Il Fratello – Far Away

Ghost Track

Il Fratello: Far Away
Ascolta la ghost track

Quella che vi mostriamo è l’anteprima di Far Away, cover di José Gonzàlez inserita come bonus track nell’omonimo album di debutto de Il Fratello, ovvero il cantautore Andrea Romano. Vi lasciamo alle parole di presentazione dello stesso Andrea.

Io gioco alla Playstation.Gioco da sempre alla Playstation. Adesso siamo alla terza consolle e non vedo l’ora che esca la quarta.
Non è una di quelle cose psicanalizzabili, del tipo sentirsi bambini etc etc.
Assolutamente no.
Io sono semplicemente innamorato da sempre dei videogiochi, da sempre.
Sono abbonato a riviste (cosa che mai farei per quelle musicali ad esempio), compro giochi, seguo la critica e soprattutto gioco.
Ormai, data l’età e gli impegni, gioco sempre meno, ma continuo a riservarmi fettine delle settimana da dedicare solo ed esclusivamente a questo.
Nella misurabilità delle passioni, dopo la donna, la musica e il cibo, ci sta sicuramente il Videogioco.
È accaduto che qualche mese fa, un caro amico, anche lui musicista e appassionato di videogiochi, mi invitò a partecipare ad una compilation di cover di brani contenuti in videogiochi. Questa compilation, ancora non pubblicata, doveva appunto avere come matrice comune la provenienza da un videogioco.
In quel periodo stavo ri-giocando a Red Dead Redemption, un clamoroso Western della Rock Star Games (gli stessi della saga di Grand Theft Auto) che ha una straordinaria colonna sonora.
Mi venne quindi quasi naturale scegliere Far Away di José Gonzàlez, titoli di coda di questo meraviglioso gioco.
Tornai un weekend a Siracusa, chiamai l’amico Carlo Barbagallo che vive a Torino e gli dissi che il giorno dopo avrebbe avuto una base elettronica con chitarra e voce di questo brano, sulla quale avrebbe dovuto mettere delle parti. Registrai le mie parti (tastiera, synth, chitarra e voce) con Il Maestro Gabriele “il nonno” Cappellani e Valerio Valentino Vittoria e le mandai a Barbagallo.
Barbagallo fece il suo lavoro (e lo fece molto bene) e dopo tre giorni circa avevamo la rilettura de Il Fratello + Barbagallo di questa bellissima ed evocativa canzone.
Fatto ciò, Barbagallo che si è occupato di parte del master del disco de Il Fratello, mi propose di inserire Far Away come ghost track dell’album.
Accettai, subito.
Quasi parallelamente, Gabriele Galanti, Jody Mauceri e Valentina Formica (Tunafishbanda), affrontavano la Salerno- Reggio Calabria in direzione Roma per venire a girare il videoclip del primo singolo del disco, Vai Via.
Affrontavano la Salerno-Reggio, quasi come gli eroi fanno.
Sotto la neve, rischiando la morte e con i viveri in tasca (nello specifico le mitiche bufale di Battipaglia e le scacciate di Bellomìa).
L’affrontavano anche con un iPhone che mandava musica e riprendeva a tratti fiocchi di neve, tunnel mai completati e automobili slittanti.
Quasi come John Marston, il protagonista di Red Dead Redemption.
Anche se a lui mancava l’automobile, le mozzarelle e l’iPhone.
Sinceramente non credo ci sia moltissima differenza tra la Salerno – Reggio Calabria e i territori del Texas e del Nuovo Messico che si affacciano sul Rio Grande.
Oppure quelli subito dopo il confine con il Messico come Coahuila, Durango, Nuevo León e Tamaulipas, i territori appunto descritti nel gioco.
Le macchine e i tunnel sono rispettivamente i nostri cavalli e i fiumi d’attraversare.
La neve è la stessa delle alture.
Gli orsi ci stanno in entrambi i posti.
E pensare che il gioco è ambientato nel 1911.
Non vorrei risolvere tutto questo in un solipsistico parallelismo fondato sulla reazione emotiva ad una minchiata.
So solo che quando vidi a Roma le immagini girate da Gabriele, Jody e Valentina le pensai immediatamente con Far Away sotto. E così fu.

Andrea Romano (Il Fratello)

Altri contenuti
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
WESTWORLD
Non cancellare il tuo ricordo

Westworld

Non cancellare il tuo ricordo

Sono le nostre percezioni a renderci umani. O forse no? "Westworld" e "Black Mirror" provano a rispondere.
jaar

Nicolas Jaar

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare

Romare

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori

Alessandro Fiori

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair

Soft Hair

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
locandina

Il cittadino illustre

La recensione del film

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
new gen

AA. VV.

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2

Free Fire

34° Torino Film Festival

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...