Yellow Moor – Castle Burned

Anteprima video

frame

Castle Burned è il primo video per i Yellow Moor, nuovo progetto di Andrea Viti (Karma, Afterhours, Juan Mordecai) e Silvia Alfei (songwriter, artista visiva, performer, danzatrice), all’esordio omonimo lo scorso 21 marzo per Prismopaco Records.

Le riprese si sono svolte nel teatro di prova della compagnia teatrale QUELLI DI GROCK di Milano, per la regia, la fotografia e il montaggio di Francesco Collinelli (con l’assistenza alla regia di Alice Demonits), mentre la produzione è di StupiDeaDog.

Dalle parole dello stesso Collinelli:  “Le immagini sono state ispirate dalla musica e dalla forte atmosfera di denuncia del testo: l’aridità di vite svuotate di senso e di valore legate ad una quotidianità di azioni ripetitive, una prigione della mente. Chi non ha il coraggio di lasciarsi andare cerca di paralizzare anche chi vorrebbe farlo. Per questo motivo ho immaginato figure senza volto che costringono un uomo a ripetere gli stessi gesti in continuazione, in un ambiente freddo e ostile. La scenografia, i costumi e la scelta degli oggetti è evidentemente simbolica: le due figure del bambino e dell’anziano si possono leggere o meno come proiezioni nel tempo di una stessa persona. La figura materna in particolare incarna l’inganno di un’educazione rigida e imposta”.

Commenti

Altri contenuti
locandina

Mission: Impossible – Fallout

La recensione del film

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
jeff-buckley

Tutto per una canzone

Musicista per Casio

Ho un ricordo di me che ascolto questa canzone e la amo nel 1994; ho un ricordo...
locandina

Hereditary

La recensione del film

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina

Ocean’s 8

La recensione del film

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina

Dark Hall

La recensione del film

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
arthur-buck-cover-2018

Arthur Buck

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals

Mark Lanegan & Duke Garwood

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
ali_smith_ritratto-795x497

Ali Smith

Stagioni diverse

Il primo volume della tetralogia della scrittrice scozzese si chiama "Autunno", l'ultimo, vien da sé: "Estate". ...
jon hassell

Jon Hassell

Nella critica delle arti figurative il pentimento è ogni variazione che l’artista apporta al suo lavoro e che talora...
letseatgrandma

Let’s Eat Grandma

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...