Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore che ora se l'è portata via.
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones è cresciuta nel mondo dei cori gospel, ma senza trovare per lungo tempo i meritati riscontri. Si è sentita scartare dalla Sony. Negli anni Ottanta ha lavorato come guardia carceraria a Rickers Island, New York. Poi la Desco Records l’ha riscoperta e la Daptone l’ha servita su un piatto d’argento ai cultori del nuovo soul, che questa volta non se la sono lasciata scappare.

Molti artisti hanno pubblicato album natalizi nel corso degli anni. Ti spaventava l’idea di confrontarti con un territorio così noto e battuto?
Assolutamente no.

Qual è stato il tuo segreto per renderlo così speciale e personale?
Il fatto che per pubblicare un disco di Natale ci abbiamo messo vent’anni e adesso non vediamo l’ora di condividerlo con i nostri fan.

Ascoltando l’album si rimane particolarmente colpiti dallo spirito gioioso e dal senso del groove, che è una caratteristica cardine di tutta la tua produzione. Quanto contano questi due aspetti per te?
Sono due aspetti importanti in tutto ciò che facciamo. Più esattamente, sono quello che facciamo. In questo disco è stato ancora più speciale perché i ragazzi, i Dap-Kings, mi hanno seguito subito mentre suonavo Silent Night al piano, oppure Please Come Home For Christmas. Su White Christmas invece volevo qualcosa che ricordasse Ike e Tina Turner e loro lo hanno capito immediatamente, interpretando il brano con un sound energico e potente.

C’è qualche disco natalizio pubblicato da altri artisti che ti ha influenzato?
Sono innamorata delle compilation di soul natalizio e sono state tutte di ispirazione per me, in particolar modo i brani cantati da artisti come James Brown.

Ragionando per assurdo, quanto pensi che la tua musica sarebbe stata diversa se fossi rimasta a vivere ad Augusta invece che trasferirti a Brooklyn?
Sono felice di essermi trasferita a New York perché ho trovato più fonti di ispirazione in questa città che in tutto il resto degli Stati Uniti, tra i cori, le mie band giovanili e il mio gruppo per i matrimoni. Se fossi rimasta a vivere al Sud, probabilmente lavorerei in fabbrica o in un grande magazzino.

Hai sempre voluto fare la cantante?
Sì, anche se ci è voluto del tempo prima di arrivare alla carriera discografica. Fin da quando ero bambina mi piaceva imitare le grandi voci del soul, da Aretha Franklin a Otis Redding, sognando un giorno di essere come loro.

Come è stato essere nominata per un Grammy Award?
È stato fantastico, mi avrebbe fatto piacere vincerlo!

Quanto è stato importante per te il supporto della Daptone e, allo stesso tempo, il tuo contributo al successo della Daptone?
Siamo una famiglia e siamo nati tutti insieme dopo aver lasciato la Desco. Abbiamo dato vita alla Daptone con Gabriel Roth quando il suo partner alla Desco, Phillip, si è trasferito a Parigi.

Per te ultimamente non è stato un periodo facile. Ti ha aiutato avere attorno a te l’aiuto della band e delle persone che credono in te?
Sì, i miei fan e i miei amici hanno avuto un ruolo fondamentale per la mia guarigione, dandomi la forza e l’ispirazione per tornare a calcare i palchi.

Commenti

Altri contenuti Musica
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
Ascolta in streaming ATLAS /INSTRUMENTAL di PIeralberto Valli

Pieralberto Valli

Atlas / Instrumental

La versione strumentale del debutto discografico di Pieralberto Valli, "Atlas", da ascoltare in streaming.
THE HORRORS - L'ologramma del pop

The Horrors

L'ologramma del pop

Il quinto album in studio – intitolato semplicemente "V" - rappresenta un nuovo passo avanti per il...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
Chrysta_Bell_BeatTheBeat

Chrysta Bell

È tra i 217 nomi reclutati nel cast della terza serie di "Twin Peaks", nei panni dell'agente...
Naomi Punk (cred. Jami Nadel)

Naomi Punk

Energia

Parliamo con Travis Coster, cantante/chitarrista del trio di Olympia al terzo album con il nuovo "Yellow", di...
MAC DEMARCO - Vecchie abitudini

Mac DeMarco

Vecchie abitudini

Il cantautore canadese in concerto per due date ad Agosto ci racconta la genesi del suo “album...
JTpanorama

U2

Le lacrime di Warhol

The Joshua Tree fa trent’anni, un anniversario celebrato con un tour mondiale con tappe anche a Roma...
laura-coulson---the-xx-6-29985add-16fe-412a-b598-825cdd8623ae

The xx

Una nuova generazione

Sono sempre in tre, sono al terzo album con"I See You". In occasione del nuovo passaggio in...
JENS LEKMAN - Canzoni della vita

Jens Lekman

Canzoni della vita

Il songwriter svedese suonerà il 30 luglio al Siren festival di Vasto (CH), un'occasione per riproporre la...
SUMMER OF LOVE - Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Summer Of Love

Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Nel 1967, la Summer Of Love colloca San Francisco al centro delle mappe giovanili: a Haight-Ashbury fiorisce...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...