Forsqueak

L'anteprima del video "Lapis"

Schermata 2014-06-27 a 10.58.54

“Il Lapis è una pietra, è grafite che lascia il segno, è ruvidità e asperità, proprio come le note che compongono il granitico riff di questo brano che, insidiandosi nelle menti dell’ascoltatore, scavano e lasciano il segno. Il motore si accende, parte la musica, e i Forsqueak ci conducono a gran velocità attraverso tutti i luoghi che la loro musica, poliedrica ed energica, è capace di evocare, sono quattro cubi, quattro colori e quattro identità musicali che come in un cubo di Rubik possono permutarsi in molteplici combinazioni”.

Disponibile da oggi anche su iTunes e su tutti gli stores digitali, Lapis è il nuovo singolo della band siciliana che il prossimo 3 luglio si esibirà nella sua Palermo in occasione dell’OOT’ON Festival diretto da Gianni Gebbia.

Foto Forsqueak

Il brano è tratto dall’album di debutto Parental Advisory: Absolutely No Lyrics del 2013. Questa la recensione apparsa sul Mucchio 708-709:

Basterebbe il servizio fotografico, dove i quattro palermitani si fanno ritrarre con scatole colorate al posto delle teste, oppure una copertina semplice e altrettanto d’impatto, dove campeggia il geniale titolo Parental Advisory: Absolutely No Lyrics, per accendere l’attenzione sui Forsqueak. Però, appunto, attenzione: per Bruno Pitruzzella, Sergio Schifano, Luca La Russa e Simone Sfameli, che si dividono tra chitarre, basso e batteria, parla solo ed esclusivamente la musica. In ogni senso, poiché le tracce in programma sono interamente strumentali. Strumentali che fondono (math) rock, noise, progressive e sperimentazione, improvvisazione e studi jazz. Il cortocircuito fra l’estrema libertà creativa e la padronanza tecnica dà vita a composizioni stratificate, che si lanciano in avvincenti saliscendi ritmici (Settolto o Salpa) senza comunque perdere mai di vista una salutare ironia (Dafaremido). Lapis potrebbe appartenere al repertorio dei Battles più fisici, l’estesa 345 lambisce in crescendo ambient e post-rock, la cover della Well You Needn’t di Thelonious Monk preme sull’acceleratore. Un esordio assolutamente interessante.

 

Buona visione!

 

D.o.p: Alessio Algeri www.zurrulab.com

Edit/post: Antonio Cusimano http://312htm.com

Label: Almendra Music www.almendramusic.com

Shooted @Zeit Studio

Altri contenuti
jeff-buckley

Tutto per una canzone

Musicista per Casio

Ho un ricordo di me che ascolto questa canzone e la amo nel 1994; ho un ricordo...
locandina

Hereditary

La recensione del film

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina

Ocean’s 8

La recensione del film

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina

Dark Hall

La recensione del film

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
arthur-buck-cover-2018

Arthur Buck

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals

Mark Lanegan & Duke Garwood

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
ali_smith_ritratto-795x497

Ali Smith

Stagioni diverse

Il primo volume della tetralogia della scrittrice scozzese si chiama "Autunno", l'ultimo, vien da sé: "Estate". ...
jon hassell

Jon Hassell

Nella critica delle arti figurative il pentimento è ogni variazione che l’artista apporta al suo lavoro e che talora...
letseatgrandma

Let’s Eat Grandma

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770

Kamasi Washington

La recensione del disco

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...