Paolo Conte

Gardone Riviera, Anfiteatro del Vittoriale - 27/06/2015

L'Avvocato astigiano fra "Le Stelle del Jazz".
20150627-Vittoriale_Conte-15

In un sabato sera gardesano costantemente minacciato da una pioggia che arriverà copiosa soltanto a concerto finito, sono le Stelle del Jazz le uniche a brillare nella sontuosa cornice dell’Anfiteatro del Vittoriale, la cui stagione estiva Tener-a-mente (al solito carica di illustri ospiti, da Paul Weller a Patti Smith, da Franco Battiato a Goran Bregovic) inaugura ancora una volta con l’artista più amato dall’esigente platea bresciana. Paolo Conte, ça va sans dire. È lo storico brano dell’Avvocato astigiano, uno dei più amati dal pubblico di tutto il mondo, ad aprire il sipario su una serata carica di emozioni. Perché sì, d’accordo, il Nostro è ormai di casa sul palco all’ombra della dimora dannunziana, ma non c’è verso di abituarsi a un concerto del bardo piemontese, a quelle canzoni incastonate nella memoria personale e collettiva, alle versioni che rendono ogni esecuzione unica. Sembrerà retorica, ma è davvero così.

Due set da tre quarti d’ora ciascuno, il secondo illuminato da tuoni e lampi mentre i formidabili musicisti, indifferenti alle minacce di prossimi cataclismi, accompagnano il Maestro il quale, da parte sua, assiste al turbinio di assoli con aria sorniona e compiaciuta.

Del recente Snob, pubblicato lo scorso inverno, vengono estratte soltanto la title track e il singolo Tropical con cui si chiude il live. Il resto dell’esibizione si snoda in un’imprevedibile carrellata attraverso alcuni dei più fulgidi capitoli di una carriera straordinaria. Si incontrano per strada la malinconia d’antan di Una giornata al mare e Madeleine, la grazia trascendentale de Alle prese con una verde milonga, i miraggi sudamericani di Aguaplano e quelli francesi di Le chic et le charme, la sensualità di Gioco d’azzardo e gli ancheggiamenti di Dancing e Come di, l’irresistibile ritornello di Via con me. Manco a farlo apposta, l’unico antipasto di pioggia arriva sulle note de Gli impermeabili, salvo dileguarsi sull’arrembante epopea di Diavolo rosso. Si incontrano man mano – anche contemporaneamente – il Conte jazzista, swing, pop, chansonnier, istrionico e melanconico, popolano e poeta. Il Sudamerica e l’Italia, l’Africa e la Francia, luoghi vicini e lontani che si caricano di atmosfere magiche. Emozioni alle quali risulta impossibile abituarsi, come testimonia la sfilza di sold out fatti registrare dall’Avvocato nella location di Gardone Riviera.

Foto di M. Andreola

Commenti

Altri contenuti
locandina

Un sacchetto di biglie

La recensione del film

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
Notte ragazzi cattivi

La notte dei ragazzi cattivi

La recensione del libro

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
abbecedario

Abbecedario degli animali

La recensione del libro

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
littleWomen_tv

Little Women

La recensione della serie tv

Su BBC torna un classico della letteratura per ragazze, congeniale all’atmosfera natalizia e indicato per un pubblico...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
sommario-besto_of_20173

Libri: best of 2017

Le liste di fine 2017 firmate Mucchio Selvaggio: scorretele, unendo i puntini verrà fuori una mappa di...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...