White Fence

Anteprima di Like That

foto

Primo album per Drag City, To The Recently Found Innocent uscirà il 21 luglio, prodotto dall’amico Ty Segall – con cui Tim Presley, questo il vero nome all’anagrafe del musicista californiano, collabora da tempo e ha anche cofirmato un disco, Hair del 2012. Pronti per il suo pop tra lo-fi e psichedelia?

Dalle parole dello stesso Presley:
Paura, rabbia, dolore, ansia. Colpevole! Avevo bisogno di qualcosa di nuovo. Avevo bisogno di essere libero e innocente. Stavo fluttuando nella mia stanza. Stanco della parete Bounce-A-Lula. Non potevo arrivare più in alto. Volevo mettere alcune canzoni in camera di qualcun altro. Volevo provare come suonavano con un vero batterista. Volevo vedere come il tutto avrebbe suonato usando un orecchio alieno. In mancanza di una parola più fredda/modesta, Ty Segall ha ‘prodotto’ questo album.

Dovevo scegliere le canzoni. Siamo andati nel garage di Ty e le abbiamo incise. Lui ha posizionato i microfoni, registrato e suonato la batteria in qualche canzone. Poi Nick Murray è stato tirato dentro per finire il resto delle batterie. Nick era perfetto, anche perché è un solido componente della formazione live, e ho messo su versioni demo della maggior parte dei brani per lui durante i viaggi in macchina. Tutto ciò è stato un po’ differente dalla formula White Fence. Mi ha costretto a scegliere le migliori canzoni della cucciolata, e applicarle ai mezzi che avevo: Ty Segall, Nick Murray, gli strumenti musicali e il nastro. Abbiamo quindi scaricato tutta la robaccia di LA nello studio di Eric Bauer a San Francisco. Abbiamo aggiunto delle cose, e poi Ty ha mescolato tutto. Io ero il contadino e questa era la zuppa di Ty. In qualche modo lui sa esattamente quello che sento“.

Commenti

Altri contenuti
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
WESTWORLD
Non cancellare il tuo ricordo

Westworld

Non cancellare il tuo ricordo

Sono le nostre percezioni a renderci umani. O forse no? "Westworld" e "Black Mirror" provano a rispondere.
jaar

Nicolas Jaar

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare

Romare

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori

Alessandro Fiori

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair

Soft Hair

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
locandina

Il cittadino illustre

La recensione del film

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
new gen

AA. VV.

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2

Free Fire

34° Torino Film Festival

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...