Fine Before You Came

Roma, Init – 17/01/2015

“Dobbiamo spiegare i motivi di questo tour acustico. Il primo è che siamo diventati vecchi e abbiamo bisogno di star seduti. Il secondo è che abbiamo la necessità di capire quanto sappiamo suonare bene», queste le parole per raccontare la nuova sfida.
fine before you came_mucchio

Non si tratta di un’eccezione alla regola, l’ampliamento delle sonorità della formazione milanese era già evidente nell’ep Come fare a non tornare. Ma ora si va ancora oltre. E la motivazione resta immutata: la “voglissima” di suonare.

Le abitudini della band non si trasformano, prima dell’esibizione Lietti e compagni parlano in serenità con il pubblico. E, nonostante a un tratto il locale sia così ricco di illustri presenze che, tra qualche vagante personaggio di The Pills, sembra di trovarsi all’interno di uno sketch sulla mondanità del Pigneto, non cambiano rotta le frequenze emozionali di questo concerto. Le magliette vendute in gran quantità rappresentano un brand per l’anima più che per l’apparenza. Perché mai come in questo show acustico le parole dei FBYC sono scandite bene. Le grida di dolore sono più dimesse, e per questo ancora più amare. La timbrica vocale talvolta arriva a ricordare quegli anni Ottanta così simili a questo 2015. Il cantante, per la prima volta spesso seduto, quasi come fosse forzatamente legato, riesce a rappresentare pienamente la storia di una generazione che passa “dalle vittorie alle sconfitte senza combattere battaglia alcuna”, ma anche pura e pronta a rimanere se stessa, in attesa del giorno in cui “non farai caso a quanto sporchi sono i miei jeans / e finalmente ascolterai cos’ho da dirti / non è vero che non ho imparato niente”.

I FBYC hanno dovuto credere tanto per arrivare dove sono, e non dimenticano la loro storia che in questa sera, narrata anche dal violoncello di Matteo Bennici, si fa decisamente inte(n)sa. Da Lista a Distanze, passando per un remake da brividi di Magone. Tra una dedica alle fidanzate e un Sasso, l’intro di Discutibile dimostra che anche in assenza della potenza elettrica gli occhi e i pugni degli spettatori possono alzarsi al cielo. Si vorrebbe andare avanti per sempre. Ma i pezzi tramutati in versione acustica sono limitati. Non c’è spazio per bis alcuno. Forse dopo questa trasposizione unplugged dell’hardcore per i FBYC ci sarà il Sanremo citato durante il concerto? Si spera di no, “dopo tutto, quando fuori non piove, non è affatto male”. E in questa notte di gennaio a Roma sembra primavera.

Foto di Eleonora Birardi

Commenti

Altri contenuti
locandina

Un sacchetto di biglie

La recensione del film

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
Notte ragazzi cattivi

La notte dei ragazzi cattivi

La recensione del libro

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
abbecedario

Abbecedario degli animali

La recensione del libro

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
littleWomen_tv

Little Women

La recensione della serie tv

Su BBC torna un classico della letteratura per ragazze, congeniale all’atmosfera natalizia e indicato per un pubblico...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
sommario-besto_of_20173

Libri: best of 2017

Le liste di fine 2017 firmate Mucchio Selvaggio: scorretele, unendo i puntini verrà fuori una mappa di...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...