Paolo Conte

Gardone Riviera, Anfiteatro del Vittoriale - 27/06/2015

L'Avvocato astigiano fra "Le Stelle del Jazz".
20150627-Vittoriale_Conte-15

In un sabato sera gardesano costantemente minacciato da una pioggia che arriverà copiosa soltanto a concerto finito, sono le Stelle del Jazz le uniche a brillare nella sontuosa cornice dell’Anfiteatro del Vittoriale, la cui stagione estiva Tener-a-mente (al solito carica di illustri ospiti, da Paul Weller a Patti Smith, da Franco Battiato a Goran Bregovic) inaugura ancora una volta con l’artista più amato dall’esigente platea bresciana. Paolo Conte, ça va sans dire. È lo storico brano dell’Avvocato astigiano, uno dei più amati dal pubblico di tutto il mondo, ad aprire il sipario su una serata carica di emozioni. Perché sì, d’accordo, il Nostro è ormai di casa sul palco all’ombra della dimora dannunziana, ma non c’è verso di abituarsi a un concerto del bardo piemontese, a quelle canzoni incastonate nella memoria personale e collettiva, alle versioni che rendono ogni esecuzione unica. Sembrerà retorica, ma è davvero così.

Due set da tre quarti d’ora ciascuno, il secondo illuminato da tuoni e lampi mentre i formidabili musicisti, indifferenti alle minacce di prossimi cataclismi, accompagnano il Maestro il quale, da parte sua, assiste al turbinio di assoli con aria sorniona e compiaciuta.

Del recente Snob, pubblicato lo scorso inverno, vengono estratte soltanto la title track e il singolo Tropical con cui si chiude il live. Il resto dell’esibizione si snoda in un’imprevedibile carrellata attraverso alcuni dei più fulgidi capitoli di una carriera straordinaria. Si incontrano per strada la malinconia d’antan di Una giornata al mare e Madeleine, la grazia trascendentale de Alle prese con una verde milonga, i miraggi sudamericani di Aguaplano e quelli francesi di Le chic et le charme, la sensualità di Gioco d’azzardo e gli ancheggiamenti di Dancing e Come di, l’irresistibile ritornello di Via con me. Manco a farlo apposta, l’unico antipasto di pioggia arriva sulle note de Gli impermeabili, salvo dileguarsi sull’arrembante epopea di Diavolo rosso. Si incontrano man mano – anche contemporaneamente – il Conte jazzista, swing, pop, chansonnier, istrionico e melanconico, popolano e poeta. Il Sudamerica e l’Italia, l’Africa e la Francia, luoghi vicini e lontani che si caricano di atmosfere magiche. Emozioni alle quali risulta impossibile abituarsi, come testimonia la sfilza di sold out fatti registrare dall’Avvocato nella location di Gardone Riviera.

Foto di M. Andreola

Commenti

Altri contenuti
GimmeDanger_Trailer

Iggy Pop & The Stooges

Punk prima di te

A febbraio la storia degli Stooges è arrivata sul grande schermo anche in Italia e la “visione”...
622506603

Libere

La recensione del film

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
locandina

Rolling Stones Olé, Olé, Olé!

La recensione del film

Un altro film concerto dei Rolling Stones? Basterebbe il solo annuncio dell’ennesima uscita in una filmografia che...
homepage_large.77a617e0

Arca

La recensione del disco

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
krull

La casa dei Krull

Simenon senza Maigret

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
big-little-lies

Big Little Lies

I segreti degli altri

Già conclusa negli Stati Uniti, nel vivo in Italia. "Big Little Lies" è la serie del momento,...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
locandina

Elle

La recensione del film

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...