Nils Frahm

Locomotiv, Bologna - 04/05/2015

NILS FRAHM © stefano masselli-4

Nils Frahm has lost his mind”, recitano i manifesti dedicati alla data bolognese del musicista e compositore tedesco, seconda delle tre italiane di quest’anno, caricando ancora più di aspettative un Locomotiv gremito in questa prima serata dal sapore estivo. Sul palco immerso nella penombra, una costellazione di strumenti ricorda la skyline di una grande metropoli: organi, juno, mellotron e tre canne d’organo in legno riposano tranquilli, ma la quiete durerà ancora per poco.

Quando Nils si palesa, il pubblico applaude con riverenza, come si farebbe in un teatro, per poi piombare in un silenzio piuttosto insolito per la location in cui ci troviamo. Non appena attacca con Ode, la sensazione è quella di immergersi in uno spettacolo fatato, estraniante. Vederlo destreggiarsi tra i vari strumenti, ricreando pazientemente melodie e ritmi e seguendo solo in parte tracce prestabilite, è un’esperienza unica e per certi versi sensuale. La scarsa interazione con l’audience, unita al fascino intrinseco di una musica che nasce dall’incontro tra tecnica, improvvisazione e sperimentazione, crea l’impressione di stare quasi spiando Frahm in questo suo habitat naturale fatto di tasti, campionamenti e pedali. È come se, in qualche modo, stessimo violando consensualmente un suo spazio profondamente intimo, e ci sentissimo dunque privilegiati.

La scaletta comprende due pezzi da Solo, il suo ultimo lavoro, e diversi tratti dagli album precedenti, inclusa una splendida Said And Done, Peter e More in conclusione, il tutto rivisto e riadattato a seconda degli strumenti a disposizione e dell’estro del momento. Una volta sceso dal palco, il silenzio ammanta di nuovo gli strumenti ripiombati nell’ombra; vorremmo di più e l’incantesimo spezzato ha un che di crudele, ma per stasera è tutto. A ripensarci domani, sarà stato  un bellissimo sogno.

 

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
arrival-nuova-locandina-in-italiano

Arrival

La recensione del film

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160

Lauren Groff – Fato e furia

La recensione del libro

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
170414-coldplay-ghost-stories-tour_0

Secondary Ticketing

Nacque tutto dai Coldplay (ogni tanto servono ancora, via): biglietti ufficiali esauriti in un amen e ricomparsi...
thexx-iseeyou

The xx

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album

Baustelle

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jones

Stephen Graham Jones

L'orrore in letteratura

Lo scrittore americano autore di "Albero di carne", pubblicato in in Italia da Racconti edizioni.
locandina

Silence

La recensione del film

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
A-Tribe-Called-Quest-We-Got-It-From-Here-Thank-You-4-Your-Service-1478899602

A Tribe Called Quest

Nel momento in cui scriviamo queste righe, salta fuori la notizia che We Got It From Here…...
metallica

Metallica

Da circa venticinque anni, ovvero dal Black Album del 1991, i Metallica sono una band che procura...
locandina

Passengers

La recensione del film

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...