Fine Before You Came

Roma, Init – 17/01/2015

“Dobbiamo spiegare i motivi di questo tour acustico. Il primo è che siamo diventati vecchi e abbiamo bisogno di star seduti. Il secondo è che abbiamo la necessità di capire quanto sappiamo suonare bene», queste le parole per raccontare la nuova sfida.
fine before you came_mucchio

Non si tratta di un’eccezione alla regola, l’ampliamento delle sonorità della formazione milanese era già evidente nell’ep Come fare a non tornare. Ma ora si va ancora oltre. E la motivazione resta immutata: la “voglissima” di suonare.

Le abitudini della band non si trasformano, prima dell’esibizione Lietti e compagni parlano in serenità con il pubblico. E, nonostante a un tratto il locale sia così ricco di illustri presenze che, tra qualche vagante personaggio di The Pills, sembra di trovarsi all’interno di uno sketch sulla mondanità del Pigneto, non cambiano rotta le frequenze emozionali di questo concerto. Le magliette vendute in gran quantità rappresentano un brand per l’anima più che per l’apparenza. Perché mai come in questo show acustico le parole dei FBYC sono scandite bene. Le grida di dolore sono più dimesse, e per questo ancora più amare. La timbrica vocale talvolta arriva a ricordare quegli anni Ottanta così simili a questo 2015. Il cantante, per la prima volta spesso seduto, quasi come fosse forzatamente legato, riesce a rappresentare pienamente la storia di una generazione che passa “dalle vittorie alle sconfitte senza combattere battaglia alcuna”, ma anche pura e pronta a rimanere se stessa, in attesa del giorno in cui “non farai caso a quanto sporchi sono i miei jeans / e finalmente ascolterai cos’ho da dirti / non è vero che non ho imparato niente”.

I FBYC hanno dovuto credere tanto per arrivare dove sono, e non dimenticano la loro storia che in questa sera, narrata anche dal violoncello di Matteo Bennici, si fa decisamente inte(n)sa. Da Lista a Distanze, passando per un remake da brividi di Magone. Tra una dedica alle fidanzate e un Sasso, l’intro di Discutibile dimostra che anche in assenza della potenza elettrica gli occhi e i pugni degli spettatori possono alzarsi al cielo. Si vorrebbe andare avanti per sempre. Ma i pezzi tramutati in versione acustica sono limitati. Non c’è spazio per bis alcuno. Forse dopo questa trasposizione unplugged dell’hardcore per i FBYC ci sarà il Sanremo citato durante il concerto? Si spera di no, “dopo tutto, quando fuori non piove, non è affatto male”. E in questa notte di gennaio a Roma sembra primavera.

Foto di Eleonora Birardi

Commenti

Altri contenuti
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
1invaders

Space Invaders

La recensione del libro

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro

Come uccidere le aragoste

Recensione e intervista all'autore

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
U2
Quarant'anni da icone rock

U2

Quarant'anni da icone del rock

Il 25 settembre del 1976 nasceva il gruppo di Bono Vox e The Edge: quattro decenni dopo,...
locandina

Elvis & Nixon

La recensione del film

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
The-beatles-manifesto

The Beatles – Eight Days a Week

Il film evento nelle sale italiane dal 15 al 21 settembre

Nella moltitudine di immagini e video inediti presenti in The Beatles – Eight Days a Week, c’è...
locandina

Heart of a Dog

La recensione del film

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
61AG4lCxU3L._SL1215_

Nick Cave & The Bad Seeds

La recensione del disco

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
9788874628513-b

Incontri coi selvaggi

La recensione del libro

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
a1895762218_10

La recensione del disco

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
download

Doromizu. Acqua Torbida

La recensione del libro

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
dinosaur-jr-tickets_10-06-16_17_5743419d0a05b

Dinosaur Jr.

La lunga coda

Guardi la copertina di GIVE A GLIMPSE OF WHAT YER NOT, con quelle tinte da psichedelia casereccia,...
ELYSIA CRAMPTON
Identità e club music

Elysia Crampton

Identità e club music

Attraverso il recupero di sonorità laceranti figlie dell’industrial e una propensione per la teoria, un gruppo di...
CHELSEA WOLFE
Una cupa estate italiana al Musica W Festival

Chelsea Wolfe

Dell'amore e di altri incubi

In occasione dell'imminente data italiana al Musica W Festival, riproponiamo la nostra ultima intervista con la cantautrice...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e

BadBadNotGood

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...