Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore che ora se l'è portata via.
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones è cresciuta nel mondo dei cori gospel, ma senza trovare per lungo tempo i meritati riscontri. Si è sentita scartare dalla Sony. Negli anni Ottanta ha lavorato come guardia carceraria a Rickers Island, New York. Poi la Desco Records l’ha riscoperta e la Daptone l’ha servita su un piatto d’argento ai cultori del nuovo soul, che questa volta non se la sono lasciata scappare.

Molti artisti hanno pubblicato album natalizi nel corso degli anni. Ti spaventava l’idea di confrontarti con un territorio così noto e battuto?
Assolutamente no.

Qual è stato il tuo segreto per renderlo così speciale e personale?
Il fatto che per pubblicare un disco di Natale ci abbiamo messo vent’anni e adesso non vediamo l’ora di condividerlo con i nostri fan.

Ascoltando l’album si rimane particolarmente colpiti dallo spirito gioioso e dal senso del groove, che è una caratteristica cardine di tutta la tua produzione. Quanto contano questi due aspetti per te?
Sono due aspetti importanti in tutto ciò che facciamo. Più esattamente, sono quello che facciamo. In questo disco è stato ancora più speciale perché i ragazzi, i Dap-Kings, mi hanno seguito subito mentre suonavo Silent Night al piano, oppure Please Come Home For Christmas. Su White Christmas invece volevo qualcosa che ricordasse Ike e Tina Turner e loro lo hanno capito immediatamente, interpretando il brano con un sound energico e potente.

C’è qualche disco natalizio pubblicato da altri artisti che ti ha influenzato?
Sono innamorata delle compilation di soul natalizio e sono state tutte di ispirazione per me, in particolar modo i brani cantati da artisti come James Brown.

Ragionando per assurdo, quanto pensi che la tua musica sarebbe stata diversa se fossi rimasta a vivere ad Augusta invece che trasferirti a Brooklyn?
Sono felice di essermi trasferita a New York perché ho trovato più fonti di ispirazione in questa città che in tutto il resto degli Stati Uniti, tra i cori, le mie band giovanili e il mio gruppo per i matrimoni. Se fossi rimasta a vivere al Sud, probabilmente lavorerei in fabbrica o in un grande magazzino.

Hai sempre voluto fare la cantante?
Sì, anche se ci è voluto del tempo prima di arrivare alla carriera discografica. Fin da quando ero bambina mi piaceva imitare le grandi voci del soul, da Aretha Franklin a Otis Redding, sognando un giorno di essere come loro.

Come è stato essere nominata per un Grammy Award?
È stato fantastico, mi avrebbe fatto piacere vincerlo!

Quanto è stato importante per te il supporto della Daptone e, allo stesso tempo, il tuo contributo al successo della Daptone?
Siamo una famiglia e siamo nati tutti insieme dopo aver lasciato la Desco. Abbiamo dato vita alla Daptone con Gabriel Roth quando il suo partner alla Desco, Phillip, si è trasferito a Parigi.

Per te ultimamente non è stato un periodo facile. Ti ha aiutato avere attorno a te l’aiuto della band e delle persone che credono in te?
Sì, i miei fan e i miei amici hanno avuto un ruolo fondamentale per la mia guarigione, dandomi la forza e l’ispirazione per tornare a calcare i palchi.

Commenti

Altri contenuti Musica
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
184209147-74fa6fc2-02bb-470a-b5c6-1271ad9f6eb5

Sgt. Pepper

Come venne accolto in Italia?

"Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band" uscì in Italia nella prima quindicina di giugno del 1967 e...
kaitlynaureliasmith_header_1440x720

Kaitlyn Aurelia Smith

Giungla futuristica

La natura come primaria fonte d’ispirazione, il carattere alieno del Buchla umanizzato attraverso le melodie vocali, la sinestesia...
000096680022

Kevin Morby

La fine dei vent'anni

Al quarto album da solista, il songwriter statunitense, già membro dei Woods, passa dalla natura a scenari...
Goldie by Chelone Wolf

Goldie

Killing Music

Il ritorno del re della jungle e della drum and bass è a tutti gli effetti un...
IMG_5789_med

Cody ChesnuTT

Black Music Have The Power

Attivo dalla fine degli anni 90, ChesnuTT esprime una vitalità soul-rock in grado di portare la rivoluzione...
ANGEL OLSEN
Intervista e concerti in Italia

Angel Olsen

This woman's work

La cantautrice originaria del Missouri arriva in Italia (Bologna e Milano) con il nuovo album MY WOMAN,...
xiu xiu JAS blur

Xiu Xiu

La loggia nera della memoria

Con "Xiu Xiu Plays the Music of Twin Peaks", lo scorso anno la band omaggiò la serie...
PERFUME GENIUS
Il coraggio di essere

Perfume Genius

Il coraggio di essere

Mike Hadreas è tornato da poco con il suo quarto album, "No Shape", che sancisce la sua...
DAVID LYNCH - Quando parlammo con il leggendario regista

David Lynch

Dance Of The Dream Man

In occasione dell'eclatante ritorno su piccolo schermo di "Twin Peaks", riproponiamo la nostra intervista al leggendario regista...
CHRIS-CORNELL

Chris Cornell

Euphoria Mo(u)rning

Raccontare Chris Cornell, attraverso un album, nel giorno in cui morì.
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Annette+Peacock+2015

Annette Peacock

A volte ritornano

I concerti della compositrice free jazz americana sono ormai avvenimenti più unici che rari e martedì 23...
TIMBER TIMBRE
- L'intervista e le date in Italia

Timber Timbre

Presagi

La band canadese torna armata di sintetizzatori. Il frontman TAYLOR KIRK ci racconta perché SINCERELY, FUTURE POLLUTION...
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...