Interpol

Fabrique, Milano - 30/01/2015

La sensazione che “El Pintor” potesse aver segnato una rinascita a tinte scure per gli Interpol andava testata dal vivo. Le conferme sono arrivate, compresa quella dell’unicità di “Turn On The Bright Lights” in una discografia che solo lo scorso anno ha ripreso quota.
INTERPOL 13 © stefano masselli

È un richiamo irresistibile quello degli Interpol, la loro new wave attualizzata al terzo millennio, i loro completi cool, quell’innata capacità di accontentare molteplici palati musicali, fanno sì che ogni volta che passino dal nostro Paese l’attesa sia sempre altissima. Al Fabrique di Milano va di scena l’unica occasione per assaporare dal vivo El Pintor, dato alle stampe lo scorso mese di settembre. Un lavoro che ha segnato il ritorno di Paul Banks e soci a sonorità un po’ perse nel corso degli anni, perché da quel folgorante esordio che fu Turn On The Bright Lights in poi la parabola dei newyorkesi aveva preso una curva decisamente diversa. Ma che il debutto del 2002 abbia lasciato il segno più del resto lo sanno benissimo anche loro, tant’è che quando ha inizio il concerto tocca subito a Say Hello To The Angels. Se l’impressione su disco è che i brani di El Pintor vivano di un’incredibile uniformità stilistica, nella dimensione live la sensazione è la medesima: My Blue Supreme, Anywhere, un’intensissima My Desire, Everything Is Wrong e Breaker 1 hanno la sostanza dei classici nonostante l’anagrafe li voglia ultimi arrivati e nessuno di essi abbia l’indole della hit. Quelle arrivano a inframmezzare il tutto ma hanno altri nomi, sono Evil, Rest My Chemistry, Lights, Not Even Jail e quella Slow Hands che chiude il set principale.

Paul Banks – stranamente, vista quella leggera apatia cui ha abituato – è in serata e lo dimostra rivolgendo più di qualche battuta al pubblico. Il nuovo bassista Brad Truax non ha il piglio wave di Carlos Dengler, ma se nei brani vecchi riesce comunque a marcare presenza, nei nuovi fa la differenza in positivo, dando una sferzata post-punk che accelera i ritmi della setlist. Al rientro per l’encore di rito il singolo All The Rage Back Home conferma nuovamente la bontà di El Pintor, mentre il finale è ancora una volta appannaggio di Turn On The Bright Lights: NYC e Stella Was A Diver And She Was Always Down mettono i brividi ogni santissima volta. Poi ancora un saluto di circostanza e l’ultimo rientro per la conclusiva Untitled. La sensazione prevalente è che gli Interpol abbiano recuperato quella verve che mancava a loro ma soprattutto a noi. Bentornati.

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
1invaders

Space Invaders

La recensione del libro

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro

Come uccidere le aragoste

Recensione e intervista all'autore

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
U2
Quarant'anni da icone rock

U2

Quarant'anni da icone del rock

Il 25 settembre del 1976 nasceva il gruppo di Bono Vox e The Edge: quattro decenni dopo,...
locandina

Elvis & Nixon

La recensione del film

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
The-beatles-manifesto

The Beatles – Eight Days a Week

Il film evento nelle sale italiane dal 15 al 21 settembre

Nella moltitudine di immagini e video inediti presenti in The Beatles – Eight Days a Week, c’è...
locandina

Heart of a Dog

La recensione del film

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
61AG4lCxU3L._SL1215_

Nick Cave & The Bad Seeds

La recensione del disco

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
9788874628513-b

Incontri coi selvaggi

La recensione del libro

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
a1895762218_10

La recensione del disco

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
download

Doromizu. Acqua Torbida

La recensione del libro

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
dinosaur-jr-tickets_10-06-16_17_5743419d0a05b

Dinosaur Jr.

La lunga coda

Guardi la copertina di GIVE A GLIMPSE OF WHAT YER NOT, con quelle tinte da psichedelia casereccia,...
ELYSIA CRAMPTON
Identità e club music

Elysia Crampton

Identità e club music

Attraverso il recupero di sonorità laceranti figlie dell’industrial e una propensione per la teoria, un gruppo di...
CHELSEA WOLFE
Una cupa estate italiana al Musica W Festival

Chelsea Wolfe

Dell'amore e di altri incubi

In occasione dell'imminente data italiana al Musica W Festival, riproponiamo la nostra ultima intervista con la cantautrice...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e

BadBadNotGood

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540

Russian Circles

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...