Paus

Il mondo in una rock band

Incassati gli elogi della critica specializzata in seguito alla pubblicazione di “Clarao”, i portoghesi Paus si apprestano a imbarcarsi nel loro primo tour italiano. Ne approfittiamo per scambiare due chiacchiere a proposito della loro musica e della particolare formazione con cui si presentano sulle scene.
Paus
Dal vivo in Italia

Nella vostra musica si mescolano sonorità hard rock con ritmi sudamericani: come avete raggiunto questo particolare suono?
Vero. Ma vorremmo anche ricordare la musica africana. Abbiamo uno stretto legame con l’Africa e ci influenza molto. Il suono che abbiamo trovato è solo un riflesso di tutte queste influenze che ci portiamo appresso da quando abbiamo iniziato a prestare attenzione a ciò che ascoltiamo.

La seconda particolarità a proposito della vostra band sono i due batteristi che suonano un tamburo siamese…
Avevamo due amici che suonavano insieme ma l’utilizzo di due batterie simultaneamente è già stato impiegato più e più volte da altre band. Così abbiamo voluto fare qualcosa di diverso. Ci siamo ricordati che alcune scuole di musica usano quella tecnica, il professore e lo studente che suonano faccia a faccia con la stessa cassa, e le abbiamo dato un nome: tamburo siamese.

Con il nuovo album Clarão siete pubblicati da El Segell, l’etichetta del Primavera Sound Festival di Barcellona, dove vi siete esibiti per due anni consecutivi. Ci dite qualcosa di più su questa avventura?
In realtà l’anno scorso è stata la terza volta consecutiva che abbiamo suonato lì. Tutto è davvero un’avventura da quando stiamo lavorando con questi ragazzi. Alcuni di loro condividono la stessa politica “fai da te” che tutti abbiamo mutuato dalla scena hardcore degli anni ’90, quindi è stato facile capire come avremmo dovuto procedere insieme. Anche l’idea di iniziare una carriera internazionale nello stesso momento, sia da parte dell’etichetta che della band, è stata emozionante. Siamo arrivati a suonare negli Stati Uniti e in Messico, così come in una serie di festival europei dello scorso anno.

Quali sono le principali differenze tra suonare in un piccolo club e di fronte a migliaia di persone provenienti da tutta Europa?
Si tratta di palcoscenici e sensazioni molto differenti. Da un lato è emozionante suonare davanti a migliaia di persone, perché si avvertono un sacco di occhi addosso e non si vogliono commettere errori. Dall’altro canto, anche la possibilità di gettare il proprio sudore addosso al ragazzo in piedi a dieci centimetri di distanza è molto eccitante. Entrambe le situazioni sono buone. Dipende sempre dal giorno e dal pubblico.

Abbiamo già detto in precedenza che il vostro suono è molto particolare, ma ci sono band che ammirate particolarmente o avete ascoltato durante le registrazioni e che hanno ispirato il modo di suonare o registrare Clarão?
Quando stiamo registrando cerchiamo di ascoltare musica lontana dalla nostra, in modo da non correre il rischio di “rubare” qualcosa inconsciamente.

Parlateci del panorama musicale portoghese, in effetti non molto conosciuta in Italia: ci sono band o scene come quella di Lisbona che stanno crescendo? Cosa ne pensate a riguardo?
Lisbona ha un sacco di band che ormai vanno in giro per il mondo. Ma anche formazioni provenienti da Coimbra, Porto e Braga, per esempio. Vorrei menzionare Buraka Som Sistema, Batida, Morto Combo, Legendary Tiger Man, Genera e Shine, Nero Bombain, Marfox, Gala Goccia, tutta la scena fado e anche band hardcore come More Than A Thousand o Devil In Me.

A giorni sarete in Italia per la prima volta: cosa ci dovremo aspettare?
Sarà la prima volta nell’Italia continentale, dal momento che abbiamo suonato in Sardegna nel 2012. Speriamo di avere una buona audience sotto al palco e di essere in grado di far ballare la gente con la nostra musica. Speriamo di riuscirci.

Foto di Pedro Claùdio

 

IN ITALIA
5 marzo – Bologna (Locomotiv)
6 marzo – Milano (Salumeria della Musica)
7 marzo – Torino (Spazio 211)
8 marzo – Montepulciano, SI (Mattatoio n. 5)

Commenti

Altri contenuti Musica
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
L I M

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...
170415_JoanAsPoliceWoman

Joan As Police Woman

Giovanna Dark

"Damned Devotion", il nuovo album di Joan Wasser in uscita il 9 febbraio, si presenta, innanzitutto, come...
OUGHT

Ought

Oggi, più di ogni altro giorno

La band canadese è al terzo album, “Room Inside The World”, contraddistinto da una forte componente umana,...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...