Franco Battiato

Siena, 15/07/2014

Ph LucaBrunetti--3953

Siena, Piazza del Duomo. Il perimetro alla nostra sinistra, delimitato dalle splendide e longitudinali pareti marmoree, fa da cornice a una serata stellata e indimenticabile. Al centro dell’area è apparecchiato l’emiciclo dell’orchestra Toscanini, alla cui esperienza è affidato il compito di seguire il breve tour di Franco Battiato. Dopo una suite introduttiva, per archi e archetti, si spalanca ai cuori la suggestione mediterranea di Secondo imbrunire: “Cortili e pozzi antichi tra i melograni, chiese in stile normanno e una vecchia caserma dei carabinieri”; per poi passare ai limitrofi Giardini della preesistenza dove fra i gelsomini si palesa l’abbagliante candore della Sicilia. Restando in territori ultraterreni arrivano in successione Un irresistibile richiamo e Testamento, prese dall’ultima – eccellente – fatica di studio Apriti sesamo; dallo stesso lavoro più tardi sarà suonata Passacaglia con la vasta platea che stona e intona: “Vorrei tornare indietro, per rivedere il passato, per comprendere meglio, quello che abbiamo perduto” e sul finale tributa applausi indirizzati al palco.

Da Il vuoto sono proposte Niente è come sembra, Tiepido aprile e Io chi sono?; mentre Tra sesso e castità appartiene alla scaletta del discontinuo Dieci stratagemmi. A seguire la superba cartolina di Veni l’autunno dal dimenticato L’ombrello e la macchina da cucire, viene resuscitata Fornicazione: ”Vorrei tra giaculatorie di versi spirare, e rosari composti di spicchi d’arancia, e l’aria del mare, e l’odore marcio di un vecchio porto, e come pesce putrefatto, putrefare”, su cui viene innestata la gagliarda deriva cosmica No Time No Space. Il resto è una specie d’ouverture di vecchi brani, dove fra gli altri spiccano Prospettiva Nevski, Un’altra vita, E ti vengo a cercare, Te lo leggo negli occhi (di Sergio Endrigo), Gli uccelli, La cura, Bandiera bianca, L’animale e la stupenda, immaginifica, inarrivabile Stranizza d’amuri dove il sentimento infinito e sincero per la regione d’origine è sublimato dall’armonia perfetta di un pezzo intramontabile: “Ccu tuttu ca fora c’è a guerra mi sentu stranizza d’amuri, l’amuri…”. E dolcemente come si era aperto, si chiude il sipario.

 

Foto di Luca Brunetti

 

Commenti

Altri contenuti
locandina

Il cittadino illustre

La recensione del film

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
new gen

AA. VV.

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2

Free Fire

34° Torino Film Festival

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
locandina

Snowden

La recensione del film

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
maxresdefault

Author: The JT LeRoy Story

34° Torino Film Festival

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
between-us-indie-movie

Between Us

34° Torino Film Festival

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...