Lattex + Experience

all'Anfiteatro delle Cascine di Firenze

Due biglietti in omaggio per i lettori del Mucchio: per averli basta scrivere nome, cognome, e una mail valida nei commenti alla fine dell'intervista.
Contest
Due ingressi omaggio per i lettori del Mucchio

A Firenze, domenica 7 giugno, a partire dalle 14:00 per ben dodici ore consecutive, ritorna Lattex+ Experience in una delle location più suggestive e scenografiche della Toscana: l’Anfiteatro delle Cascine.

L’evento, giunto alla sua terza edizione e organizzato dal progetto di clubbing fiorentino Lattex+, si presenta con una line up importante di artisti internazionali: Zip, cofondatore dell’etichetta discografica Perlon; Levon Vincent, dj e produttore americano al suo primo album solistico proprio quest’anno; Tama Sumo, dj-resident del Panorama Bar di Berlino.

Ne abbiamo approfittato per fare qualche domanda agli organizzatori.
Ci raccontate come nasce Lattex+, in cosa consiste il progetto e come si è evoluto in questi anni?
Giacomo Gentiletti: Il Lattex come idea, come concetto di party, nasce nella mia testa anni fa… ma sicuramente si sviluppa più “concretamente” dopo la mia esperienza di un anno a Londra. I primi eventi sono datati 2010. Principalmente Il Lattex+ si caratterizza per l’attività di clubbing… anche se negli ultimi anni abbiamo sempre più differenziato la tipologia di eventi, creando dei format ben precisi come Lattex On Theater, Lattex Experience e Lattex Extreme.
Come scegliete gli artisti da presentare nei vostri eventi?
Biniam Mahdere: La scelta finale degli artisti avviene prevalentemente tra me e Giacomo, anche se nel processo decisionale che la precede vengono coinvolti e consultati tutti i nostri djs, ai quali dobbiamo riconoscere un gran merito nell’aver sviluppato insieme a noi durante questi anni il marchio Lattex.

Ultimamente la musica elettronica sta trovando ottime vetrine anche in Italia, grazie a vari festival e iniziative (roBot, Club2Club, Spring Attitude…). Come vedete la situazione in generale e nello specifico a Firenze se rapportata alle altre città?

G: Penso sinceramente che la presenza a livello nazionale di festival come Club2Club, roBOt, Dancity e Spring Attitude faccia molto bene all’intera scena italiana. Tutti questi festival stanno riscontrando ottimi risultati, le line up di artisti che propongono non hanno niente da invidiare ai vari festival stranieri e anche le location utilizzate, come musei e palazzi storici, ne aumentano il valore e il prestigio. Ritengo che a Firenze, considerando il numero degli utenti/partecipanti e le dimensioni stesse della città, ci sia una buona offerta di eventi. Sono presenti vari promoter sul territorio, anche se bisogna ben distinguere tra chi lo fa professionalmente come mestiere e chi lo fa saltuariamente come hobby.

Pensando a location come il Cinema Odeon oppure, stavolta, all’Anfiteatro delle Cascine, emerge da parte vostra anche una grande attenzione verso il contesto. Quanto è importante quest’ultimo nell’abbattimento di certe barriere, fra i generi e fra le tipologie di pubblico per esempio, e nella fruizione della musica dal vivo?
G:
La scelta della location è fondamentale per la riuscita di un buon evento. Ha la stessa importanza della scelta artistica o della strategia di marketing. L’Italia per motivi storici ben noti è piena di location meravigliose… Allo stesso tempo stanno emergendo in varie città spazi moderni destinati a iniziative artistiche e culturali. Credo si possa quindi affermare che da questo punto di vista c’è l’imbarazzo della scelta, rimane invece molto complicato parlare con le istituzioni per ottenere questi spazi, anche per l’estrema complessità della burocrazia italiana.

Progetti futuri?

B: Esportare il nostro party all’estero, aprire un nostro club, organizzare un festival …

Commenti

Altri contenuti
2287_4ef9d454e539e1.23589375-big

Timothy Leary

Dalla psichedelia al cyberspazio

A 75 anni dalla scoperta dell'Lsd, ripercorriamo la vicenda di uno dei maggiori protagonisti della controcultura statunitense...
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
rs-198724-TheRoll_StickyF_Publici_3000DPI300RGB1000162369

Il 1971, l’anno d’oro del rock

Intervista al critico David Hepworth

Il racconto di un periodo cruciale nella storia della musica, featuring David Bowie, Nick Drake e tanti...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo

Il battito oscuro del mondo

La recensione del libro

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
Tonya-poster

Tonya

La recensione del film

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
Massimo Padalino_il gioco

Il gioco

La recensione del libro

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore

Reincarnation Blues

La recensione del libro

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana

1977. Gioia e rivoluzione

La recensione del libro

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
locandina

Ready Player One

La recensione del film

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
1032815_0_0_97_1280x640

The Chi

Black dramedy again

Raccontare una città come Chicago, raccontarla bene. Ci riesce Lena Waithe – per inciso: la prima donna...
CS672934-01A-BIG

Jonathan Wilson

La recensione del disco

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only

Mount Eerie

La recensione del disco

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations

Preoccupations

La recensione del disco

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...