Bob Mould

Milano 14/10/2016 @ Magazzini Generali

Sarà anche un dinosauro del rock, Mould. Uno che fa quello che molti definirebbero dad-rock. Uno che non è hip e che probabilmente non lo è mai stato. Ma chi se ne frega? Nel 2016, il rombo di queste chitarre è ancora un gran bel sentire.
mould

Tra tutti i vessilliferi della scena alternativa a stelle e strisce a cavallo tra gli 80 e 90 (J Mascis, Thurston Moore ecc.), Bob Mould si è sempre posto come principale anti-eroe. Fu lui, dopotutto, a scrivere un pezzo chiamato I Hate Alternative Rock, no? Negli anni (prima con gli Husker Du, poi con gli Sugar, infine da solista), Mould è rimasto fedele ad un’idea piuttosto semplice di rock, costruita principalmente sulla triade chitarra-basso-batteria. La dimensione live ci restituisce questo approccio diretto, sfrontato, semplice (ma non semplicistico), se vogliamo romanticamente reazionario. Niente orpelli, niente fronzoli, solo caro vecchio rock. Un muro del suono primitivo, con le sei corde a ruggire per un’ora e venti senza fare prigionieri e sprigionando un’energia probabilmente sufficiente ad illuminare da sola il Pirellone.

Il pubblico dei Magazzini Generali, un quasi omogeneo corpo sulla quaranta-cinquantina, ha così potuto abbandonarsi ad un’estasi chitarristica poggiata su ritmi sempre alti, con pause brevissime o inesistenti tra un pezzo e l’altro, e una voce che non vuole proprio saperne di urlare inquietudini e delusioni.

Mould inizia dall’inizio, inanellando tre pezzi degli Husker Du (Flip Your Wig, Hate Paper Doll e I Apologize), proseguendo con rimembranze sugariane (A Good Idea e Changes), per poi mischiare passato e presente nel resto della scaletta. Spiccano, tra le rappresentanti della sua carriera solista, The End of Things, Hey Mr. Grey e Losing Time (qui molto più dinamiche che su disco). Chiusura del set canonico affidata ancora a una manciata di canzoni della sua prima band, con Something I Learned Today che scatena un accenno di pogo, Hardly Getting Over It (unica concessione alla forma-ballata) e Could You Be The One. Spetta invece a una mirabolante Makes No Sense at All, seguita a Love Is All Around, dare l’arrivederci a una platea che stavolta poga eccome.

Commenti

Altri contenuti
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
ali_smith_ritratto-795x497

Ali Smith

Stagioni diverse

Il primo volume della tetralogia della scrittrice scozzese si chiama "Autunno", l'ultimo, vien da sé: "Estate". ...
jon hassell

Jon Hassell

Nella critica delle arti figurative il pentimento è ogni variazione che l’artista apporta al suo lavoro e che talora...
letseatgrandma

Let’s Eat Grandma

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770

Kamasi Washington

La recensione del disco

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban

Lay Llamas

La recensione del disco

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800

Calcutta

La recensione del disco

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
Yakamoto Kotzuga_intervista

Yakamoto Kotzuga

Il fascino della dissolvenza

Il secondo album "Slowly Fading", la partecipazione alla prossima Red Bull Music Academy: parliamo con il giovane...
Pink Floyd_accadeva 50 anni fa

Pink Floyd

L'esercito della Salvezza racconta

Nell’estate di 50 anni fa Syd Barrett si congedava dai Pink Floyd con una canzone folle nata...
Efrim Manuel Menuck_intervista

Efrim Manuel Menuck

Il fondatore dei Godspeed You! Black Emperor affronta la sua carriera a cerchi concentrici: dalla solitudine del...
Eleanor Friedberger_intervista

Eleanor Friedberger

In viaggio con l’ex Fiery Furnaces, inconfondibile songwriter al quarto album con "Rebound". Dagli U.S.A. alla Grecia,...
Cat Power_Ode a Chan Marshall

Cat Power

Ode a Chan Marshall


“A volte ricordo che il pubblico è lì davanti e vado nel panico. Allora mi dico: forza,...
53917

Il sacrificio del cervo sacro

La recensione del film

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...