Jenny Hval

Rich Mix, London 28/02/2017

a-crash-course-in-70s-horror-from-jenny-hval-1477938749

Seguire il percorso di Jenny Hval significa osservare l’evoluzione di un progetto multimediale che all’artista piace rivisitare, cambiare e interpretare in maniera diversa anche solo a distanza di pochi mesi. Quando uscì Blood Bitch, Hval parlava di vampirismo e sangue mestruale come fonti d’ispirazione e chiavi di lettura del disco. A fine 2016, quando l’album compariva praticamente in tutte le liste di fine anno, Hval diceva di aver già “superato” quelle due immagini: Blood Bitch si era trasformato in un disco-riflessione sul rapporto tra arte e opposizione.

Quando la intervistammo nel 2015 in occasione dell’uscita di Apocalypse, Girl si finì a parlare, tra le altre cose, di Safe di Todd Haynes, un film che, come Deserto Rosso di Antonioni trent’anni prima, investigava il rapporto conflittuale degli esseri umani con lo stile di vita e il paesaggio post-industriali. Grandi film, grande arte. Oggi, praticamente agli antipodi, Hval guarda ai b movie come esempi di (non) arte imprecisa, grossolana e ripudiata dalla critica. Osservando i suoi show, tra parrucche arruffate, fallici palloncini e un trucco a metà strada tra vampirismo e zombieficazione, l’influenza dell’estetica di film e filmacci di serie b è più che evidente. Ma con quale obiettivo? Una risposta a questa domanda si annida fra le trame sonore di Blood Bitch, nel brano Untamed Region. La voce di Adam Curtis, tratta dal suo documentario Hypernormalisation, recita: “Viviamo in un vaudeville costante, fatto di storie in contraddizione fra loro, che rendono impossibile l’emergere di forme di autentica opposizione, dal momento che queste ultime non sono in grado di contraddire lo status quo con una propria, coerente narrativa”. Nel suo documentario, Curtis tenta di dimostrare come le “teorie del caos” proprie delle avanguardie artistiche siano state appropriate dalla retorica dei politici di stati come la Russia, il Regno Unito e gli Stati Uniti per giustificare il corso ininterrotto del capitalismo, proposto come unica soluzione al disordine. Se, come dice Curtis, le narrative di opposizione della grande arte (ma anche della cultura pop, pensate al punk) sono già tutte state cooptate, Hval si rivolge all’arte di serie b con rinnovata curiosità: “Per caso questo tipo di arte viene ripudiata perché le sue strategie sono troppo imprecise”, si chiede, “troppo triviali (troppo umane?). Forse è arte inutile alle politiche del potere?”.

Untamed Region è il picco di questo concerto sold out londinese. Il sample di Curtis si trasforma in un semi-indistinguibile lamento, le luci avvolgono di rosso una Hval incappucciata mentre si interroga su questi temi tra field recordings e qualche beat. Hval poco prima ci ha invitato a prendere degli adesivi gratuiti da lei prodotti con su scritto, bianco su nero, “NOT SAFE FOR CAPITALISM” e ad appiccicarli in giro per Londra. “I have big dreams”, sussurra: come darle torto. Nonostante le sue teorie e provocazioni, Hval riesce a intrattenere il pubblico con leggerezza, trasformando le sue personali ossessioni in battute tra un brano e l’altro. Spiegandoci il suo costume purpureo tutto protuberanze ci dice: “Vesto il mio corpo alla rovescia. Con tutto quel sangue pronto a fuoriuscire è una gran cosa che abbiano inventato la pelle”. Accompagnata da tuba e tastiere, Hval alterna le parti più sperimentali del set a versioni marcatamente dance dei suoi brani più catchy, su tutti Secret Touch e Period Piece. Tra lo scoppiettare della drum machine e la sua voce squillante, è davvero impossibile astrarsi da ciò che accade sul palco. The Great Undressing si trasforma in una sorta di danza propiziatoria (“capitalist workout”, lo definisce lei scatenando una risata) e il pubblico sfida l’affollamento del Rich Mix per unirsi ai suoi movimenti.

Considerata la portata concettuale della sua visione, la sua scelta di immagini forti, nequivocabilmente femministe, e il continuo ricordarci il suo senso di responsabilità nel “pensare in grande” (“think big”, diceva in Kingsize), Jenny Hval non si direbbe un’artista di facile successo. Eppure quando arriva la sua “hit” Conceptual Romance, in chiusura, ci ritroviamo tutti con gli smartphone per aria a canticchiare all’unisono: “Non so ancora chi sono / ma ci sto lavorando”, come se niente fosse.

Commenti

Altri contenuti
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
locandina

La ruota delle meraviglie

La recensione del film

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
barnes

Prima di me

La recensione del libro

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
locandina

My Life Story

35° Torino Film Festival

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
piscine

Enrico Gabrielli

La recensione del libro

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
four

Four Tet

La recensione del disco

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus

John Maus

La recensione del disco

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam

Mariam The Believer

La recensione del disco

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce

Colapesce

La recensione del disco

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...