Public Service Broadcasting

Spazio Alfieri, Firenze - 14/05/2015

PUBLIC SERVICE BROADCASTING � stefano masselli-4

È una Firenze quasi deserta quella che accoglie il concerto dei Public Service Broadcasting, più preoccupata dalla remuntada della Fiorentina contro il Siviglia che curiosa di andare a sentire uno dei migliori gruppi in circolazione. Per nostra fortuna tutto questo non intimidisce i PSB, reduci da un’affollata data romana.

Dopo un primo pezzo di introduzione i PSB, è proprio il caso di dirlo, scaldano i motori. Diciamo subito che è proprio nella dimensione live, che unisce la musica agli stupendi visual con il montaggio di vecchi documentari inglesi, che tutta la potenza della band ha modo di dispiegarsi al meglio. A farla da padrone sono ancora le canzoni del primo disco Inform Educate Entertain. I PSB ci prendono per mano e ci guidano nella loro fascinazione per la capacità umana di costruire macchine meravigliose. Tecnologia che si trasforma in musica: l’aereo in Spitfire, le telecomunicazioni in Theme From PSB, l’automobile in Signal 30, il treno in Night Mail e la televisione in ROYGBIV. Video dopo video, ci rendiamo però conto che non è tanto la passione per la tecnologia, magari di stampo un po’ nerd,  a guidare la loro poetica. I Public Service Broadcasting sono in realtà attratti dalla sfida dell’uomo nei confronti dei propri limiti. In questo senso, dopo Inform Educate Entertain, dedicato agli anni ’50 e ’60, i Public non potevano che rivolgere il proprio sguardo alla sfida più grande di tutte, quella che vede l’uomo superare il limite dell’orizzonte con The Race For Space.

Se i brani ipercinetici di Inform Educate Entertain ci avevano incantato con un concentrato di beat e ritmi veloci, in The Race For Space i tempi si dilatano. Lo sguardo rivolto verso le dimensioni siderali del cosmo diventa anche musicalmente più lento e riflessivo. Da segnalare durante il concerto una strepitosa Gagarin, dal nome del primo astronauta della storia, durante la quale si fa davvero fatica a stare seduti,  mentre commuove l’esecuzione di Valentina.  È guardando il dolce sorriso della prima donna ad andare nello spazio, la russa Valentina Vladimirovna Tereškova, che ci domandiamo come questi giovani eroi siano riusciti a guardare in faccia le loro paure e a superarle in nome del raggiungimento di un obiettivo così alto: spingersi oltre il conosciuto, portare l’essere umano a scoprire l’ignoto.

Il set si chiude con la bellissima Everest, sempre da Inform Educate Entertain, un pezzo che racconta la storia al pari emozionante e terrificante dei primi esploratori che raggiunsero la vetta della montagna più alta del mondo. Viene spontaneo chiedersi a questo punto cos’abbiano in mente J. Willgoose, Esq. e Wrigglesworth per il prossimo capitolo della saga. Forse dall’”infinitamente grande”, potrebbero rivolgersi all’”infinitamente piccolo”, concentrandosi per gli anni ’80 e ’90 sull’arrivo di Internet e di quella tecnologia digitale che avrebbe cambiato per sempre la nostra vita. Chissà, mentre aspettiamo il nuovo disco siamo almeno certi di una cosa: nel nostro futuro tre parole sono scritte a chiare lettere e sono “Public Service Broadcasting”.

 

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
vfewry

The Florida project

Cannes Day 7

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
locandina

Sicilian Ghost Story

Cannes Day 5

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu

120 battements par minute

Cannes Day 4

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
ANGEL OLSEN
Intervista e concerti in Italia

Angel Olsen

This woman's work

La cantautrice originaria del Missouri arriva in Italia (Bologna e Milano) con il nuovo album MY WOMAN,...
locandina

Wonderstruck

Cannes Day 3

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
xiu xiu JAS blur

Xiu Xiu

La loggia nera della memoria

Con "Xiu Xiu Plays the Music of Twin Peaks", lo scorso anno la band omaggiò la serie...
PERFUME GENIUS
Il coraggio di essere

Perfume Genius

Il coraggio di essere

Mike Hadreas è tornato da poco con il suo quarto album, "No Shape", che sancisce la sua...
DAVID LYNCH - Quando parlammo con il leggendario regista

David Lynch

Dance Of The Dream Man

In occasione dell'eclatante ritorno su piccolo schermo di "Twin Peaks", riproponiamo la nostra intervista al leggendario regista...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
CHRIS-CORNELL

Chris Cornell

Euphoria Mo(u)rning

Raccontare Chris Cornell, attraverso un album, nel giorno in cui morì.
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....