Paolo Conte

Gardone Riviera, Anfiteatro del Vittoriale - 27/06/2015

L'Avvocato astigiano fra "Le Stelle del Jazz".
20150627-Vittoriale_Conte-15

In un sabato sera gardesano costantemente minacciato da una pioggia che arriverà copiosa soltanto a concerto finito, sono le Stelle del Jazz le uniche a brillare nella sontuosa cornice dell’Anfiteatro del Vittoriale, la cui stagione estiva Tener-a-mente (al solito carica di illustri ospiti, da Paul Weller a Patti Smith, da Franco Battiato a Goran Bregovic) inaugura ancora una volta con l’artista più amato dall’esigente platea bresciana. Paolo Conte, ça va sans dire. È lo storico brano dell’Avvocato astigiano, uno dei più amati dal pubblico di tutto il mondo, ad aprire il sipario su una serata carica di emozioni. Perché sì, d’accordo, il Nostro è ormai di casa sul palco all’ombra della dimora dannunziana, ma non c’è verso di abituarsi a un concerto del bardo piemontese, a quelle canzoni incastonate nella memoria personale e collettiva, alle versioni che rendono ogni esecuzione unica. Sembrerà retorica, ma è davvero così.

Due set da tre quarti d’ora ciascuno, il secondo illuminato da tuoni e lampi mentre i formidabili musicisti, indifferenti alle minacce di prossimi cataclismi, accompagnano il Maestro il quale, da parte sua, assiste al turbinio di assoli con aria sorniona e compiaciuta.

Del recente Snob, pubblicato lo scorso inverno, vengono estratte soltanto la title track e il singolo Tropical con cui si chiude il live. Il resto dell’esibizione si snoda in un’imprevedibile carrellata attraverso alcuni dei più fulgidi capitoli di una carriera straordinaria. Si incontrano per strada la malinconia d’antan di Una giornata al mare e Madeleine, la grazia trascendentale de Alle prese con una verde milonga, i miraggi sudamericani di Aguaplano e quelli francesi di Le chic et le charme, la sensualità di Gioco d’azzardo e gli ancheggiamenti di Dancing e Come di, l’irresistibile ritornello di Via con me. Manco a farlo apposta, l’unico antipasto di pioggia arriva sulle note de Gli impermeabili, salvo dileguarsi sull’arrembante epopea di Diavolo rosso. Si incontrano man mano – anche contemporaneamente – il Conte jazzista, swing, pop, chansonnier, istrionico e melanconico, popolano e poeta. Il Sudamerica e l’Italia, l’Africa e la Francia, luoghi vicini e lontani che si caricano di atmosfere magiche. Emozioni alle quali risulta impossibile abituarsi, come testimonia la sfilza di sold out fatti registrare dall’Avvocato nella location di Gardone Riviera.

Foto di M. Andreola

Commenti

Altri contenuti
locandina

La battaglia dei sessi

La recensione del film

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina

L’intrusa

La recensione del film

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina

Blade Runner 2049

La recensione del film

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
the_tower_motorpsycho-1024x1024

Motorpsycho

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
geye

Dentro l’inverno

La recensione del libro

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
twinpeaks2

Twin Peaks

Episodi 3x17-18

Lynch e Frost dicono che è il passato che determina il futuro, così il doppio episodio finale...
Ascolta in streaming ATLAS /INSTRUMENTAL di PIeralberto Valli

Pieralberto Valli

Atlas / Instrumental

La versione strumentale del debutto discografico di Pieralberto Valli, "Atlas", da ascoltare in streaming.
210618363-89a705a2-7685-4ef2-84a3-57e9e4909cba

Venezia 74

Tutti i vincitori dell'edizione 2017

Si spengono i riflettori sulla 74ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con il Leone...
Outrage-0-Coda-620x329

Outrage Coda

Venezia Day 11

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1

Hannah

Venezia Day 10

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau

Mektoub, My Love: Canto uno

Venezia Day 9

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...