Nils Frahm

Locomotiv, Bologna - 04/05/2015

NILS FRAHM © stefano masselli-4

Nils Frahm has lost his mind”, recitano i manifesti dedicati alla data bolognese del musicista e compositore tedesco, seconda delle tre italiane di quest’anno, caricando ancora più di aspettative un Locomotiv gremito in questa prima serata dal sapore estivo. Sul palco immerso nella penombra, una costellazione di strumenti ricorda la skyline di una grande metropoli: organi, juno, mellotron e tre canne d’organo in legno riposano tranquilli, ma la quiete durerà ancora per poco.

Quando Nils si palesa, il pubblico applaude con riverenza, come si farebbe in un teatro, per poi piombare in un silenzio piuttosto insolito per la location in cui ci troviamo. Non appena attacca con Ode, la sensazione è quella di immergersi in uno spettacolo fatato, estraniante. Vederlo destreggiarsi tra i vari strumenti, ricreando pazientemente melodie e ritmi e seguendo solo in parte tracce prestabilite, è un’esperienza unica e per certi versi sensuale. La scarsa interazione con l’audience, unita al fascino intrinseco di una musica che nasce dall’incontro tra tecnica, improvvisazione e sperimentazione, crea l’impressione di stare quasi spiando Frahm in questo suo habitat naturale fatto di tasti, campionamenti e pedali. È come se, in qualche modo, stessimo violando consensualmente un suo spazio profondamente intimo, e ci sentissimo dunque privilegiati.

La scaletta comprende due pezzi da Solo, il suo ultimo lavoro, e diversi tratti dagli album precedenti, inclusa una splendida Said And Done, Peter e More in conclusione, il tutto rivisto e riadattato a seconda degli strumenti a disposizione e dell’estro del momento. Una volta sceso dal palco, il silenzio ammanta di nuovo gli strumenti ripiombati nell’ombra; vorremmo di più e l’incantesimo spezzato ha un che di crudele, ma per stasera è tutto. A ripensarci domani, sarà stato  un bellissimo sogno.

 

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
WESTWORLD
Non cancellare il tuo ricordo

Westworld

Non cancellare il tuo ricordo

Sono le nostre percezioni a renderci umani. O forse no? "Westworld" e "Black Mirror" provano a rispondere.
jaar

Nicolas Jaar

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare

Romare

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori

Alessandro Fiori

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair

Soft Hair

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
locandina

Il cittadino illustre

La recensione del film

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
new gen

AA. VV.

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2

Free Fire

34° Torino Film Festival

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...