Public Service Broadcasting

Spazio Alfieri, Firenze - 14/05/2015

PUBLIC SERVICE BROADCASTING � stefano masselli-4

È una Firenze quasi deserta quella che accoglie il concerto dei Public Service Broadcasting, più preoccupata dalla remuntada della Fiorentina contro il Siviglia che curiosa di andare a sentire uno dei migliori gruppi in circolazione. Per nostra fortuna tutto questo non intimidisce i PSB, reduci da un’affollata data romana.

Dopo un primo pezzo di introduzione i PSB, è proprio il caso di dirlo, scaldano i motori. Diciamo subito che è proprio nella dimensione live, che unisce la musica agli stupendi visual con il montaggio di vecchi documentari inglesi, che tutta la potenza della band ha modo di dispiegarsi al meglio. A farla da padrone sono ancora le canzoni del primo disco Inform Educate Entertain. I PSB ci prendono per mano e ci guidano nella loro fascinazione per la capacità umana di costruire macchine meravigliose. Tecnologia che si trasforma in musica: l’aereo in Spitfire, le telecomunicazioni in Theme From PSB, l’automobile in Signal 30, il treno in Night Mail e la televisione in ROYGBIV. Video dopo video, ci rendiamo però conto che non è tanto la passione per la tecnologia, magari di stampo un po’ nerd,  a guidare la loro poetica. I Public Service Broadcasting sono in realtà attratti dalla sfida dell’uomo nei confronti dei propri limiti. In questo senso, dopo Inform Educate Entertain, dedicato agli anni ’50 e ’60, i Public non potevano che rivolgere il proprio sguardo alla sfida più grande di tutte, quella che vede l’uomo superare il limite dell’orizzonte con The Race For Space.

Se i brani ipercinetici di Inform Educate Entertain ci avevano incantato con un concentrato di beat e ritmi veloci, in The Race For Space i tempi si dilatano. Lo sguardo rivolto verso le dimensioni siderali del cosmo diventa anche musicalmente più lento e riflessivo. Da segnalare durante il concerto una strepitosa Gagarin, dal nome del primo astronauta della storia, durante la quale si fa davvero fatica a stare seduti,  mentre commuove l’esecuzione di Valentina.  È guardando il dolce sorriso della prima donna ad andare nello spazio, la russa Valentina Vladimirovna Tereškova, che ci domandiamo come questi giovani eroi siano riusciti a guardare in faccia le loro paure e a superarle in nome del raggiungimento di un obiettivo così alto: spingersi oltre il conosciuto, portare l’essere umano a scoprire l’ignoto.

Il set si chiude con la bellissima Everest, sempre da Inform Educate Entertain, un pezzo che racconta la storia al pari emozionante e terrificante dei primi esploratori che raggiunsero la vetta della montagna più alta del mondo. Viene spontaneo chiedersi a questo punto cos’abbiano in mente J. Willgoose, Esq. e Wrigglesworth per il prossimo capitolo della saga. Forse dall’”infinitamente grande”, potrebbero rivolgersi all’”infinitamente piccolo”, concentrandosi per gli anni ’80 e ’90 sull’arrivo di Internet e di quella tecnologia digitale che avrebbe cambiato per sempre la nostra vita. Chissà, mentre aspettiamo il nuovo disco siamo almeno certi di una cosa: nel nostro futuro tre parole sono scritte a chiare lettere e sono “Public Service Broadcasting”.

 

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti
arrival-nuova-locandina-in-italiano

Arrival

La recensione del film

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160

Lauren Groff – Fato e furia

La recensione del libro

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
170414-coldplay-ghost-stories-tour_0

Secondary Ticketing

Nacque tutto dai Coldplay (ogni tanto servono ancora, via): biglietti ufficiali esauriti in un amen e ricomparsi...
thexx-iseeyou

The xx

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album

Baustelle

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jones

Stephen Graham Jones

L'orrore in letteratura

Lo scrittore americano autore di "Albero di carne", pubblicato in in Italia da Racconti edizioni.
locandina

Silence

La recensione del film

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
A-Tribe-Called-Quest-We-Got-It-From-Here-Thank-You-4-Your-Service-1478899602

A Tribe Called Quest

Nel momento in cui scriviamo queste righe, salta fuori la notizia che We Got It From Here…...
metallica

Metallica

Da circa venticinque anni, ovvero dal Black Album del 1991, i Metallica sono una band che procura...
locandina

Passengers

La recensione del film

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...