The Gluts

L'anteprima del video "Please Be Patient With Your Dad"

Schermata 2014-06-06 a 11.43.13

Please Be Patient With Your Dad è il primo video estratto da WARSAW, l’album di debutto dei The Gluts, trio milanese formato da Nicolò Campana, Marco Campana e Claudia Cesana, accompagnati dal vivo da Mattia Mandriano Toselli.

Il disco, uscito esclusivamente in digitale o in vinile limitato a cento copie numerate e personalizzate a mano, è stato mixato a Londra da James Aparicio e contiene nove canzoni, oltre a un racconto scritto dagli stessi musicisti che si pone come proseguimento dell’ultima traccia in scaletta.

Please Be Patient With Your Dad, nello specifico, “parla della gioia e dell’ansia di diventare padre ma più in generale della voglia e della paura di essere o non essere all’altezza di quello che la vita ci ha riservato“.

the gluts

Da comunicato, “il video, ideato e diretto da Vincenzo Ricchiuto  (già autore di video per Flaming Lips e Giobia), scrive in sostanza un secondo capitolo di questa storia. La bimba ormai cresciuta vuole andare incontro a se stessa e al suo destino, in un passaggio sicuramente complesso tra l’adolescenza e il diventare adulti, un passaggio che implica un taglio (simbolico o no starà al pubblico deciderlo) con il padre, figura fondamentale nel percorso di crescita iniziale, che la vede ancora come la sua bambina“.

Domenica 8 giugno la band si esibirà alla decima edizione del “MI AMI”, al parco dell’Idroscalo di Milano presso il Circolo Magnolia.

 

Credits video:

Soggetto e regia: Vincenzo Ricchiuto

DOP Camera Operator Post: Francesco Collinelli

Special Guest: Matteo Re

Commenti

Altri contenuti
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
WESTWORLD
Non cancellare il tuo ricordo

Westworld

Non cancellare il tuo ricordo

Sono le nostre percezioni a renderci umani. O forse no? "Westworld" e "Black Mirror" provano a rispondere.
jaar

Nicolas Jaar

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare

Romare

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori

Alessandro Fiori

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair

Soft Hair

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
locandina

Il cittadino illustre

La recensione del film

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
new gen

AA. VV.

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2

Free Fire

34° Torino Film Festival

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...