Nothing

Covo, Bologna - 1 ottobre 2016

Il resoconto della seconda delle tre date italiane previste all’interno di un lungo giro europeo.
021016_2298

A scherzare col fuoco ci si brucia. A furia di recitare la parte degli sfigati, i Nothing si prendono la pioggia per due tour di fila. Arriviamo così al Covo sotto il primo vero acquazzone di ottobre, memori e un po’ preoccupati per le conseguenze del diluvio che si abbatté due anni fa fuori dal Quirinetta a Roma. In quell’occasione i nu-shoegazer dello scazzo esistenziale si trovarono a suonare davanti a non più di venti paganti, in un’esibizione a tratti più vicina a un’ospitata in sala prove che a un vero e proprio live. Questa volta va meglio. Aiutati dal sabato sera, il locale è pieno e finisce di riempirsi durante l’esibizione con i fanatici della “rockoteca” che seguirà.

not
foto di Serena Veneziani – http://serenavenezianifoto.tumblr.com/

Chiunque abbia ascoltato Tired Of Tomorrow e abbia magari avuto modo di amare Guilty Of Everything si piazza sottopalco chiedendosi in quale modo i Nothing riusciranno a stupire i propri aficionados. Un tipo altissimo, con l’agilità da halfback, si piazza centrale suscitando l’istintiva simpatia in tutti quelli rimasti dietro. Un altro con una t-shirt che avvisa “I Love You But I’ve Chosen Shoegaze” si piazza più a destra. La risposta però non arriva forte e chiara come i volumi o’malleyani sulle note di Fever Queen. Con una maggiore maturità forse? A Nick Bassett è cresciuto un filo di barba, levandogli quell’aria da bimbominchia cresciuto a pane e grunge. Con una rosa di influenze che oramai vanno dallo shoeagaze all’alt-rock? Con un barile di birra? Domenic blatera di continuo ed è alticcio quanto basta per un fallimentare stage diving già alla terza canzone, Chloroform, su un pubblico ancora intorpidito dalla pioggia. Chi sa cosa e perché. Fatto sta che quando attaccano con Vertigo Flowers, Eaten By Worms o un’altra traccia del nuovo lavoro, ne faranno sette in tutto, lo sgomento è grande e gli applausi si susseguono. Il cantato di Palermo si mischia a quello di Setta – il primo di sicuro anima del gruppo nel bene e nel male, l’altro più per i fatti suoi dietro l’inseparabile chitarra rosa – che è una meraviglia. Senza perdere espressività nella pasta sempre più stratificata. Allo scopo aiuta molto il controllo di Kyle Kimball dietro le pelli, che riesce a mantenere tutto lontano dal caos. Poco più di un’ora e i Nothing ne hanno abbastanza di personificare tormenti e inseguire i saliscendi della loro musa malata. Ringraziano, non concedono bis e se ne vanno al banchetto dove, tra il merch ufficiale, ironia della sorte, autoironia o furfanteria, è possibile acquistare per 45€ anche una giacca per la pioggia. Si vede che di sola sfiga non si campa.

no2
foto di Serena Veneziani – http://serenavenezianifoto.tumblr.com/

Commenti

Altri contenuti
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
cop

Elle Mary & The Bad Men

La recensione del disco

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
mucchio_hollywood_cover

Hollywood

La recensione del libro

Sono tanti i libri dedicati a Hollywood e al suo cinema, pochi quelli di cui vale la...
cohen

Dance me to the end of love

Ricordando Leonard Cohen

Leonard Cohen è stato anche autore di due romanzi, "Il gioco preferito" e "Beautiful Losers". Ecco perché...
cohen

Leonard Cohen

Il piccolo profeta gobbo

Un anno fa moriva Leonard Cohen, il giorno prima dell’elezione di Trump che sconvolgeva il mondo. Questo...
halloween

Halloween: il buio oltre la siepe

Di nuovo in sala il cult movie di John Carpenter.

Come tutti i film dell’orrore che si sono fatti strada nella vita, anche Halloween (1978) di John...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
locandina

Borg McEnroe

12° Roma Film Festival

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017

Trouble No More

12° Roma Film Festival

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
vallicelli

Matteo Vallicelli

Botta e risposta

Ripubblichiamo la nostra intervista a Matteo Valliceli in occasione della sua partecipazione alla decima edizione del Transmissions...
st

Stranger Things 2

Cose molto strane (e molto vendicative)

Hawkins, un anno dopo. I kids più in gamba della televisione sono tornati. Ognuno con i suoi...