Interpol

Fabrique, Milano - 30/01/2015

La sensazione che “El Pintor” potesse aver segnato una rinascita a tinte scure per gli Interpol andava testata dal vivo. Le conferme sono arrivate, compresa quella dell’unicità di “Turn On The Bright Lights” in una discografia che solo lo scorso anno ha ripreso quota.
INTERPOL 13 © stefano masselli

È un richiamo irresistibile quello degli Interpol, la loro new wave attualizzata al terzo millennio, i loro completi cool, quell’innata capacità di accontentare molteplici palati musicali, fanno sì che ogni volta che passino dal nostro Paese l’attesa sia sempre altissima. Al Fabrique di Milano va di scena l’unica occasione per assaporare dal vivo El Pintor, dato alle stampe lo scorso mese di settembre. Un lavoro che ha segnato il ritorno di Paul Banks e soci a sonorità un po’ perse nel corso degli anni, perché da quel folgorante esordio che fu Turn On The Bright Lights in poi la parabola dei newyorkesi aveva preso una curva decisamente diversa. Ma che il debutto del 2002 abbia lasciato il segno più del resto lo sanno benissimo anche loro, tant’è che quando ha inizio il concerto tocca subito a Say Hello To The Angels. Se l’impressione su disco è che i brani di El Pintor vivano di un’incredibile uniformità stilistica, nella dimensione live la sensazione è la medesima: My Blue Supreme, Anywhere, un’intensissima My Desire, Everything Is Wrong e Breaker 1 hanno la sostanza dei classici nonostante l’anagrafe li voglia ultimi arrivati e nessuno di essi abbia l’indole della hit. Quelle arrivano a inframmezzare il tutto ma hanno altri nomi, sono Evil, Rest My Chemistry, Lights, Not Even Jail e quella Slow Hands che chiude il set principale.

Paul Banks – stranamente, vista quella leggera apatia cui ha abituato – è in serata e lo dimostra rivolgendo più di qualche battuta al pubblico. Il nuovo bassista Brad Truax non ha il piglio wave di Carlos Dengler, ma se nei brani vecchi riesce comunque a marcare presenza, nei nuovi fa la differenza in positivo, dando una sferzata post-punk che accelera i ritmi della setlist. Al rientro per l’encore di rito il singolo All The Rage Back Home conferma nuovamente la bontà di El Pintor, mentre il finale è ancora una volta appannaggio di Turn On The Bright Lights: NYC e Stella Was A Diver And She Was Always Down mettono i brividi ogni santissima volta. Poi ancora un saluto di circostanza e l’ultimo rientro per la conclusiva Untitled. La sensazione prevalente è che gli Interpol abbiano recuperato quella verve che mancava a loro ma soprattutto a noi. Bentornati.

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
locandina

Elle

La recensione del film

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina

Les Sauteurs

La recensione del film

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
sleaford_mods_english_tapas_grande

Sleaford Mods

La recensione del disco

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156

Grandaddy

La recensione del disco

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One

Noveller

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
JULIE'S HAIRCUT
- "Il" gruppo psichedelico italiano per eccellenza in tour

Julie’s Haircut

Eterno movimento

A fine febbraio i Julie's Haircut sono tornati con un settimo album, “Invocation and Ritual Dance of...
locandina

Phantom Boy

La recensione del film

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
OvO
- Freak power!

OvO

Freak power!

L'album che ha visto la luce negli ultimi mesi del 2016, "Creatura". L'esteso tour europeo da poco...
julie's

Julie’s Haircut

Che gli piaccia o no, i Julie’s Haircut sono “il” gruppo psichedelico italiano per eccellenza (o quantomeno...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
locandina

Jackie

La recensione del film

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
37239-the-king-il-magazine-cover

A tutto King

Il 2017 sarà l’anno di Stephen King

Non è un mistero che il 2017 sarà l’anno di Stephen King, in chiave cinematografica e...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...