Teleman

Pop a colazione

Si può diventare adulti senza troppe rinunce? Ne abbiamo parlato con Thomas Sanders, in occasione del primo album della sua nuova band.
Teleman
Pop a colazione

Abbiamo conosciuto i fratelli Sanders che ancora giocavano a fare i pirati sul palco, grazie a due album di brillantissimo indie rock a firma Pete & The Pirates (Little Death del 2008, One Thousand Pictures successivo di tre anni). Cambiano le mode e gli ascolti e oggi, dopo una lunga e necessaria pausa, eccoli rientrare in pista con un nuovo nome e un debutto (Breakfast, su etichetta Moshi Moshi) che li vede sensibilmente cambiati nella formazione e nei suoni. Per certi versi sono cresciuti, per altri sono rimasti quei bambini che terminano in fretta la colazione per uscire fuori a giocare.

Sono passati due anni dallo scioglimento di Pete & The Pirates. La nascita dei Teleman e la genesi di Breakfast hanno richiesto così tanto tempo?
Io, Pete (Cattermoul, NdR) e mio fratello Jonny sapevamo di non volere smettere di fare musica insieme ma non eravamo sicuri di quale forma avrebbe preso questo nuovo progetto. Nel frattempo Jonny aveva deciso di abbandonare la batteria, trovando nelle tastiere una maggiore soddisfazione. Abbiamo iniziato così: suonando i brani con una drum machine e iniziando a fare qualche spettacolo, incerti se quello fosse o meno “il nostro sound”. Ben presto ci siamo resi conto di avere bisogno di un batterista; il fatto di essere legati a una macchina non ci piaceva. Abbiamo incontrato Hiro (Amamiya, NdR) ed è solo con il suo arrivo che sono nati i Teleman. Registrare l’album, poi, ha richiesto molto tempo, ma solo perché lo abbiamo fatto in un modo abbastanza frammentario e sporadico.

Siete stati costretti in qualche modo a chiarire tutto ciò che sapevamo su di voi prima di iniziare questo nuovo progetto?
No. Non abbiamo fatto alcun annuncio riguardo la nostra band. Abbiamo evitato qualsiasi riferimento a Pete & The Pirates, così come non abbiamo contattato vecchi fan e amici del settore. Abbiamo solo voluto iniziare in un modo molto tranquillo e naturale, costruendo le cose lentamente.

…anche perché questo progetto è un cambiamento notevole dalla musica e dalle strutture del passato.
Direi che alla fine la musica che stiamo facendo adesso è ancora abbastanza “tradizionale”, rientra ancora nel campo dell’indie! È sicuramente meno focalizzata sulle chitarre, ma è essenzialmente musica pop. Con i Teleman stiamo cercando di mantenere spalancati i confini del nostro spettro sonoro e al contempo di mantenere le melodie semplici e potenti, con arrangiamenti interessanti.

Breakfast è un album pieno di delicate melodie pop. È ingenuo e nostalgico allo stesso tempo. È questo il suono di ragazzi che giocavano a essere pirati e che ora sono diventati adulti?
Sì, credo proprio che sia così! È difficile scrivere una canzone pop “adulta” riuscendo a mantenerla divertente e avvincente, ma penso che il trucco sia quello di rimanere onesti e lasciare che gli altri lo notino.

 

teleman2014

 

Una costante dal passato l’abbiamo comunque trovata: i testi sono sempre molto godibili. Sembrano concentrati su un tema preciso, ma al tempo stesso racchiudono tanti significati diversi, da leggere tra le righe.
Non mi capita spesso di scrivere testi diretti, che spiegano tutto con chiarezza. Preferisco sempre mantenere un certo livello di ambiguità, perché penso che sia un modo più interessante di raccontare una storia. All’interno di una canzone mi piace affrontare diversi temi; ripudio i testi prevedibili, quelli che seguono un preciso ordine cronologico. Immagino che la maggior parte dei miei testi possa lasciare perplesse le persone sui loro significati!

A un certo punto siete stati paragonati a Kraftwerk e Klaus Nomi, ma quali sono gli artisti che realmente vi hanno influenzato per questo album?
Talking Heads e Roxy Music sono due band che stavo ascoltando parecchio durante la lavorazione del disco. Inoltre io e Jonny siamo stati colpiti dai lavori di Franco Battiato, autore di una musica pop bellissima e seducente. Anche lo stile che ha nel cantare mi ha ispirato particolarmente, con quella voce morbida,  onesta. In generale, comunque, direi che le incisioni di Breakfast sono molto ariose, ben mixate. Due qualità che si possono ritrovare negli album dei Talking Heads.

Ci sono canzoni dell’album di cui vai particolarmente fiero?
Lady Low è la mia canzone preferita dell’album. È abbastanza sobria, senza un ritornello vero e proprio. Inoltre ha anche un assolo di sassofono indiscutibilmente affascinante. Non saprei dire perché è il mio brano preferito, ma è il risultato finale che mi ha colpito favorevolmente. È gradevole e lo-fi allo stesso tempo.

Bernard Butler ha prodotto Breakfast. Com’è stato lavorare con lui?
Era da un po’ di tempo che pensavo a quanto mi sarebbe piaciuto lavorare con lui. Bernard ha sentito alcuni nostri demo e li ha amati da subito. Devo dire che è stato davvero bravo a dare un senso a tutte le canzoni, a renderle parte di un unico insieme, trasformandole in un album. Ci ha anche aiutato a rendere i pezzi più incisivi, contribuendo a sviluppare meglio i suoni e gli stili a cui stavamo puntando.

Ora che Breakfast è stato pubblicato state già pensando al futuro?
Sì, stiamo discutendo di un secondo album. Vogliamo iniziare a lavorarci presto. Come sempre, però, c’è ancora molto da fare per Breakfast… Un sacco di tour e promozione. Per fortuna si tratta sempre di impegni divertenti.

Commenti

Altri contenuti Musica
U2
Quarant'anni da icone rock

U2

Quarant'anni da icone del rock

Il 25 settembre del 1976 nasceva il gruppo di Bono Vox e The Edge: quattro decenni dopo,...
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
dinosaur-jr-tickets_10-06-16_17_5743419d0a05b

Dinosaur Jr.

La lunga coda

Guardi la copertina di GIVE A GLIMPSE OF WHAT YER NOT, con quelle tinte da psichedelia casereccia,...
ELYSIA CRAMPTON
Identità e club music

Elysia Crampton

Identità e club music

Attraverso il recupero di sonorità laceranti figlie dell’industrial e una propensione per la teoria, un gruppo di...
CHELSEA WOLFE
Una cupa estate italiana al Musica W Festival

Chelsea Wolfe

Dell'amore e di altri incubi

In occasione dell'imminente data italiana al Musica W Festival, riproponiamo la nostra ultima intervista con la cantautrice...
JESUS AND MARY CHAIN
Fenomenologia degli altri 80

The Jesus and Mary Chain

Fenomelogia degli altri 80

Rinvigoriti dal tour per il trentennale di "Psychocandy", i Jesus And Mary Chain tornano in Italia il...
11952970_724959524277304_872030406267911607_o

Dimensions Festival

Croazia, Pola (24-28 agosto)

Un fenomeno ha ribaltato il panorama europeo delle estati in musica, negli ultimi anni: l'invasione della Croazia...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
FARM FESTIVAL
Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (Puglia)

Il Farm Festival

Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (BA)

Al via la quinta edizione di Farm Festival, dal 10 al 12 agosto nella Masseria Papaperta ad...
MINOR VICTORIES
Il supergruppo che funziona

Minor Victories

Il supergruppo che funziona

I componenti di tre gruppi navigati del Regno Unito - Editors, Mogwai e Slowdive - registrano un...
GRIME
Le parole per dirlo

Grime

Le parole per dirlo

Drake e Skepta si stanno prendendo l’hip hop USA, e nessuno l’avrebbe mai detto.
AFTERHOURS
Il nuovo disco, brano per brano

Afterhours

"Folfiri o Folfox"

Il nuovo album commentato traccia per traccia da Manuel Agnelli
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
prince-1-1

Prince

50 canzoni

Perché è stato Purple Rain, ma non solo. Una playlist che parla di lui.
persian-pelican2

Persian Pelican

Il songwriting del sogno

Il progetto psych-folk del songwriter marchigiano Andrea Pulcini giunge al terzo capitolo della sua affascinante discografia. Ne...