Nothing

Covo, Bologna - 1 ottobre 2016

Il resoconto della seconda delle tre date italiane previste all’interno di un lungo giro europeo.
021016_2298

A scherzare col fuoco ci si brucia. A furia di recitare la parte degli sfigati, i Nothing si prendono la pioggia per due tour di fila. Arriviamo così al Covo sotto il primo vero acquazzone di ottobre, memori e un po’ preoccupati per le conseguenze del diluvio che si abbatté due anni fa fuori dal Quirinetta a Roma. In quell’occasione i nu-shoegazer dello scazzo esistenziale si trovarono a suonare davanti a non più di venti paganti, in un’esibizione a tratti più vicina a un’ospitata in sala prove che a un vero e proprio live. Questa volta va meglio. Aiutati dal sabato sera, il locale è pieno e finisce di riempirsi durante l’esibizione con i fanatici della “rockoteca” che seguirà.

not
foto di Serena Veneziani – http://serenavenezianifoto.tumblr.com/

Chiunque abbia ascoltato Tired Of Tomorrow e abbia magari avuto modo di amare Guilty Of Everything si piazza sottopalco chiedendosi in quale modo i Nothing riusciranno a stupire i propri aficionados. Un tipo altissimo, con l’agilità da halfback, si piazza centrale suscitando l’istintiva simpatia in tutti quelli rimasti dietro. Un altro con una t-shirt che avvisa “I Love You But I’ve Chosen Shoegaze” si piazza più a destra. La risposta però non arriva forte e chiara come i volumi o’malleyani sulle note di Fever Queen. Con una maggiore maturità forse? A Nick Bassett è cresciuto un filo di barba, levandogli quell’aria da bimbominchia cresciuto a pane e grunge. Con una rosa di influenze che oramai vanno dallo shoeagaze all’alt-rock? Con un barile di birra? Domenic blatera di continuo ed è alticcio quanto basta per un fallimentare stage diving già alla terza canzone, Chloroform, su un pubblico ancora intorpidito dalla pioggia. Chi sa cosa e perché. Fatto sta che quando attaccano con Vertigo Flowers, Eaten By Worms o un’altra traccia del nuovo lavoro, ne faranno sette in tutto, lo sgomento è grande e gli applausi si susseguono. Il cantato di Palermo si mischia a quello di Setta – il primo di sicuro anima del gruppo nel bene e nel male, l’altro più per i fatti suoi dietro l’inseparabile chitarra rosa – che è una meraviglia. Senza perdere espressività nella pasta sempre più stratificata. Allo scopo aiuta molto il controllo di Kyle Kimball dietro le pelli, che riesce a mantenere tutto lontano dal caos. Poco più di un’ora e i Nothing ne hanno abbastanza di personificare tormenti e inseguire i saliscendi della loro musa malata. Ringraziano, non concedono bis e se ne vanno al banchetto dove, tra il merch ufficiale, ironia della sorte, autoironia o furfanteria, è possibile acquistare per 45€ anche una giacca per la pioggia. Si vede che di sola sfiga non si campa.

no2
foto di Serena Veneziani – http://serenavenezianifoto.tumblr.com/

Commenti

Altri contenuti
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
Notte ragazzi cattivi

La notte dei ragazzi cattivi

La recensione del libro

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
abbecedario

Abbecedario degli animali

La recensione del libro

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
littleWomen_tv

Little Women

La recensione della serie tv

Su BBC torna un classico della letteratura per ragazze, congeniale all’atmosfera natalizia e indicato per un pubblico...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
sommario-besto_of_20173

Libri: best of 2017

Le liste di fine 2017 firmate Mucchio Selvaggio: scorretele, unendo i puntini verrà fuori una mappa di...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...