The Horrors

L'ologramma del pop

Il quinto album in studio – intitolato semplicemente "V" - rappresenta un nuovo passo avanti per il quintetto inglese, la cui voglia di assemblare e sperimentare con i generi porta a ulteriori e talvolta inattesi risultati.
THE HORRORS - L'ologramma del pop

È passato un decennio esatto da quando The Horrors esordivano sulle scene internazionali con l’album Strange House, debutto ufficiale che seguiva il primo omonimo EP. Da allora sono usciti altri tre album che hanno raccolto un successo di pubblico e critica sempre maggiori, e un altro, il quinto, è in fase di pubblicazione proprio in questi giorni: si intitola V e vede i cinque inglesi continuare la sperimentazione attorno al rock e al pop, con forse ulteriore attenzione proprio verso quest’ultimo versante. Intendiamoci: Faris Badwan e soci non si sono affatto svenduti alle logiche di mercato, tutt’altro: hanno allargato il loro sguardo e il raggio d’azione, come d’altronde è sempre stato da dieci anni a questa parte.

Dopo aver fatto salire a bordo il produttore Paul Epworth (già al lavoro con FKA twigs, Lorde, Rihanna, Adele, London Grammar, Florence and the Machine, Coldplay, U2 e Paul McCartney), i musicisti ripartono per nuove avventure sonore, come ci racconta al telefono Tom Cowan, bassista e co-fondatore del progetto.

Il vostro nuovo album, V, mi pare suoni più “pop” rispetto ai precedenti. Sei d’accordo? E, nel caso, è un qualcosa che avete cercato?
Non penso che volessimo scrivere un album più pop rispetto al passato. Credo che, sì, qualche canzone è uscita fuori in questo modo in effetti, ma questa definizione è così estesa che ognuno ci può trovare un significato diverso… Direi che è un argomento molto soggettivo. Per quanto mi riguarda, Something To Remember Me By è davvero una pop song.

Come trovate l’ispirazione per i vostri brani? Di solito scrivete prima la musica o i testi?
Non sono particolarmente coinvolto in questo aspetto, però ad esempio ho scritto alcune linee per Hologram, un brano che parla dell’idea secondo la quale l’universo e la realtà non siano altro, appunto, che un ologramma. Mi ha sempre affascinato questo pensiero (ride, NdR). Più in generale, penso che la nostra attenzione sia maggiormente rivolta agli strumenti e ai macchinari che usiamo… A volte ci facciamo ispirare da altre band, altre volte siamo noi stessi a provare soluzioni finché non otteniamo il sound giusto. Per rispondere alla tua seconda domanda, quindi: la musica, sempre. I testi vengono successivamente, talvolta quasi subito, a volte ci vuole un po’… Parlavamo di Hologram: in quel caso ci è bastato fare una passeggiata lungo la via e, quando siamo tornati, avevamo già le basi dei testi… Diciamo che è un modo di lavorare che mi piace un sacco.

Usate dei nuovi strumenti in questo album?
Sì. Non che fosse una cosa programmata, ma poi ci siamo ritrovati al Church (The Church Studios di Londra, NdR) e attorno a noi c’erano i più incredibili strumenti che uno possa chiedere… Quindi c’erano tutti questi tipi di sintetizzatori che costano cifre a cui non voglio neanche pensare.

Per V avete lavorato con un produttore importante quale Paul Epworth. Che contributo ha dato al sound?
È abbastanza difficile da stabilire. Sicuramente le cose non sarebbero andate in questo modo senza l’aiuto di Paul. Ha sistemato un sacco di cose, ha curato le canzoni, ha messo le mani un po’ ovunque. Non saprei dirti a livello pratico qualcosa di più specifico, è tutto un grande lavoro fatto di piccole cose che portano a un risultato che per noi è speciale, e speriamo lo sia anche per i nostri fan.

Prima abbiamo citato l’ultima canzone dell’album, Something To Remember Me By, che sembra tornare direttamente ai tempi della disco music anni 80. Come vi è uscito un pezzo così fuori dai vostri canoni?
Se non ricordo male, quella canzone era stata scritta anni fa e registrata a livello di demo. Poi è stata dimenticata per lungo tempo, principalmente perché tutti eravamo d’accordo sul fatto che fosse un pezzo troppo pop per i nostri standard. E poi è arrivato Paul e ci ha detto che avremmo fatto meglio a lavorare su quel pezzo…

Quindi è stato Epworth a dirvi di metterla dentro?
Sì. Quando l’ha sentita, si è subito interessato e ha voluto approfondire il discorso e alla fine ci ha convinti che la canzone tutto sommato suonava veramente bene.

In quanto all’artwork, è firmato da Erik Ferguson…
Esatto, tutti noi pensiamo che la sua arte sia fantastica, l’abbiamo contattato e le cose sono andate per il meglio. Troviamo che l’artwork sia venuto fuori davvero bene.

Nel prossimo tour toccherete anche l’Italia, nelle date di dicembre a Milano e a Bologna. Com’è il vostro feeling con il nostro pubblico?
A essere sincero, un po’ in tutti i Paesi in cui abbiamo suonato abbiamo sempre trovato riscontri molto positivi. Comunque il pubblico italiano è sempre cool, i posti e i festival nei quali ci siamo esibiti nel corso degli anni ci hanno sempre fatto stare bene, in definitiva posso dire che ci siamo trovati sempre a nostro agio e siamo sicuri che sarà così anche la prossima volta che verreremo lì da voi… Anzi, colgo l’occasione per dire che vi aspettiamo.

 

DAL VIVO IN ITALIA

05 DICEMBRE –  MILANO, MAGNOLIA

06 DICEMBRE – BOLOGNA, LOCOMOTIV CLUB

Commenti

Altri contenuti Musica
Downtown Boys

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Nils_Frahm_18-10-17_-_Photo_by_Mathew_Parri_Thomas-01_1290_726

Indieclassica

Una piccola rivoluzione in atto

L'unica data di Nils Frahm il 2 maggio 2018 al Fabrique di Milano, ci suggerisce di ripubblicare...
Motta, jan 2018

Motta

Quattro appuntamenti dal vivo alla fine di maggio anticipano il tour di Francesco Motta che con il...
JOHN PARISH_intervista

John Parish

Atteso al festival di ricerca Fabbrica Europa, a Firenze dal 4 maggio al 10 giugno, e in...
TOBJAH_intervista

Tobjah

Dall'avventura nei C+C Maxigross al debutto da solista, in italiano, per un folk libero, spirituale. Tobia Poltronieri...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...
GENERIC ANIMAL_intervista

Generic Animal

Equilibrista pop

In Generic Animal, Luca Galizia fa pop. Ma atipico. Una "nuova" realtà nel panorama italiano.
L I M_intervista

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...
_DSC3099

Cosmo

Tutta la libertà possibile

Oltre il tormentone dell’estate scorsa, il creatore di canzoni pop, il producer di elettronica, l’ex prof. di...
gdm-1

Jukka Reverberi

Post rock, una definizione

Cos’è il post rock? Cos’è stato? Esiste ancora? Proviamo a definirlo con Jukka Reverberi dei Giardini di...
INSECURE MEN_intervista

Insecure Men

La vita è piena di sorprese

Alla scoperta del curioso esordio omonimo, su Fat Possum, del nuovo duo formato dall'ex Fat White Family...
starcontrol 2017 - 02_preview

Starcontrol

Un quadro nerobluastro

Il trio lombardo approda finalmente al primo album "Fragments", per una "spleen wave” cupamente emotiva dalla quale...
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
170415_JoanAsPoliceWoman

Joan As Police Woman

Giovanna Dark

"Damned Devotion", il nuovo album di Joan Wasser in uscita il 9 febbraio, si presenta, innanzitutto, come...