RoBOt, day 2 – Bologna

Dopo le pregiate esibizioni della prima serata, il RoBOt continua la sua corsa.
robot

Giovedì 2 ottobre arriviamo sul tardo pomeriggio, riuscendo così ad esplorare per intero le varie stanze dello splendido Palazzo Re Enzo. Mentre nel Salone del Podestà viene trasmesso il documentario dedicato al pioniere elettronico Bruce Haack nella più intima Sala del Capitano apre le danze il misterioso duo bolognese Nudge con un set fin troppo massiccio per l’ora dell’aperitivo, ma capace di interpretare dinamiche e suoni house con verace personalità e una discreta cattiveria.

In attesa che il collettivo italiano Clap Rules prenda possesso del palco centrale cerchiamo di seguire un paio d’installazioni video, perdendoci però la promettente performance di Marco Ceccotto (con cui riusciamo soltanto a scambiare due chiacchiere veloci su province, rotonde e nebbie). Quando, nel principale Salone del Podestà, iniziano i Clap Rules è subito chiaro che la serata sarà ben differente da quella che l’ha preceduta: non sono neppure le nove, eppure nessuno è seduto, già tutti balliamo con l’electro-rock, psichedelico ed irresistibile, dei quattro italiani.

Continuando a spostarci tra Sala del Capitano e del Podestà ci accorgiamo innanzitutto che l’afflusso di gente va oltre le più rosee previsioni per un giovedì sera e ci gustiamo consecutivamente le incursioni newyorchesi e garage del fuoriclasse Nick Anthony Simoncino, l’eleganza di un Fort Romeau sempre in bilico tra la carnalità dell’house più nera e una spazialità quasi techno, l’eclettismo pazzo ma sempre coinvolgente di DJ TLR (il suo è forse è uno dei dj-set più fighi della giornata, pur soffrendo la concorrenza di un Memoryman strabiliante in contemporanea).

Ecco, chiudiamo proprio parlando dell’headliner della serata: se la scelta si rivela azzeccatissima non è soltanto per il nome con cui Uovo dei Pastaboys si presenta qui al RoBOt (l’edizione è intitolata, ricordiamolo, LOSTMEMORIES), ma per un live-set in cui il producer è andato cercando le radici più soulfull della house (verissima protagonista di questa seconda giornata) riuscendo comunque a tenere sempre alte l’attenzione e l’euforia del pubblico.

Commenti

Altri contenuti
arrival-nuova-locandina-in-italiano

Arrival

La recensione del film

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
Groff_300_COP_0000_cover_Layout-PDF-829x1160

Lauren Groff – Fato e furia

La recensione del libro

Nei ringraziamenti, Lauren Groff scrive che questo libro è per Clay, per quella volta che lo ha...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
170414-coldplay-ghost-stories-tour_0

Secondary Ticketing

Nacque tutto dai Coldplay (ogni tanto servono ancora, via): biglietti ufficiali esauriti in un amen e ricomparsi...
thexx-iseeyou

The xx

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album

Baustelle

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jones

Stephen Graham Jones

L'orrore in letteratura

Lo scrittore americano autore di "Albero di carne", pubblicato in in Italia da Racconti edizioni.
locandina

Silence

La recensione del film

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
A-Tribe-Called-Quest-We-Got-It-From-Here-Thank-You-4-Your-Service-1478899602

A Tribe Called Quest

Nel momento in cui scriviamo queste righe, salta fuori la notizia che We Got It From Here…...
metallica

Metallica

Da circa venticinque anni, ovvero dal Black Album del 1991, i Metallica sono una band che procura...
locandina

Passengers

La recensione del film

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...