Public Service Broadcasting

Spazio Alfieri, Firenze - 14/05/2015

PUBLIC SERVICE BROADCASTING � stefano masselli-4

È una Firenze quasi deserta quella che accoglie il concerto dei Public Service Broadcasting, più preoccupata dalla remuntada della Fiorentina contro il Siviglia che curiosa di andare a sentire uno dei migliori gruppi in circolazione. Per nostra fortuna tutto questo non intimidisce i PSB, reduci da un’affollata data romana.

Dopo un primo pezzo di introduzione i PSB, è proprio il caso di dirlo, scaldano i motori. Diciamo subito che è proprio nella dimensione live, che unisce la musica agli stupendi visual con il montaggio di vecchi documentari inglesi, che tutta la potenza della band ha modo di dispiegarsi al meglio. A farla da padrone sono ancora le canzoni del primo disco Inform Educate Entertain. I PSB ci prendono per mano e ci guidano nella loro fascinazione per la capacità umana di costruire macchine meravigliose. Tecnologia che si trasforma in musica: l’aereo in Spitfire, le telecomunicazioni in Theme From PSB, l’automobile in Signal 30, il treno in Night Mail e la televisione in ROYGBIV. Video dopo video, ci rendiamo però conto che non è tanto la passione per la tecnologia, magari di stampo un po’ nerd,  a guidare la loro poetica. I Public Service Broadcasting sono in realtà attratti dalla sfida dell’uomo nei confronti dei propri limiti. In questo senso, dopo Inform Educate Entertain, dedicato agli anni ’50 e ’60, i Public non potevano che rivolgere il proprio sguardo alla sfida più grande di tutte, quella che vede l’uomo superare il limite dell’orizzonte con The Race For Space.

Se i brani ipercinetici di Inform Educate Entertain ci avevano incantato con un concentrato di beat e ritmi veloci, in The Race For Space i tempi si dilatano. Lo sguardo rivolto verso le dimensioni siderali del cosmo diventa anche musicalmente più lento e riflessivo. Da segnalare durante il concerto una strepitosa Gagarin, dal nome del primo astronauta della storia, durante la quale si fa davvero fatica a stare seduti,  mentre commuove l’esecuzione di Valentina.  È guardando il dolce sorriso della prima donna ad andare nello spazio, la russa Valentina Vladimirovna Tereškova, che ci domandiamo come questi giovani eroi siano riusciti a guardare in faccia le loro paure e a superarle in nome del raggiungimento di un obiettivo così alto: spingersi oltre il conosciuto, portare l’essere umano a scoprire l’ignoto.

Il set si chiude con la bellissima Everest, sempre da Inform Educate Entertain, un pezzo che racconta la storia al pari emozionante e terrificante dei primi esploratori che raggiunsero la vetta della montagna più alta del mondo. Viene spontaneo chiedersi a questo punto cos’abbiano in mente J. Willgoose, Esq. e Wrigglesworth per il prossimo capitolo della saga. Forse dall’”infinitamente grande”, potrebbero rivolgersi all’”infinitamente piccolo”, concentrandosi per gli anni ’80 e ’90 sull’arrivo di Internet e di quella tecnologia digitale che avrebbe cambiato per sempre la nostra vita. Chissà, mentre aspettiamo il nuovo disco siamo almeno certi di una cosa: nel nostro futuro tre parole sono scritte a chiare lettere e sono “Public Service Broadcasting”.

 

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n

Knife + Heart

Cannes 2018

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a

Dogman

Cannes 2018

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1

Le ricette della signora Tokue

La recensione del libro

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...
locandina (2)

Solo: A Star Wars Story

Cannes 2018

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina

Fahrenheit 451

Cannes 2018

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)

The House That Jack Built

Cannes 2018

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Downtown Boys

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018

Lazzaro Felice

Cannes 2018

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

Wildlife

Cannes 2018

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
il-miracolo-ammaniti-serie-tv-sky

Il Miracolo

Il mondo musicale della serie tv

La colonna sonora della serie tv di Niccolò Ammaniti raccontata dal music supervisor Roberto Corsi
locandina

Todos lo saben

Cannes 2018

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo

Loro 2

La recensione del film

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...