Interpol

Fabrique, Milano - 30/01/2015

La sensazione che “El Pintor” potesse aver segnato una rinascita a tinte scure per gli Interpol andava testata dal vivo. Le conferme sono arrivate, compresa quella dell’unicità di “Turn On The Bright Lights” in una discografia che solo lo scorso anno ha ripreso quota.
INTERPOL 13 © stefano masselli

È un richiamo irresistibile quello degli Interpol, la loro new wave attualizzata al terzo millennio, i loro completi cool, quell’innata capacità di accontentare molteplici palati musicali, fanno sì che ogni volta che passino dal nostro Paese l’attesa sia sempre altissima. Al Fabrique di Milano va di scena l’unica occasione per assaporare dal vivo El Pintor, dato alle stampe lo scorso mese di settembre. Un lavoro che ha segnato il ritorno di Paul Banks e soci a sonorità un po’ perse nel corso degli anni, perché da quel folgorante esordio che fu Turn On The Bright Lights in poi la parabola dei newyorkesi aveva preso una curva decisamente diversa. Ma che il debutto del 2002 abbia lasciato il segno più del resto lo sanno benissimo anche loro, tant’è che quando ha inizio il concerto tocca subito a Say Hello To The Angels. Se l’impressione su disco è che i brani di El Pintor vivano di un’incredibile uniformità stilistica, nella dimensione live la sensazione è la medesima: My Blue Supreme, Anywhere, un’intensissima My Desire, Everything Is Wrong e Breaker 1 hanno la sostanza dei classici nonostante l’anagrafe li voglia ultimi arrivati e nessuno di essi abbia l’indole della hit. Quelle arrivano a inframmezzare il tutto ma hanno altri nomi, sono Evil, Rest My Chemistry, Lights, Not Even Jail e quella Slow Hands che chiude il set principale.

Paul Banks – stranamente, vista quella leggera apatia cui ha abituato – è in serata e lo dimostra rivolgendo più di qualche battuta al pubblico. Il nuovo bassista Brad Truax non ha il piglio wave di Carlos Dengler, ma se nei brani vecchi riesce comunque a marcare presenza, nei nuovi fa la differenza in positivo, dando una sferzata post-punk che accelera i ritmi della setlist. Al rientro per l’encore di rito il singolo All The Rage Back Home conferma nuovamente la bontà di El Pintor, mentre il finale è ancora una volta appannaggio di Turn On The Bright Lights: NYC e Stella Was A Diver And She Was Always Down mettono i brividi ogni santissima volta. Poi ancora un saluto di circostanza e l’ultimo rientro per la conclusiva Untitled. La sensazione prevalente è che gli Interpol abbiano recuperato quella verve che mancava a loro ma soprattutto a noi. Bentornati.

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
locandina

La ruota delle meraviglie

La recensione del film

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
barnes

Prima di me

La recensione del libro

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
locandina

My Life Story

35° Torino Film Festival

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
piscine

Enrico Gabrielli

La recensione del libro

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
four

Four Tet

La recensione del disco

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus

John Maus

La recensione del disco

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam

Mariam The Believer

La recensione del disco

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce

Colapesce

La recensione del disco

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...