Fine Before You Came

Roma, Init – 17/01/2015

“Dobbiamo spiegare i motivi di questo tour acustico. Il primo è che siamo diventati vecchi e abbiamo bisogno di star seduti. Il secondo è che abbiamo la necessità di capire quanto sappiamo suonare bene», queste le parole per raccontare la nuova sfida.
fine before you came_mucchio

Non si tratta di un’eccezione alla regola, l’ampliamento delle sonorità della formazione milanese era già evidente nell’ep Come fare a non tornare. Ma ora si va ancora oltre. E la motivazione resta immutata: la “voglissima” di suonare.

Le abitudini della band non si trasformano, prima dell’esibizione Lietti e compagni parlano in serenità con il pubblico. E, nonostante a un tratto il locale sia così ricco di illustri presenze che, tra qualche vagante personaggio di The Pills, sembra di trovarsi all’interno di uno sketch sulla mondanità del Pigneto, non cambiano rotta le frequenze emozionali di questo concerto. Le magliette vendute in gran quantità rappresentano un brand per l’anima più che per l’apparenza. Perché mai come in questo show acustico le parole dei FBYC sono scandite bene. Le grida di dolore sono più dimesse, e per questo ancora più amare. La timbrica vocale talvolta arriva a ricordare quegli anni Ottanta così simili a questo 2015. Il cantante, per la prima volta spesso seduto, quasi come fosse forzatamente legato, riesce a rappresentare pienamente la storia di una generazione che passa “dalle vittorie alle sconfitte senza combattere battaglia alcuna”, ma anche pura e pronta a rimanere se stessa, in attesa del giorno in cui “non farai caso a quanto sporchi sono i miei jeans / e finalmente ascolterai cos’ho da dirti / non è vero che non ho imparato niente”.

I FBYC hanno dovuto credere tanto per arrivare dove sono, e non dimenticano la loro storia che in questa sera, narrata anche dal violoncello di Matteo Bennici, si fa decisamente inte(n)sa. Da Lista a Distanze, passando per un remake da brividi di Magone. Tra una dedica alle fidanzate e un Sasso, l’intro di Discutibile dimostra che anche in assenza della potenza elettrica gli occhi e i pugni degli spettatori possono alzarsi al cielo. Si vorrebbe andare avanti per sempre. Ma i pezzi tramutati in versione acustica sono limitati. Non c’è spazio per bis alcuno. Forse dopo questa trasposizione unplugged dell’hardcore per i FBYC ci sarà il Sanremo citato durante il concerto? Si spera di no, “dopo tutto, quando fuori non piove, non è affatto male”. E in questa notte di gennaio a Roma sembra primavera.

Foto di Eleonora Birardi

Commenti

Altri contenuti
arthur-buck-cover-2018

Arthur Buck

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals

Mark Lanegan & Duke Garwood

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
ali_smith_ritratto-795x497

Ali Smith

Stagioni diverse

Il primo volume della tetralogia della scrittrice scozzese si chiama "Autunno", l'ultimo, vien da sé: "Estate". ...
jon hassell

Jon Hassell

Nella critica delle arti figurative il pentimento è ogni variazione che l’artista apporta al suo lavoro e che talora...
letseatgrandma

Let’s Eat Grandma

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770

Kamasi Washington

La recensione del disco

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban

Lay Llamas

La recensione del disco

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800

Calcutta

La recensione del disco

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
Yakamoto Kotzuga_intervista

Yakamoto Kotzuga

Il fascino della dissolvenza

Il secondo album "Slowly Fading", la partecipazione alla prossima Red Bull Music Academy: parliamo con il giovane...
Pink Floyd_accadeva 50 anni fa

Pink Floyd

L'esercito della Salvezza racconta

Nell’estate di 50 anni fa Syd Barrett si congedava dai Pink Floyd con una canzone folle nata...
Efrim Manuel Menuck_intervista

Efrim Manuel Menuck

Il fondatore dei Godspeed You! Black Emperor affronta la sua carriera a cerchi concentrici: dalla solitudine del...