Baustelle

Montepulciano, Piazza Grande – 12/7/2014

“Titoli di coda”, ovvero la tranche conclusiva di un tour, quello a supporto del capolavoro “Fantasma”, che per il trio toscano ha decretato il raggiungimento della perfezione live.
image

Un tour iniziato nel febbraio del 2013, con l’accompagnamento dell’Ensemble Symphony Orchestra diretta da Enrico Gabrielli, e proseguito in formazione ridotta con brani appositamente riarrangiati, spostandosi dai teatri alle piazze e viceversa. Per le ultime tre date in assoluto, incaricate di chiudere il sipario sull’esistenza dal vivo di un disco giocosamente concepito come una sorta di film horror (l’horror della nostra epoca, va da sé), Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini si fanno supportare da Ettore Bianconi (tastiere ed elettronica), Alessandro Maiorino (basso), Diego Palazzo (chitarre), Sebastiano De Gennaro (percussioni orchestrali), Alessandro Minetto (batteria), Roberto Romano e Paolo Raineri (fiati).

A seguire Rimini e Roma, l’avventura giunge così a termine nella natia Montepulciano, location ideale che chiude un cerchio e assicura uno scenario da sogno: la suggestiva Piazza Grande è gremita, il palco è montato sulle scalinate della Cattedrale. Location che finisce per esaltare il fascino di Fantasma, un album dopotutto classico nelle sonorità ma in grado di catturare appieno il sentimento del tempo.

La resa dei pezzi procede con meccanismi strumentali oliati e interpretazioni intense. Partenza toccante con Il Futuro, seguita da un 1-2 che scava subito a fondo: Nessuno e Radioattività, a fare staffetta tra le voci di Francesco e Rachele, sono due ballate da manuale. Sempre da Fantasma arrivano Cristina, Conta l’inverni, Monumentale e La morte non esiste più. Viene poi resa abbondante giustizia alla memoria de La Malavita (I provinciali, Il corvo Joe) e La moda del lento (la stessa title track, La canzone del parco, La canzone di Alain Delon, EN).

Proprio quando mancherebbero pochi episodi e gli immancabili bis di rito, dal cielo iniziano a cadere alcune gocce, che si trasformano ben presto in un vero e proprio acquazzone. La band, però, sa amare e sa come farsi amare e, poco dopo aver interrotto la performance, ricompare per eseguire unplugged Le rane, La guerra è finita, Sergio, Gomma e Charlie fa surf sotto i loggiati del chiostro, nell’abbraccio degli spettatori che si uniscono gioiosamente ai canti. Rappresentanti della miglior forma-canzone italiana della loro generazione, i Baustelle insegnano persino cosa voglia dire saper comunicare con il pubblico e regalano a tutti i presenti una serata indimenticabile suggellando un periodo di grandi soddisfazioni. Li aspettiamo al prossimo capitolo della loro bellissima storia.

Commenti

Altri contenuti
arrival-nuova-locandina-in-italiano

Arrival

La recensione del film

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160

Lauren Groff – Fato e furia

La recensione del libro

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
170414-coldplay-ghost-stories-tour_0

Secondary Ticketing

Nacque tutto dai Coldplay (ogni tanto servono ancora, via): biglietti ufficiali esauriti in un amen e ricomparsi...
thexx-iseeyou

The xx

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album

Baustelle

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jones

Stephen Graham Jones

L'orrore in letteratura

Lo scrittore americano autore di "Albero di carne", pubblicato in in Italia da Racconti edizioni.
locandina

Silence

La recensione del film

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
A-Tribe-Called-Quest-We-Got-It-From-Here-Thank-You-4-Your-Service-1478899602

A Tribe Called Quest

Nel momento in cui scriviamo queste righe, salta fuori la notizia che We Got It From Here…...
metallica

Metallica

Da circa venticinque anni, ovvero dal Black Album del 1991, i Metallica sono una band che procura...
locandina

Passengers

La recensione del film

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...