Forsqueak

L'anteprima del video "Lapis"

Schermata 2014-06-27 a 10.58.54

“Il Lapis è una pietra, è grafite che lascia il segno, è ruvidità e asperità, proprio come le note che compongono il granitico riff di questo brano che, insidiandosi nelle menti dell’ascoltatore, scavano e lasciano il segno. Il motore si accende, parte la musica, e i Forsqueak ci conducono a gran velocità attraverso tutti i luoghi che la loro musica, poliedrica ed energica, è capace di evocare, sono quattro cubi, quattro colori e quattro identità musicali che come in un cubo di Rubik possono permutarsi in molteplici combinazioni”.

Disponibile da oggi anche su iTunes e su tutti gli stores digitali, Lapis è il nuovo singolo della band siciliana che il prossimo 3 luglio si esibirà nella sua Palermo in occasione dell’OOT’ON Festival diretto da Gianni Gebbia.

Foto Forsqueak

Il brano è tratto dall’album di debutto Parental Advisory: Absolutely No Lyrics del 2013. Questa la recensione apparsa sul Mucchio 708-709:

Basterebbe il servizio fotografico, dove i quattro palermitani si fanno ritrarre con scatole colorate al posto delle teste, oppure una copertina semplice e altrettanto d’impatto, dove campeggia il geniale titolo Parental Advisory: Absolutely No Lyrics, per accendere l’attenzione sui Forsqueak. Però, appunto, attenzione: per Bruno Pitruzzella, Sergio Schifano, Luca La Russa e Simone Sfameli, che si dividono tra chitarre, basso e batteria, parla solo ed esclusivamente la musica. In ogni senso, poiché le tracce in programma sono interamente strumentali. Strumentali che fondono (math) rock, noise, progressive e sperimentazione, improvvisazione e studi jazz. Il cortocircuito fra l’estrema libertà creativa e la padronanza tecnica dà vita a composizioni stratificate, che si lanciano in avvincenti saliscendi ritmici (Settolto o Salpa) senza comunque perdere mai di vista una salutare ironia (Dafaremido). Lapis potrebbe appartenere al repertorio dei Battles più fisici, l’estesa 345 lambisce in crescendo ambient e post-rock, la cover della Well You Needn’t di Thelonious Monk preme sull’acceleratore. Un esordio assolutamente interessante.

 

Buona visione!

 

D.o.p: Alessio Algeri www.zurrulab.com

Edit/post: Antonio Cusimano http://312htm.com

Label: Almendra Music www.almendramusic.com

Shooted @Zeit Studio

Altri contenuti
barnes

Prima di me

La recensione del libro

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
locandina

My Life Story

35° Torino Film Festival

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
piscine

Enrico Gabrielli

La recensione del libro

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
four

Four Tet

La recensione del disco

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus

John Maus

La recensione del disco

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam

Mariam The Believer

La recensione del disco

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce

Colapesce

La recensione del disco

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit

Rabit

La recensione del disco

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...