RoBOt, day 1 – Bologna

Il RoBOt, il festival bolognese dedicato a musiche e discipline elettroniche, inaugurava ieri sera la settima edizione e quest'anno anche noi del Mucchio ci siam mobilitati per seguirlo e raccontarvelo quotidianamente.
robot

La manifestazione bolognese, intitolata per l’occasione LOSTMEMORIES, sfrutta il personaggio borgesiano Funes, l’uomo condannato a memorizzare ogni cosa, dalle più futili a quelle fondamentali, senza però la capacità di filtrare e dunque ragionare, come metafora dei nostri tempi e delle nostre abitudini digitali (e musicali): nei cinque giorni del programma la quantità delle proposte pare proprio sfidare le capacità selettive del pubblico, sottoposto a numerosi stimoli, tanto diversi quanto coinvolgenti.
Dimostrazione di questo eclettismo una line-up che certamente raggiunge i proprio vertici nelle serate di venerdì e sabato, ma già nella prima serata si mostra in tutte le sue differenti potenzialità.

Arriviamo forse in leggero ritardo mercoledì, ma riusciamo comunque ad entrare in tempo per i due principale live-set in scaletta: lo storico batterista dei Can Jaki Liebezeit e il conterraneo musicista/producer Burnt Friedman formano una coppia ormai consolidata, il primo disco insieme risale al 2002 e conta oramai quattro seguiti. Il loro live non si discosta troppo dalle atmsfere degli album e fonde agilmente momenti più ambientali con notevoli impennate ritmiche: se le influenze etniche tendono ad appiattire un poco l’atmosfera, un difetto spesso riscontrabile nella produzione di Friedman, è il lavoro alla batteria di Liebezeit ad impreziosire l’insieme. Jaki, verissimo metronomo umano, ribadisce ad ogni colpo una visione psichedelica altra, minimalista e tribale, reiterata ed implacabile, che ben si sposa con il retrogusto dub che caratterizza l’elettronica del collega producer.

Il set, non lunghissimo, è nell’insieme di ottima qualità e, quando lascia spazio sul palco all’inglese Roly Porter, in molti avrebbero voluto continuasse: l’ex Vex’d si rende protagonista di un’esibizione altrettanto importante, se non ancor più potente.
Nei quarantacinque minuti del suo live, complici anche studiatissimi visual e clamorosi giochi di luce, Porter conferma la propria nomea di raffinatissimo terrorista sonico: nelle sue composizioni convivono austere geometrie techno e claustrofobiche incursioni industriali, violente staffilate jungle ed eleganti paesaggi eterei. Se in alcuni momenti si è quasi annichiliti dalla profondità dei bassi, in altri ci si ritrova avvolti da levigatissimi drones.

Siamo soltanto all’inizio di questa avventura, ma non avremmo potuto assistere ad un’apertura migliore: lo spettro sonico continuerà ad arricchirsi nelle prossime, ma già adesso abbiamo avuto modo di toccare e apprezzare le intenzioni del festival bolognese.
A domani.

Commenti

Altri contenuti
arrival-nuova-locandina-in-italiano

Arrival

La recensione del film

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160

Lauren Groff – Fato e furia

La recensione del libro

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
170414-coldplay-ghost-stories-tour_0

Secondary Ticketing

Nacque tutto dai Coldplay (ogni tanto servono ancora, via): biglietti ufficiali esauriti in un amen e ricomparsi...
thexx-iseeyou

The xx

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album

Baustelle

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jones

Stephen Graham Jones

L'orrore in letteratura

Lo scrittore americano autore di "Albero di carne", pubblicato in in Italia da Racconti edizioni.
locandina

Silence

La recensione del film

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
A-Tribe-Called-Quest-We-Got-It-From-Here-Thank-You-4-Your-Service-1478899602

A Tribe Called Quest

Nel momento in cui scriviamo queste righe, salta fuori la notizia che We Got It From Here…...
metallica

Metallica

Da circa venticinque anni, ovvero dal Black Album del 1991, i Metallica sono una band che procura...
locandina

Passengers

La recensione del film

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...