Franco Battiato

Siena, 15/07/2014

Ph LucaBrunetti--3953

Siena, Piazza del Duomo. Il perimetro alla nostra sinistra, delimitato dalle splendide e longitudinali pareti marmoree, fa da cornice a una serata stellata e indimenticabile. Al centro dell’area è apparecchiato l’emiciclo dell’orchestra Toscanini, alla cui esperienza è affidato il compito di seguire il breve tour di Franco Battiato. Dopo una suite introduttiva, per archi e archetti, si spalanca ai cuori la suggestione mediterranea di Secondo imbrunire: “Cortili e pozzi antichi tra i melograni, chiese in stile normanno e una vecchia caserma dei carabinieri”; per poi passare ai limitrofi Giardini della preesistenza dove fra i gelsomini si palesa l’abbagliante candore della Sicilia. Restando in territori ultraterreni arrivano in successione Un irresistibile richiamo e Testamento, prese dall’ultima – eccellente – fatica di studio Apriti sesamo; dallo stesso lavoro più tardi sarà suonata Passacaglia con la vasta platea che stona e intona: “Vorrei tornare indietro, per rivedere il passato, per comprendere meglio, quello che abbiamo perduto” e sul finale tributa applausi indirizzati al palco.

Da Il vuoto sono proposte Niente è come sembra, Tiepido aprile e Io chi sono?; mentre Tra sesso e castità appartiene alla scaletta del discontinuo Dieci stratagemmi. A seguire la superba cartolina di Veni l’autunno dal dimenticato L’ombrello e la macchina da cucire, viene resuscitata Fornicazione: ”Vorrei tra giaculatorie di versi spirare, e rosari composti di spicchi d’arancia, e l’aria del mare, e l’odore marcio di un vecchio porto, e come pesce putrefatto, putrefare”, su cui viene innestata la gagliarda deriva cosmica No Time No Space. Il resto è una specie d’ouverture di vecchi brani, dove fra gli altri spiccano Prospettiva Nevski, Un’altra vita, E ti vengo a cercare, Te lo leggo negli occhi (di Sergio Endrigo), Gli uccelli, La cura, Bandiera bianca, L’animale e la stupenda, immaginifica, inarrivabile Stranizza d’amuri dove il sentimento infinito e sincero per la regione d’origine è sublimato dall’armonia perfetta di un pezzo intramontabile: “Ccu tuttu ca fora c’è a guerra mi sentu stranizza d’amuri, l’amuri…”. E dolcemente come si era aperto, si chiude il sipario.

 

Foto di Luca Brunetti

 

Commenti

Altri contenuti
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
locandina

Jackie

La recensione del film

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
37239-the-king-il-magazine-cover

A tutto King

Il 2017 sarà l’anno di Stephen King

Non è un mistero che il 2017 sarà l’anno di Stephen King, in chiave cinematografica e...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
b5396d004f5df7d26bc5b84b2c821b54-k7cD-U10301949045600QUD-568x320@LaStampa.it

Etica della ricerca responsabile

Un estratto da "Bioetica per perplessi"

In libreria per Mondadori una guida ragionata alla bioetica realizzata da Gilberto Corbellini e Chiara Lalli. In...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
6a00d8341ca4f953ef01b7c89f2730970b-pi

The Affair

La recesione della serie

È facile, dopotutto, continuare a scaricarsi addosso responsabilità a vicenda; non far mai i conti con le...
la-la-land-poster-festival

La La Land

La recensione del film

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina

Our War

La recensione del film

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
1hadelman

Merenda da Hadelman

La recensione del libro

Si legge questo: “«Amo i cani. È la vita a essere dura». Più tardi imparai che questo...
locandina

Austerlitz

La recensione del film

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
o-DOPO-AMORE-1-570

Dopo l’amore

La recensione del film

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...