Arcade Fire

Roma, Ippodromo delle Capannelle - 23/6/2014

Per descrivere cosa sono gli Arcade Fire dal vivo probabilmente basta una sola parola: GIOIA, urlata o scritta a caratteri cubitali e con più colori possibile. Chi c'era quella sera a Roma non si è pentito: gioia per orecchie, cuore e occhi. Il carrozzone canadese mette in piedi uno spettacolo magniloquente come e più di loro e curato nei minimi particolari (effetti visivi, passerelle per duetti a distanza, maschere e quant'altro), coniugando danze sfrenate e commozione, intimismi e caciara.
774a4277

Mi sono sempre domandato, in questi casi, fino a che punto si possa parlare ancora di veracità e dove invece il tutto sfoci nella leziosità, nel meccanico. Gli Arcade Fire sembrano invece crederci in quello che cantano e suonano: Win Butler, che assuma le sembianze del predicatore o quelle dell’amante o quelle dell’inguaribile nostalgico, trasuda convinzione. E ogni serata vien fuori diversa da quella precedente, complice anche la propensione per l’ensamble di Montreal per i cambi di scaletta.

Avevo già visto gli Arcade Fire a Kansas City (in aprile) e a Barcellona in occasione del Primavera Sound Festival. Lì avevano iniziato rispettivamente con Here Comes The Night Time e Reflektor; ora tocca a Normal Person, dopo aver “cacciato” i loro alter ego con bobbleheads che avevano iniziato a suonare Rebellion (Lies). Ecco, di questi tre live quello di Roma è stato quello con la partenza più azzeccata. Il boogie Stones di Normal Person è praticamente perfetto in apertura, con quel ritornello deflagrante che setta il tono della serata sulla modalità festa. Poi subito Reflektor, quindi l’ibrido Clash circa Sandinista – Peaking Lights di Flashbulb Eyes e Power Out con l’ormai solita transizione noise in Rebellion (Lies)(stavolta sì). Butler e soci sono soliti tirar fuori dal cilindro un pezzo che non suonano spessissimo in questo tour: a Kansas City toccò a Empty Room, al Primavera a Rococo; a Roma è la volta dell’escrudescenza punk di Month Of May (a Verona, il giorno dopo, proporranno We Used To Wait).

Ritmi che calano (il pathos neanche a parlarne) giusto il tempo di The Suburbs e The Suburbs (Continued), per poi risalire prontamente con la doppietta Ready To StartNeighborhood #2 (Laika) che scatena il visibilio in un’Arena Concerti delle Capannelle gremita di accoliti di ogni fascia di età (e quando dico “ogni” dico che ho visto due signore sulla settantina, di cui una con un girello – e non scherzo. Chissà se ballava anche lei – al Primavera un tizio a un certo punto sollevò al cielo le stampelle e tutti pensammo al miracolo.)

No Cars Go migliora anno dopo anno: a questo giro il valore aggiunto è dato da bordate di synth mesmerizzanti date da un Will Butler (fratello del frontman) come sempre in un mondo tutto suo, rigorosamente in trance mentre si dimena in movimenti del corpo (e del ciuffo) non a norma di regolamento (ma d’altronde “Is anyone as cruel as a normal person?”). La tripletta successiva è tutta per l’ultimo gioiello Reflektor. Prima We Exist, che dal vivo acquista un triliardo di punti (più elettrica, più danzereccia e più epica rispetto alla versione su disco), quindi la digressione nel mito di Orfeo ed Euridice con Afterlife (un pezzo che ti fa ballare e piangere allo stesso tempo) e It’s Never Over (Oh Orpheus) (prima di Afterlife versione tribal-dub di My Body Is A Cage, convincentissima anche senza la parte finale con l’organone). It’s Never Over è probabilmente l’apice emotivo e visivo del concerto: Win rimane sul palco, mentre Régine percorre la passerella per andare a cantare sul B-stage in mezzo al pubblico. Alle sue spalle una figura vestita interamente di nero con delle ossa disegnate sul davanti la bracca per tutto il pezzo (simboleggia la morte che insegue Euridice mentre percorre, dietro ad Orfeo, il tunnel che la riporterebbe in vita). Si può quindi ammirare Win che canta robe strazianti del tipo “Hey, Heurydice! I will sing your name ‘til you’re sick of me!”, mentre alle sue spalle, sul maxi schermo, viene proiettata questa scena tra il macabro e l’incantevole del visino di Régine e di quello meno rassicurante del tizio (o della tizia) in maschera. Orfeo non resiste, nella reflective age l’occhio deve essere soddisfatto: si gira, e addio per sempre Euridice. Troppo magone, e allora ci pensa ancora la Chassagne a chiudere il main set con Sprawl II (Mountains Beyond Mountains) e sventolando i suoi ormai proverbiali nastri colorati.

E finalmente la domanda con cui mi sono lambiccato il cervello per due settimane troverà risposta: i Nostri apriranno l’encore con un omaggio all’Italia (sono soliti suonare cover di artisti del Paese o addirittura della città in cui si esibiscono), sì, ma con cosa? Desideravo ardentemente sentir cantare Butler in italiano, e invece scemo io a non pensare che a Roma la bobblehead di Papa Francesco sarebbe stata perfetta. Dagli speaker risuona Pie Jesu Domine, mentre Win torna sul palco con tunica bianca e testa del Pontefice, appunto, per un qualcosa che a mio parere non ha avuto nulla di blasfemo (tra l’altro secondo me Win ci crede pure, magari senza tutta la stima del mondo per alcuni missionari presi di mira in Here Comes The Night Time, ma con lo spirito di un novello Martin Lutero che vuole andare al cuore della questione e che fa domande scomode come “If there’s no music up in Heaven then what’s it for?” per poi però confessare “When I hear the beat the Spirit’s on me like a live wire”.)

E’ il momento proprio di Here Comes The Night Time, è il momento in cui un frammento di carnevale haitiano prende vita, è il momento dei coriandoli. Milioni, a inondare la platea. Keep The Car Running è l’ultima meravigliosa chicca prima della chiusura affidata come di consueto all’inno generazionale di Wake Up, un pezzo che con tutta probabilità fra un secolo ricorderemo come un pilastro di questi anni 10. Così come gli Arcade Fire.
Ma perché? Perché nella band e in ogni loro show risuona un campionario di sentimenti contrastanti e appiccicati che godono però di luce propria: dolore, rabbia, disillusione, vita, morte, rinascita. La gioia degli Arcade Fire ha il volto di Régine, una fatina tuttofare (oltre a cantare, suona fisarmonica, batteria, tastiere, bonghi, glockenspiel e altri aggeggi che francamente non saprei nominare) che quando saluta con un “Grazie” ci liquefa. Una fatina che sorride per tutta la durata del concerto nella maniera più spontanea e contagiosa di quella gioia che in questa “reflective age” profetizzata da Kierkegaard a metà 800, a pensarci, è l’unica possibile.

Commenti

Altri contenuti
2287_4ef9d454e539e1.23589375-big

Timothy Leary

Dalla psichedelia al cyberspazio

A 75 anni dalla scoperta dell'Lsd, ripercorriamo la vicenda di uno dei maggiori protagonisti della controcultura statunitense...
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
rs-198724-TheRoll_StickyF_Publici_3000DPI300RGB1000162369

Il 1971, l’anno d’oro del rock

Intervista al critico David Hepworth

Il racconto di un periodo cruciale nella storia della musica, featuring David Bowie, Nick Drake e tanti...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo

Il battito oscuro del mondo

La recensione del libro

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
Tonya-poster

Tonya

La recensione del film

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
Massimo Padalino_il gioco

Il gioco

La recensione del libro

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore

Reincarnation Blues

La recensione del libro

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana

1977. Gioia e rivoluzione

La recensione del libro

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
locandina

Ready Player One

La recensione del film

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
1032815_0_0_97_1280x640

The Chi

Black dramedy again

Raccontare una città come Chicago, raccontarla bene. Ci riesce Lena Waithe – per inciso: la prima donna...
CS672934-01A-BIG

Jonathan Wilson

La recensione del disco

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only

Mount Eerie

La recensione del disco

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations

Preoccupations

La recensione del disco

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...