Disappears

Firenze @ Glue - 5 dicembre

Quinto dei sei concerti nel nostro Paese per la band americana, fra brani dal loro album dello scorso anno, "Irreal", e cover di David Bowie.
_MG_3974

Dopo il set d’apertura impeccabilmente pop di His Clancyness, sul palco del Glue Alternative Concept Space cala il sipario dell’oscurità, in attesa di accogliere una band che il Mucchio ha avuto il piacere di intervistare da poco: i Disappears. La sala è gremita di gente quando Brian Case e i suoi tre compagni danno inizio alle danze con le schitarrate corrosive di Joa, tratta dal terzo album Pre Language. L’aria si carica subito di ossessive vibrazioni post-punk mentre il gruppo si scatena saltando dal 2012 direttamente nel 2015 con l’annebbiata frenesia di Another Thought, seguita dalla coldwave dilatata di I_O, entrambi contenuti nel quinto e più recente lavoro di studio, Irreal. Non c’è tempo per gli applausi, i brani si rincorrono febbrili: dai dieci minuti della monumentalità esacerbante di Ultra alle atmosfere più alt-rock di Replicate, fino ad arrivare al beat dirompente di Elite Typical.  La voce, dallo straniante accento quasi brit, ha una consistenza densa, e si inserisce tra gli interstizi pulsanti di ogni pezzo, caricandolo di una sensualità sporca. Vedendo i quattro sul palco sembra di tornare indietro nel tempo, tra le sanguinose performance degli Stooges e i freddi automatismi dei Suicide. Si avvertono impressioni di modernità incastonate in uno spirito d’antan, tra linee di basso ballerine e ritmi metallici. La precisione scolpita di Halcyon Days serpeggia con fare psichedelico, seminando una crescente follia schizo-paranoide che si conclude con una furtiva uscita di scena della formazione.

Dei sei appuntamenti in Italia, questa è la penultima data. La reazione che si è andata creando fra gli spettatori del locale è di quelle potenti, sinergiche. Aspettiamo in silenzio: quando i quattro tornano per il bis, insieme agli applausi, li accompagna lo spirito cangiante del Duca Bianco e si lanciano in un’atmosferica versione krautrock di A New Career In A New Town, stregando il pubblico in un ondeggiante saluto finale. Da Chicago con furore, in terra di Cesare i Disappears hanno fatto il loro dovere: sono venuti, hanno visto e hanno conquistato.

DISAPPEARSMUCCHIO2b
Foto di Sara Mautone

 

DISAPPEARSMUCCHIO1
Foto di Sara Mautone

 

Commenti

Altri contenuti
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n

Knife + Heart

Cannes 2018

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a

Dogman

Cannes 2018

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1

Le ricette della signora Tokue

La recensione del libro

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
locandina (2)

Solo: A Star Wars Story

Cannes 2018

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina

Fahrenheit 451

Cannes 2018

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)

The House That Jack Built

Cannes 2018

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Downtown Boys

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018

Lazzaro Felice

Cannes 2018

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

Wildlife

Cannes 2018

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
il-miracolo-ammaniti-serie-tv-sky

Il Miracolo

Il mondo musicale della serie tv

La colonna sonora della serie tv di Niccolò Ammaniti raccontata dal music supervisor Roberto Corsi
locandina

Todos lo saben

Cannes 2018

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo

Loro 2

La recensione del film

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...