RoBOt, day 1 – Bologna

Il RoBOt, il festival bolognese dedicato a musiche e discipline elettroniche, inaugurava ieri sera la settima edizione e quest'anno anche noi del Mucchio ci siam mobilitati per seguirlo e raccontarvelo quotidianamente.
robot

La manifestazione bolognese, intitolata per l’occasione LOSTMEMORIES, sfrutta il personaggio borgesiano Funes, l’uomo condannato a memorizzare ogni cosa, dalle più futili a quelle fondamentali, senza però la capacità di filtrare e dunque ragionare, come metafora dei nostri tempi e delle nostre abitudini digitali (e musicali): nei cinque giorni del programma la quantità delle proposte pare proprio sfidare le capacità selettive del pubblico, sottoposto a numerosi stimoli, tanto diversi quanto coinvolgenti.
Dimostrazione di questo eclettismo una line-up che certamente raggiunge i proprio vertici nelle serate di venerdì e sabato, ma già nella prima serata si mostra in tutte le sue differenti potenzialità.

Arriviamo forse in leggero ritardo mercoledì, ma riusciamo comunque ad entrare in tempo per i due principale live-set in scaletta: lo storico batterista dei Can Jaki Liebezeit e il conterraneo musicista/producer Burnt Friedman formano una coppia ormai consolidata, il primo disco insieme risale al 2002 e conta oramai quattro seguiti. Il loro live non si discosta troppo dalle atmsfere degli album e fonde agilmente momenti più ambientali con notevoli impennate ritmiche: se le influenze etniche tendono ad appiattire un poco l’atmosfera, un difetto spesso riscontrabile nella produzione di Friedman, è il lavoro alla batteria di Liebezeit ad impreziosire l’insieme. Jaki, verissimo metronomo umano, ribadisce ad ogni colpo una visione psichedelica altra, minimalista e tribale, reiterata ed implacabile, che ben si sposa con il retrogusto dub che caratterizza l’elettronica del collega producer.

Il set, non lunghissimo, è nell’insieme di ottima qualità e, quando lascia spazio sul palco all’inglese Roly Porter, in molti avrebbero voluto continuasse: l’ex Vex’d si rende protagonista di un’esibizione altrettanto importante, se non ancor più potente.
Nei quarantacinque minuti del suo live, complici anche studiatissimi visual e clamorosi giochi di luce, Porter conferma la propria nomea di raffinatissimo terrorista sonico: nelle sue composizioni convivono austere geometrie techno e claustrofobiche incursioni industriali, violente staffilate jungle ed eleganti paesaggi eterei. Se in alcuni momenti si è quasi annichiliti dalla profondità dei bassi, in altri ci si ritrova avvolti da levigatissimi drones.

Siamo soltanto all’inizio di questa avventura, ma non avremmo potuto assistere ad un’apertura migliore: lo spettro sonico continuerà ad arricchirsi nelle prossime, ma già adesso abbiamo avuto modo di toccare e apprezzare le intenzioni del festival bolognese.
A domani.

Commenti

Altri contenuti
locandina

Un sacchetto di biglie

La recensione del film

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
Notte ragazzi cattivi

La notte dei ragazzi cattivi

La recensione del libro

Al suo ottavo romanzo, con La notte dei ragazzi cattivi, Massimo Cacciapuoti, dopo il fortunato esordio nel 1998...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
abbecedario

Abbecedario degli animali

La recensione del libro

In ordine sparso: cani, astici, balene, oranghi, delfini. Una lettera, un’illustrazione e un breve testo per ogni...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
littleWomen_tv

Little Women

La recensione della serie tv

Su BBC torna un classico della letteratura per ragazze, congeniale all’atmosfera natalizia e indicato per un pubblico...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
sommario-besto_of_20173

Libri: best of 2017

Le liste di fine 2017 firmate Mucchio Selvaggio: scorretele, unendo i puntini verrà fuori una mappa di...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...