Fine Before You Came

Roma, Init – 17/01/2015

“Dobbiamo spiegare i motivi di questo tour acustico. Il primo è che siamo diventati vecchi e abbiamo bisogno di star seduti. Il secondo è che abbiamo la necessità di capire quanto sappiamo suonare bene», queste le parole per raccontare la nuova sfida.
fine before you came_mucchio

Non si tratta di un’eccezione alla regola, l’ampliamento delle sonorità della formazione milanese era già evidente nell’ep Come fare a non tornare. Ma ora si va ancora oltre. E la motivazione resta immutata: la “voglissima” di suonare.

Le abitudini della band non si trasformano, prima dell’esibizione Lietti e compagni parlano in serenità con il pubblico. E, nonostante a un tratto il locale sia così ricco di illustri presenze che, tra qualche vagante personaggio di The Pills, sembra di trovarsi all’interno di uno sketch sulla mondanità del Pigneto, non cambiano rotta le frequenze emozionali di questo concerto. Le magliette vendute in gran quantità rappresentano un brand per l’anima più che per l’apparenza. Perché mai come in questo show acustico le parole dei FBYC sono scandite bene. Le grida di dolore sono più dimesse, e per questo ancora più amare. La timbrica vocale talvolta arriva a ricordare quegli anni Ottanta così simili a questo 2015. Il cantante, per la prima volta spesso seduto, quasi come fosse forzatamente legato, riesce a rappresentare pienamente la storia di una generazione che passa “dalle vittorie alle sconfitte senza combattere battaglia alcuna”, ma anche pura e pronta a rimanere se stessa, in attesa del giorno in cui “non farai caso a quanto sporchi sono i miei jeans / e finalmente ascolterai cos’ho da dirti / non è vero che non ho imparato niente”.

I FBYC hanno dovuto credere tanto per arrivare dove sono, e non dimenticano la loro storia che in questa sera, narrata anche dal violoncello di Matteo Bennici, si fa decisamente inte(n)sa. Da Lista a Distanze, passando per un remake da brividi di Magone. Tra una dedica alle fidanzate e un Sasso, l’intro di Discutibile dimostra che anche in assenza della potenza elettrica gli occhi e i pugni degli spettatori possono alzarsi al cielo. Si vorrebbe andare avanti per sempre. Ma i pezzi tramutati in versione acustica sono limitati. Non c’è spazio per bis alcuno. Forse dopo questa trasposizione unplugged dell’hardcore per i FBYC ci sarà il Sanremo citato durante il concerto? Si spera di no, “dopo tutto, quando fuori non piove, non è affatto male”. E in questa notte di gennaio a Roma sembra primavera.

Foto di Eleonora Birardi

Commenti

Altri contenuti
locandina

Il cittadino illustre

La recensione del film

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
new gen

AA. VV.

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2

Free Fire

34° Torino Film Festival

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
locandina

Snowden

La recensione del film

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
maxresdefault

Author: The JT LeRoy Story

34° Torino Film Festival

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
between-us-indie-movie

Between Us

34° Torino Film Festival

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...