Nils Frahm

Locomotiv, Bologna - 04/05/2015

NILS FRAHM © stefano masselli-4

Nils Frahm has lost his mind”, recitano i manifesti dedicati alla data bolognese del musicista e compositore tedesco, seconda delle tre italiane di quest’anno, caricando ancora più di aspettative un Locomotiv gremito in questa prima serata dal sapore estivo. Sul palco immerso nella penombra, una costellazione di strumenti ricorda la skyline di una grande metropoli: organi, juno, mellotron e tre canne d’organo in legno riposano tranquilli, ma la quiete durerà ancora per poco.

Quando Nils si palesa, il pubblico applaude con riverenza, come si farebbe in un teatro, per poi piombare in un silenzio piuttosto insolito per la location in cui ci troviamo. Non appena attacca con Ode, la sensazione è quella di immergersi in uno spettacolo fatato, estraniante. Vederlo destreggiarsi tra i vari strumenti, ricreando pazientemente melodie e ritmi e seguendo solo in parte tracce prestabilite, è un’esperienza unica e per certi versi sensuale. La scarsa interazione con l’audience, unita al fascino intrinseco di una musica che nasce dall’incontro tra tecnica, improvvisazione e sperimentazione, crea l’impressione di stare quasi spiando Frahm in questo suo habitat naturale fatto di tasti, campionamenti e pedali. È come se, in qualche modo, stessimo violando consensualmente un suo spazio profondamente intimo, e ci sentissimo dunque privilegiati.

La scaletta comprende due pezzi da Solo, il suo ultimo lavoro, e diversi tratti dagli album precedenti, inclusa una splendida Said And Done, Peter e More in conclusione, il tutto rivisto e riadattato a seconda degli strumenti a disposizione e dell’estro del momento. Una volta sceso dal palco, il silenzio ammanta di nuovo gli strumenti ripiombati nell’ombra; vorremmo di più e l’incantesimo spezzato ha un che di crudele, ma per stasera è tutto. A ripensarci domani, sarà stato  un bellissimo sogno.

 

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
locandina

Un sacchetto di biglie

La recensione del film

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
Notte ragazzi cattivi

La notte dei ragazzi cattivi

La recensione del libro

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
abbecedario

Abbecedario degli animali

La recensione del libro

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
littleWomen_tv

Little Women

La recensione della serie tv

Su BBC torna un classico della letteratura per ragazze, congeniale all’atmosfera natalizia e indicato per un pubblico...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
sommario-besto_of_20173

Libri: best of 2017

Le liste di fine 2017 firmate Mucchio Selvaggio: scorretele, unendo i puntini verrà fuori una mappa di...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...