Benjamin Clementine

Festival Ferré, San Benedetto del Tronto – 12/06/2015

Standing ovation per una delle rivelazioni dell'anno, che riceve la speciale Targa Ferré del ventennale e regala un'esibizione memorabile.
IMG_0256-

Al Festival Ferré, che quest’anno festeggia il ventennale, brilla la stella di Benjamin Clementine, artista prodigioso passato, nel volgere di pochi mesi, dai concerti come busker sul metrò parigino alla pubblicazione del primo album lo scorso gennaio e all’acclamazione da parte di critica e pubblico.

Presenza che ammutolisce, voce che dilania, Benjamin arriva al Festival per onorare il suo grande idolo Léo Ferré e propone il suo repertorio con una forza ipnotica davvero strabiliante. Gone, The People And I, Adios, Condolence sono brani che nella versione piano e violoncello (ad accompagnare Benjamin c’è Barbara Leliepvre) acquisiscono una spiritualità nuda, pulsante, quasi violenta. Parole e note portano dentro la solitudine delle periferie in cui Benjamin è nato e cresciuto, le ferite della giovinezza e un dolore che viene da ancora più lontano, “dalla superba Africa”, come ha scritto il direttore artistico del Ferré, Giuseppe Gennari, citando a sua volta Baudelaire.

River Man è una rilettura del primo Nick Drake toccata dalla grazia, Cornerstone un grido di dolore vestito di quella rara forma di eleganza che, al giorno d’oggi, i soli Antony Hegarty e Rufus Wainwright riescono a sfoggiare e, in passato, Nina Simone aveva codificato in modo aspramente autentico. Il set si chiude con l’ennesima meraviglia, London, scritta da Benjamin durante gli anni parigini per ricordare la vita e gli affetti lasciati nella sua città natale. La magia si tocca con mano, quando le luci si accendono il pubblico del Teatro Concordia è in piedi.

Solo pochi istanti e Benjamin è di nuovo in scena, pronto a concedere altri due brani, tra cui la sua versione di Avec le temps, uno dei capolavori di Ferré. Si chiude così, con l’artista commosso nel ricevere la targa Ferré dalle mani di Maria, la moglie di Léo presente in teatro come ogni anno, un concerto che rimarrà nei cuori di tutti i presenti, che, siamo pronti a giurarci, ogni volta che sentiranno il nome di Benjamin Clementine mietere successi nei più grandi teatri del mondo, rischiariranno con un tremito e un filo di incredulità nella memoria quella serata del giugno 2015 in cui Benjamin stregò San Benedetto.

Foto di Davida Ruggieri

Commenti

Altri contenuti
arrival-nuova-locandina-in-italiano

Arrival

La recensione del film

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160

Lauren Groff – Fato e furia

La recensione del libro

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
170414-coldplay-ghost-stories-tour_0

Secondary Ticketing

Nacque tutto dai Coldplay (ogni tanto servono ancora, via): biglietti ufficiali esauriti in un amen e ricomparsi...
thexx-iseeyou

The xx

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album

Baustelle

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jones

Stephen Graham Jones

L'orrore in letteratura

Lo scrittore americano autore di "Albero di carne", pubblicato in in Italia da Racconti edizioni.
locandina

Silence

La recensione del film

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
A-Tribe-Called-Quest-We-Got-It-From-Here-Thank-You-4-Your-Service-1478899602

A Tribe Called Quest

Nel momento in cui scriviamo queste righe, salta fuori la notizia che We Got It From Here…...
metallica

Metallica

Da circa venticinque anni, ovvero dal Black Album del 1991, i Metallica sono una band che procura...
locandina

Passengers

La recensione del film

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...