Public Service Broadcasting

Spazio Alfieri, Firenze - 14/05/2015

PUBLIC SERVICE BROADCASTING � stefano masselli-4

È una Firenze quasi deserta quella che accoglie il concerto dei Public Service Broadcasting, più preoccupata dalla remuntada della Fiorentina contro il Siviglia che curiosa di andare a sentire uno dei migliori gruppi in circolazione. Per nostra fortuna tutto questo non intimidisce i PSB, reduci da un’affollata data romana.

Dopo un primo pezzo di introduzione i PSB, è proprio il caso di dirlo, scaldano i motori. Diciamo subito che è proprio nella dimensione live, che unisce la musica agli stupendi visual con il montaggio di vecchi documentari inglesi, che tutta la potenza della band ha modo di dispiegarsi al meglio. A farla da padrone sono ancora le canzoni del primo disco Inform Educate Entertain. I PSB ci prendono per mano e ci guidano nella loro fascinazione per la capacità umana di costruire macchine meravigliose. Tecnologia che si trasforma in musica: l’aereo in Spitfire, le telecomunicazioni in Theme From PSB, l’automobile in Signal 30, il treno in Night Mail e la televisione in ROYGBIV. Video dopo video, ci rendiamo però conto che non è tanto la passione per la tecnologia, magari di stampo un po’ nerd,  a guidare la loro poetica. I Public Service Broadcasting sono in realtà attratti dalla sfida dell’uomo nei confronti dei propri limiti. In questo senso, dopo Inform Educate Entertain, dedicato agli anni ’50 e ’60, i Public non potevano che rivolgere il proprio sguardo alla sfida più grande di tutte, quella che vede l’uomo superare il limite dell’orizzonte con The Race For Space.

Se i brani ipercinetici di Inform Educate Entertain ci avevano incantato con un concentrato di beat e ritmi veloci, in The Race For Space i tempi si dilatano. Lo sguardo rivolto verso le dimensioni siderali del cosmo diventa anche musicalmente più lento e riflessivo. Da segnalare durante il concerto una strepitosa Gagarin, dal nome del primo astronauta della storia, durante la quale si fa davvero fatica a stare seduti,  mentre commuove l’esecuzione di Valentina.  È guardando il dolce sorriso della prima donna ad andare nello spazio, la russa Valentina Vladimirovna Tereškova, che ci domandiamo come questi giovani eroi siano riusciti a guardare in faccia le loro paure e a superarle in nome del raggiungimento di un obiettivo così alto: spingersi oltre il conosciuto, portare l’essere umano a scoprire l’ignoto.

Il set si chiude con la bellissima Everest, sempre da Inform Educate Entertain, un pezzo che racconta la storia al pari emozionante e terrificante dei primi esploratori che raggiunsero la vetta della montagna più alta del mondo. Viene spontaneo chiedersi a questo punto cos’abbiano in mente J. Willgoose, Esq. e Wrigglesworth per il prossimo capitolo della saga. Forse dall’”infinitamente grande”, potrebbero rivolgersi all’”infinitamente piccolo”, concentrandosi per gli anni ’80 e ’90 sull’arrivo di Internet e di quella tecnologia digitale che avrebbe cambiato per sempre la nostra vita. Chissà, mentre aspettiamo il nuovo disco siamo almeno certi di una cosa: nel nostro futuro tre parole sono scritte a chiare lettere e sono “Public Service Broadcasting”.

 

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
locandina

Elle

La recensione del film

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina

Les Sauteurs

La recensione del film

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
sleaford_mods_english_tapas_grande

Sleaford Mods

La recensione del disco

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156

Grandaddy

La recensione del disco

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One

Noveller

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
JULIE'S HAIRCUT
- "Il" gruppo psichedelico italiano per eccellenza in tour

Julie’s Haircut

Eterno movimento

A fine febbraio i Julie's Haircut sono tornati con un settimo album, “Invocation and Ritual Dance of...
locandina

Phantom Boy

La recensione del film

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
OvO
- Freak power!

OvO

Freak power!

L'album che ha visto la luce negli ultimi mesi del 2016, "Creatura". L'esteso tour europeo da poco...
julie's

Julie’s Haircut

Che gli piaccia o no, i Julie’s Haircut sono “il” gruppo psichedelico italiano per eccellenza (o quantomeno...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
locandina

Jackie

La recensione del film

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
37239-the-king-il-magazine-cover

A tutto King

Il 2017 sarà l’anno di Stephen King

Non è un mistero che il 2017 sarà l’anno di Stephen King, in chiave cinematografica e...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...