Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore che ora se l'è portata via.
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones è cresciuta nel mondo dei cori gospel, ma senza trovare per lungo tempo i meritati riscontri. Si è sentita scartare dalla Sony. Negli anni Ottanta ha lavorato come guardia carceraria a Rickers Island, New York. Poi la Desco Records l’ha riscoperta e la Daptone l’ha servita su un piatto d’argento ai cultori del nuovo soul, che questa volta non se la sono lasciata scappare.

Molti artisti hanno pubblicato album natalizi nel corso degli anni. Ti spaventava l’idea di confrontarti con un territorio così noto e battuto?
Assolutamente no.

Qual è stato il tuo segreto per renderlo così speciale e personale?
Il fatto che per pubblicare un disco di Natale ci abbiamo messo vent’anni e adesso non vediamo l’ora di condividerlo con i nostri fan.

Ascoltando l’album si rimane particolarmente colpiti dallo spirito gioioso e dal senso del groove, che è una caratteristica cardine di tutta la tua produzione. Quanto contano questi due aspetti per te?
Sono due aspetti importanti in tutto ciò che facciamo. Più esattamente, sono quello che facciamo. In questo disco è stato ancora più speciale perché i ragazzi, i Dap-Kings, mi hanno seguito subito mentre suonavo Silent Night al piano, oppure Please Come Home For Christmas. Su White Christmas invece volevo qualcosa che ricordasse Ike e Tina Turner e loro lo hanno capito immediatamente, interpretando il brano con un sound energico e potente.

C’è qualche disco natalizio pubblicato da altri artisti che ti ha influenzato?
Sono innamorata delle compilation di soul natalizio e sono state tutte di ispirazione per me, in particolar modo i brani cantati da artisti come James Brown.

Ragionando per assurdo, quanto pensi che la tua musica sarebbe stata diversa se fossi rimasta a vivere ad Augusta invece che trasferirti a Brooklyn?
Sono felice di essermi trasferita a New York perché ho trovato più fonti di ispirazione in questa città che in tutto il resto degli Stati Uniti, tra i cori, le mie band giovanili e il mio gruppo per i matrimoni. Se fossi rimasta a vivere al Sud, probabilmente lavorerei in fabbrica o in un grande magazzino.

Hai sempre voluto fare la cantante?
Sì, anche se ci è voluto del tempo prima di arrivare alla carriera discografica. Fin da quando ero bambina mi piaceva imitare le grandi voci del soul, da Aretha Franklin a Otis Redding, sognando un giorno di essere come loro.

Come è stato essere nominata per un Grammy Award?
È stato fantastico, mi avrebbe fatto piacere vincerlo!

Quanto è stato importante per te il supporto della Daptone e, allo stesso tempo, il tuo contributo al successo della Daptone?
Siamo una famiglia e siamo nati tutti insieme dopo aver lasciato la Desco. Abbiamo dato vita alla Daptone con Gabriel Roth quando il suo partner alla Desco, Phillip, si è trasferito a Parigi.

Per te ultimamente non è stato un periodo facile. Ti ha aiutato avere attorno a te l’aiuto della band e delle persone che credono in te?
Sì, i miei fan e i miei amici hanno avuto un ruolo fondamentale per la mia guarigione, dandomi la forza e l’ispirazione per tornare a calcare i palchi.

Commenti

Altri contenuti Musica
100x140-PRINT-CONTORNO.indd

TRI-P

Musica indisciplinata

Dalla rivelazione Moses Sumney ad un veterano come Mark Lanegan, ce n’è per tutti i gusti in...
Medimex 2018_Cartolina da Taranto

Medimex 2018

Cartolina da Taranto

Da giovedì 7 giugno a domenica 10 giugno siamo volati al Medimex, evento Puglia Sounds,...
breeders 1

The Breeders

@Cortile Castello Estense, Ferrara (05/06/2018)

Prima data italiana, in assoluto, per la celebre band delle sorelle Deal, a inaugurare la 23esima edizione...
Yorke Firenze

Thom Yorke (+ Oliver Coates)

@Teatro Verdi, Firenze (28/05/2018)

Prima data del nuovo tour europeo da solista, per il leader dei Radiohead, con il violoncellista Oliver...
Bruno Belissimo_intervista

Bruno Belissimo

Il party del musicista italo-canadese entra nel vivo con il secondo album “Ghetto Falsetto”, all’insegna della disco...
The Breeders_intervista

The Breeders

Icona indie rock, assente di lusso nel nuovo corso discografico dei Pixies, Kim Deal ritorna alla sua...
Greil Marcus racconta Lester Bangs

Lester Bangs

Greil Marcus ricorda l'amico e collega

35 anni fa moriva Lester Bangs. Ce lo racconta il critico rock Greil Marcus, suo amico e...
Downtown Boys_intervista

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Nils_Frahm_18-10-17_-_Photo_by_Mathew_Parri_Thomas-01_1290_726

Indieclassica

Una piccola rivoluzione in atto

L'unica data di Nils Frahm il 2 maggio 2018 al Fabrique di Milano, ci suggerisce di ripubblicare...
Motta, jan 2018

Motta

Quattro appuntamenti dal vivo alla fine di maggio anticipano il tour di Francesco Motta che con il...
JOHN PARISH_intervista

John Parish

Atteso al festival di ricerca Fabbrica Europa, a Firenze dal 4 maggio al 10 giugno, e in...
TOBJAH_intervista

Tobjah

Dall'avventura nei C+C Maxigross al debutto da solista, in italiano, per un folk libero, spirituale. Tobia Poltronieri...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...
GENERIC ANIMAL_intervista

Generic Animal

Equilibrista pop

In Generic Animal, Luca Galizia fa pop. Ma atipico. Una "nuova" realtà nel panorama italiano.
L I M_intervista

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...