Bob Mould

Milano 14/10/2016 @ Magazzini Generali

Sarà anche un dinosauro del rock, Mould. Uno che fa quello che molti definirebbero dad-rock. Uno che non è hip e che probabilmente non lo è mai stato. Ma chi se ne frega? Nel 2016, il rombo di queste chitarre è ancora un gran bel sentire.
mould

Tra tutti i vessilliferi della scena alternativa a stelle e strisce a cavallo tra gli 80 e 90 (J Mascis, Thurston Moore ecc.), Bob Mould si è sempre posto come principale anti-eroe. Fu lui, dopotutto, a scrivere un pezzo chiamato I Hate Alternative Rock, no? Negli anni (prima con gli Husker Du, poi con gli Sugar, infine da solista), Mould è rimasto fedele ad un’idea piuttosto semplice di rock, costruita principalmente sulla triade chitarra-basso-batteria. La dimensione live ci restituisce questo approccio diretto, sfrontato, semplice (ma non semplicistico), se vogliamo romanticamente reazionario. Niente orpelli, niente fronzoli, solo caro vecchio rock. Un muro del suono primitivo, con le sei corde a ruggire per un’ora e venti senza fare prigionieri e sprigionando un’energia probabilmente sufficiente ad illuminare da sola il Pirellone.

Il pubblico dei Magazzini Generali, un quasi omogeneo corpo sulla quaranta-cinquantina, ha così potuto abbandonarsi ad un’estasi chitarristica poggiata su ritmi sempre alti, con pause brevissime o inesistenti tra un pezzo e l’altro, e una voce che non vuole proprio saperne di urlare inquietudini e delusioni.

Mould inizia dall’inizio, inanellando tre pezzi degli Husker Du (Flip Your Wig, Hate Paper Doll e I Apologize), proseguendo con rimembranze sugariane (A Good Idea e Changes), per poi mischiare passato e presente nel resto della scaletta. Spiccano, tra le rappresentanti della sua carriera solista, The End of Things, Hey Mr. Grey e Losing Time (qui molto più dinamiche che su disco). Chiusura del set canonico affidata ancora a una manciata di canzoni della sua prima band, con Something I Learned Today che scatena un accenno di pogo, Hardly Getting Over It (unica concessione alla forma-ballata) e Could You Be The One. Spetta invece a una mirabolante Makes No Sense at All, seguita a Love Is All Around, dare l’arrivederci a una platea che stavolta poga eccome.

Commenti

Altri contenuti
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
Notte ragazzi cattivi

La notte dei ragazzi cattivi

La recensione del libro

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
abbecedario

Abbecedario degli animali

La recensione del libro

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
littleWomen_tv

Little Women

La recensione della serie tv

Su BBC torna un classico della letteratura per ragazze, congeniale all’atmosfera natalizia e indicato per un pubblico...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
sommario-besto_of_20173

Libri: best of 2017

Le liste di fine 2017 firmate Mucchio Selvaggio: scorretele, unendo i puntini verrà fuori una mappa di...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...