, già membro dei Woods, passa dalla natura a scenari...
Goldie by Chelone Wolf

Goldie

Killing Music

Il ritorno del re della jungle e della drum and bass è a tutti gli effetti un...
IMG_5789_med

Cody ChesnuTT

Black Music Have The Power

Attivo dalla fine degli anni 90, ChesnuTT esprime una vitalità soul-rock in grado di portare la rivoluzione...
ANGEL OLSEN
Intervista e concerti in Italia

Angel Olsen

This woman's work

La cantautrice originaria del Missouri arriva in Italia (Bologna e Milano) con il nuovo album MY WOMAN,...
xiu xiu JAS blur

Xiu Xiu

La loggia nera della memoria

Con "Xiu Xiu Plays the Music of Twin Peaks", lo scorso anno la band omaggiò la serie...
PERFUME GENIUS
Il coraggio di essere

Perfume Genius

Il coraggio di essere

Mike Hadreas è tornato da poco con il suo quarto album, "No Shape", che sancisce la sua...
DAVID LYNCH - Quando parlammo con il leggendario regista

David Lynch

Dance Of The Dream Man

In occasione dell'eclatante ritorno su piccolo schermo di "Twin Peaks", riproponiamo la nostra intervista al leggendario regista...
CHRIS-CORNELL

Chris Cornell

Euphoria Mo(u)rning

Raccontare Chris Cornell, attraverso un album, nel giorno in cui morì.
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Annette+Peacock+2015

Annette Peacock

A volte ritornano

I concerti della compositrice free jazz americana sono ormai avvenimenti più unici che rari e martedì 23...
TIMBER TIMBRE
- L'intervista e le date in Italia

Timber Timbre

Presagi

La band canadese torna armata di sintetizzatori. Il frontman TAYLOR KIRK ci racconta perché SINCERELY, FUTURE POLLUTION...
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...