Franco Battiato

Siena, 15/07/2014

Ph LucaBrunetti--3953

Siena, Piazza del Duomo. Il perimetro alla nostra sinistra, delimitato dalle splendide e longitudinali pareti marmoree, fa da cornice a una serata stellata e indimenticabile. Al centro dell’area è apparecchiato l’emiciclo dell’orchestra Toscanini, alla cui esperienza è affidato il compito di seguire il breve tour di Franco Battiato. Dopo una suite introduttiva, per archi e archetti, si spalanca ai cuori la suggestione mediterranea di Secondo imbrunire: “Cortili e pozzi antichi tra i melograni, chiese in stile normanno e una vecchia caserma dei carabinieri”; per poi passare ai limitrofi Giardini della preesistenza dove fra i gelsomini si palesa l’abbagliante candore della Sicilia. Restando in territori ultraterreni arrivano in successione Un irresistibile richiamo e Testamento, prese dall’ultima – eccellente – fatica di studio Apriti sesamo; dallo stesso lavoro più tardi sarà suonata Passacaglia con la vasta platea che stona e intona: “Vorrei tornare indietro, per rivedere il passato, per comprendere meglio, quello che abbiamo perduto” e sul finale tributa applausi indirizzati al palco.

Da Il vuoto sono proposte Niente è come sembra, Tiepido aprile e Io chi sono?; mentre Tra sesso e castità appartiene alla scaletta del discontinuo Dieci stratagemmi. A seguire la superba cartolina di Veni l’autunno dal dimenticato L’ombrello e la macchina da cucire, viene resuscitata Fornicazione: ”Vorrei tra giaculatorie di versi spirare, e rosari composti di spicchi d’arancia, e l’aria del mare, e l’odore marcio di un vecchio porto, e come pesce putrefatto, putrefare”, su cui viene innestata la gagliarda deriva cosmica No Time No Space. Il resto è una specie d’ouverture di vecchi brani, dove fra gli altri spiccano Prospettiva Nevski, Un’altra vita, E ti vengo a cercare, Te lo leggo negli occhi (di Sergio Endrigo), Gli uccelli, La cura, Bandiera bianca, L’animale e la stupenda, immaginifica, inarrivabile Stranizza d’amuri dove il sentimento infinito e sincero per la regione d’origine è sublimato dall’armonia perfetta di un pezzo intramontabile: “Ccu tuttu ca fora c’è a guerra mi sentu stranizza d’amuri, l’amuri…”. E dolcemente come si era aperto, si chiude il sipario.

 

Foto di Luca Brunetti

 

Commenti

Altri contenuti
barnes

Prima di me

La recensione del libro

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
locandina

My Life Story

35° Torino Film Festival

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
piscine

Enrico Gabrielli

La recensione del libro

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
four

Four Tet

La recensione del disco

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus

John Maus

La recensione del disco

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam

Mariam The Believer

La recensione del disco

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce

Colapesce

La recensione del disco

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit

Rabit

La recensione del disco

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...