Disappears

Firenze @ Glue - 5 dicembre

Quinto dei sei concerti nel nostro Paese per la band americana, fra brani dal loro album dello scorso anno, "Irreal", e cover di David Bowie.
_MG_3974

Dopo il set d’apertura impeccabilmente pop di His Clancyness, sul palco del Glue Alternative Concept Space cala il sipario dell’oscurità, in attesa di accogliere una band che il Mucchio ha avuto il piacere di intervistare da poco: i Disappears. La sala è gremita di gente quando Brian Case e i suoi tre compagni danno inizio alle danze con le schitarrate corrosive di Joa, tratta dal terzo album Pre Language. L’aria si carica subito di ossessive vibrazioni post-punk mentre il gruppo si scatena saltando dal 2012 direttamente nel 2015 con l’annebbiata frenesia di Another Thought, seguita dalla coldwave dilatata di I_O, entrambi contenuti nel quinto e più recente lavoro di studio, Irreal. Non c’è tempo per gli applausi, i brani si rincorrono febbrili: dai dieci minuti della monumentalità esacerbante di Ultra alle atmosfere più alt-rock di Replicate, fino ad arrivare al beat dirompente di Elite Typical.  La voce, dallo straniante accento quasi brit, ha una consistenza densa, e si inserisce tra gli interstizi pulsanti di ogni pezzo, caricandolo di una sensualità sporca. Vedendo i quattro sul palco sembra di tornare indietro nel tempo, tra le sanguinose performance degli Stooges e i freddi automatismi dei Suicide. Si avvertono impressioni di modernità incastonate in uno spirito d’antan, tra linee di basso ballerine e ritmi metallici. La precisione scolpita di Halcyon Days serpeggia con fare psichedelico, seminando una crescente follia schizo-paranoide che si conclude con una furtiva uscita di scena della formazione.

Dei sei appuntamenti in Italia, questa è la penultima data. La reazione che si è andata creando fra gli spettatori del locale è di quelle potenti, sinergiche. Aspettiamo in silenzio: quando i quattro tornano per il bis, insieme agli applausi, li accompagna lo spirito cangiante del Duca Bianco e si lanciano in un’atmosferica versione krautrock di A New Career In A New Town, stregando il pubblico in un ondeggiante saluto finale. Da Chicago con furore, in terra di Cesare i Disappears hanno fatto il loro dovere: sono venuti, hanno visto e hanno conquistato.

DISAPPEARSMUCCHIO2b
Foto di Sara Mautone

 

DISAPPEARSMUCCHIO1
Foto di Sara Mautone

 

Commenti

Altri contenuti
locandina

Il filo nascosto

La recensione del film

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina

Unsane

68° Berlinale

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina

7 Days in Entebbe

68° Berlinale

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver

Figlia mia

68° Berlinale

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
awol

Awolnation

La recensione del disco

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
la-casa-di-carta

La casa di carta

La serie tv che viene dalla Spagna

La serie tv del momento ce l'avete sotto gli occhi, ma non l'avete ancora vista. Si chiama...
starcrawler

Starcrawler

La recensione del disco

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535

Maisie

La recensione del disco

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401

Cosmo

La recensione del disco

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf

N.E.R.D.

La recensione del disco

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame

Shame

La recensione del disco

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
Stephen Guarino as Sully, Brianne Howey as Kay, Jon Daly as Arnie, Michael Angarano as Eddie, RJ Cyler as Adam, Ari Graynor as Cassie, Andrew Santino as Bill, Melissa Leo as Goldie, Clark Duke as Ron and Erik Griffin as Ralph.

I’m Dying Up Here

La comicità è una cosa seria

Tra le serie che si propongono di raccontare il backstage dello showbiz, "I'm Dying Up Here" sulla...
L I M

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...