RoBOt, day 1 – Bologna

Il RoBOt, il festival bolognese dedicato a musiche e discipline elettroniche, inaugurava ieri sera la settima edizione e quest'anno anche noi del Mucchio ci siam mobilitati per seguirlo e raccontarvelo quotidianamente.
robot

La manifestazione bolognese, intitolata per l’occasione LOSTMEMORIES, sfrutta il personaggio borgesiano Funes, l’uomo condannato a memorizzare ogni cosa, dalle più futili a quelle fondamentali, senza però la capacità di filtrare e dunque ragionare, come metafora dei nostri tempi e delle nostre abitudini digitali (e musicali): nei cinque giorni del programma la quantità delle proposte pare proprio sfidare le capacità selettive del pubblico, sottoposto a numerosi stimoli, tanto diversi quanto coinvolgenti.
Dimostrazione di questo eclettismo una line-up che certamente raggiunge i proprio vertici nelle serate di venerdì e sabato, ma già nella prima serata si mostra in tutte le sue differenti potenzialità.

Arriviamo forse in leggero ritardo mercoledì, ma riusciamo comunque ad entrare in tempo per i due principale live-set in scaletta: lo storico batterista dei Can Jaki Liebezeit e il conterraneo musicista/producer Burnt Friedman formano una coppia ormai consolidata, il primo disco insieme risale al 2002 e conta oramai quattro seguiti. Il loro live non si discosta troppo dalle atmsfere degli album e fonde agilmente momenti più ambientali con notevoli impennate ritmiche: se le influenze etniche tendono ad appiattire un poco l’atmosfera, un difetto spesso riscontrabile nella produzione di Friedman, è il lavoro alla batteria di Liebezeit ad impreziosire l’insieme. Jaki, verissimo metronomo umano, ribadisce ad ogni colpo una visione psichedelica altra, minimalista e tribale, reiterata ed implacabile, che ben si sposa con il retrogusto dub che caratterizza l’elettronica del collega producer.

Il set, non lunghissimo, è nell’insieme di ottima qualità e, quando lascia spazio sul palco all’inglese Roly Porter, in molti avrebbero voluto continuasse: l’ex Vex’d si rende protagonista di un’esibizione altrettanto importante, se non ancor più potente.
Nei quarantacinque minuti del suo live, complici anche studiatissimi visual e clamorosi giochi di luce, Porter conferma la propria nomea di raffinatissimo terrorista sonico: nelle sue composizioni convivono austere geometrie techno e claustrofobiche incursioni industriali, violente staffilate jungle ed eleganti paesaggi eterei. Se in alcuni momenti si è quasi annichiliti dalla profondità dei bassi, in altri ci si ritrova avvolti da levigatissimi drones.

Siamo soltanto all’inizio di questa avventura, ma non avremmo potuto assistere ad un’apertura migliore: lo spettro sonico continuerà ad arricchirsi nelle prossime, ma già adesso abbiamo avuto modo di toccare e apprezzare le intenzioni del festival bolognese.
A domani.

Commenti

Altri contenuti
a-crow-mount-eerie

Mount Eerie

La recensione del disco

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10

Flowers must die

La recensione del disco

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
GimmeDanger_Trailer

Iggy Pop & The Stooges

Punk prima di te

A febbraio la storia degli Stooges è arrivata sul grande schermo anche in Italia e la “visione”...
622506603

Libere

La recensione del film

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
locandina

Rolling Stones Olé, Olé, Olé!

La recensione del film

Un altro film concerto dei Rolling Stones? Basterebbe il solo annuncio dell’ennesima uscita in una filmografia che...
homepage_large.77a617e0

Arca

La recensione del disco

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
krull

La casa dei Krull

Simenon senza Maigret

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
big-little-lies

Big Little Lies

I segreti degli altri

Già conclusa negli Stati Uniti, nel vivo in Italia. "Big Little Lies" è la serie del momento,...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...