Interpol

Fabrique, Milano - 30/01/2015

La sensazione che “El Pintor” potesse aver segnato una rinascita a tinte scure per gli Interpol andava testata dal vivo. Le conferme sono arrivate, compresa quella dell’unicità di “Turn On The Bright Lights” in una discografia che solo lo scorso anno ha ripreso quota.
INTERPOL 13 © stefano masselli

È un richiamo irresistibile quello degli Interpol, la loro new wave attualizzata al terzo millennio, i loro completi cool, quell’innata capacità di accontentare molteplici palati musicali, fanno sì che ogni volta che passino dal nostro Paese l’attesa sia sempre altissima. Al Fabrique di Milano va di scena l’unica occasione per assaporare dal vivo El Pintor, dato alle stampe lo scorso mese di settembre. Un lavoro che ha segnato il ritorno di Paul Banks e soci a sonorità un po’ perse nel corso degli anni, perché da quel folgorante esordio che fu Turn On The Bright Lights in poi la parabola dei newyorkesi aveva preso una curva decisamente diversa. Ma che il debutto del 2002 abbia lasciato il segno più del resto lo sanno benissimo anche loro, tant’è che quando ha inizio il concerto tocca subito a Say Hello To The Angels. Se l’impressione su disco è che i brani di El Pintor vivano di un’incredibile uniformità stilistica, nella dimensione live la sensazione è la medesima: My Blue Supreme, Anywhere, un’intensissima My Desire, Everything Is Wrong e Breaker 1 hanno la sostanza dei classici nonostante l’anagrafe li voglia ultimi arrivati e nessuno di essi abbia l’indole della hit. Quelle arrivano a inframmezzare il tutto ma hanno altri nomi, sono Evil, Rest My Chemistry, Lights, Not Even Jail e quella Slow Hands che chiude il set principale.

Paul Banks – stranamente, vista quella leggera apatia cui ha abituato – è in serata e lo dimostra rivolgendo più di qualche battuta al pubblico. Il nuovo bassista Brad Truax non ha il piglio wave di Carlos Dengler, ma se nei brani vecchi riesce comunque a marcare presenza, nei nuovi fa la differenza in positivo, dando una sferzata post-punk che accelera i ritmi della setlist. Al rientro per l’encore di rito il singolo All The Rage Back Home conferma nuovamente la bontà di El Pintor, mentre il finale è ancora una volta appannaggio di Turn On The Bright Lights: NYC e Stella Was A Diver And She Was Always Down mettono i brividi ogni santissima volta. Poi ancora un saluto di circostanza e l’ultimo rientro per la conclusiva Untitled. La sensazione prevalente è che gli Interpol abbiano recuperato quella verve che mancava a loro ma soprattutto a noi. Bentornati.

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
jeff-buckley

Tutto per una canzone

Musicista per Casio

Ho un ricordo di me che ascolto questa canzone e la amo nel 1994; ho un ricordo...
locandina

Hereditary

La recensione del film

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina

Ocean’s 8

La recensione del film

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina

Dark Hall

La recensione del film

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
arthur-buck-cover-2018

Arthur Buck

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals

Mark Lanegan & Duke Garwood

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
ali_smith_ritratto-795x497

Ali Smith

Stagioni diverse

Il primo volume della tetralogia della scrittrice scozzese si chiama "Autunno", l'ultimo, vien da sé: "Estate". ...
jon hassell

Jon Hassell

Nella critica delle arti figurative il pentimento è ogni variazione che l’artista apporta al suo lavoro e che talora...
letseatgrandma

Let’s Eat Grandma

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770

Kamasi Washington

La recensione del disco

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...