Peter Gabriel

Torino, Palalpitour - 20/11/2014

L'ex Genesis torna nel capoluogo piemontese per l'esecuzione integrale dell'album "So", in occasione del suo venticinquennale.
petergabriel_defassivalentina

Magnifica spesso, progressiva sempre. Qualcosa che l’opera di Peter Gabriel non ha smesso di fare, dentro ma soprattutto fuori i castelli dorati dei Genesis, è guardare avanti. Talvolta di lato – come quando con il WOMAD prima e quel che ne è seguito ha sollevato il velo di Maya sulle musiche del mondo extraoccidentale – ma mai indugiando nello specchietto retrovisore, se non per il tempo di una famigerata reunion. Per questo la scelta di riportare dal vivo il titolo più significativo dei suoi anni Ottanta, almeno sotto il profilo delle vendite, può aver spiazzato qualcuno. Al contrario, devono averla accolta come una manna i tanti in platea che lo ricordano al Palasport di Torino quel 30 settembre del 1980; gli stessi che ora si ripresentano con una trentina d’anni e una famiglia in più, coltivando la segreta speranza di rivederlo “fare la scimmia”. Non lo farà. Gabriel è invecchiato nella consapevolezza dei suoi crescenti limiti di performer e, nella fattispecie, pure di cantante, considerando una recente bronchite che gli renderà proibitive le note più alte. Resta l’ingegno con cui costruisce due ore di uno spettacolo che va gradualmente a complicarsi.

Tre portate, “come in un menù”, dove l’antipasto consiste in un’esibizione acustica a luci ancora accese. Apre l’inedito What Lies Ahead, primo brano autografo da otto anni a questa parte che, se tanto ci dà tanto, preannuncia un album dagli umori confidenziali. Di Shock The Monkey ci si sbarazza praticamente subito, seconda della scaletta in versione stomp con David Rhodes alla chitarra acustica. Le parti più spettacolari troveranno posto più avanti, quando tra luci, proiezioni e sculture mobili, il cantante inglese e i suoi sodali si cimenterannno in coreografie stile “ginnastica morbida”. Dapprima cacciatore e poi preda di tre altissime gru con i riflettori che gli vorticano intorno, ora agguanta la camera con forza e ora le si arrende schiena a terra. Quella che Peter Gabriel sta mettendo in scena è la dialettica tra uomo e macchina, segreta protagonista dai suoi primi lavori solistici che abbinavano temi umanistici (e umanitari) all’uso di tecnologie grandemente sofisticate.

Solsbury Hill, No Self Control e The Family And The Fishing Net si succedono una via l’altra, poco prima di cedere il passo all’esecuzione integrale di So. Corrispettivo del terzo piatto, è il momento più divertente e funky della serata anche se, inevitabilmente, quello più prevedibile. I megaschermi vengono investiti da un diluvio rosso per Red Rain (ehm…) e subito dopo l’attesissima Don’t Give Up vedrà nei panni che furono di Kate Bush una convincente Jennie Abrahmson – la corista svedese che, insieme a Linnea Olsson, aveva aperto il concerto. “For a job so many men / So many men no one needs”: i versi di incoraggiamento per gli uomini rimasti senza lavoro concepiti sotto l’egida della Thatcher tornano attuali in epoca di neothatcherismi. Accade lo stesso sul bis di Biko, con dedica in italiano (i pizzini in lingua sono gli stessi di quarant’anni fa) ai quarantatrè studenti scomparsi in Città del Messico (“It was business as usual / In police room 619”). Il gran finale, con il volto dell’attivista antiApartheid proiettato su uno sfondo rosso e i pugni alzati del pubblico, riesce retorico ma anche meno datato di quel che potrebbe apparire. Spesso il destino di chi è abituato a guardare avanti è quello di vederci lungo.

Foto di Valentina Defassi (www.valentinadefassi.com)

petergabriel_defassivalentina

Commenti

Altri contenuti
father murphy rising

Father Murphy

E così il percorso d(e)i Father Murphy giunge all’epilogo, sia quello della band guidata da Federico “Freddie”...
mien mien

Mien

La recensione del disco

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS

Drinks

La recensione del disco

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover

Mouse On Mars

La recensione del disco

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB

…A Toys Orchestra

La recensione del disco

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0

Loro 1

La recensione del film

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
2287_4ef9d454e539e1.23589375-big

Timothy Leary

Dalla psichedelia al cyberspazio

A 75 anni dalla scoperta dell'Lsd, ripercorriamo la vicenda di uno dei maggiori protagonisti della controcultura statunitense...
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
rs-198724-TheRoll_StickyF_Publici_3000DPI300RGB1000162369

Il 1971, l’anno d’oro del rock

Intervista al critico David Hepworth

Il racconto di un periodo cruciale nella storia della musica, featuring David Bowie, Nick Drake e tanti...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo

Il battito oscuro del mondo

La recensione del libro

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
Tonya-poster

Tonya

La recensione del film

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
Massimo Padalino_il gioco

Il gioco

La recensione del libro

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore

Reincarnation Blues

La recensione del libro

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana

1977. Gioia e rivoluzione

La recensione del libro

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
locandina

Ready Player One

La recensione del film

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...