RoBOt, day 2 – Bologna

Dopo le pregiate esibizioni della prima serata, il RoBOt continua la sua corsa.
robot

Giovedì 2 ottobre arriviamo sul tardo pomeriggio, riuscendo così ad esplorare per intero le varie stanze dello splendido Palazzo Re Enzo. Mentre nel Salone del Podestà viene trasmesso il documentario dedicato al pioniere elettronico Bruce Haack nella più intima Sala del Capitano apre le danze il misterioso duo bolognese Nudge con un set fin troppo massiccio per l’ora dell’aperitivo, ma capace di interpretare dinamiche e suoni house con verace personalità e una discreta cattiveria.

In attesa che il collettivo italiano Clap Rules prenda possesso del palco centrale cerchiamo di seguire un paio d’installazioni video, perdendoci però la promettente performance di Marco Ceccotto (con cui riusciamo soltanto a scambiare due chiacchiere veloci su province, rotonde e nebbie). Quando, nel principale Salone del Podestà, iniziano i Clap Rules è subito chiaro che la serata sarà ben differente da quella che l’ha preceduta: non sono neppure le nove, eppure nessuno è seduto, già tutti balliamo con l’electro-rock, psichedelico ed irresistibile, dei quattro italiani.

Continuando a spostarci tra Sala del Capitano e del Podestà ci accorgiamo innanzitutto che l’afflusso di gente va oltre le più rosee previsioni per un giovedì sera e ci gustiamo consecutivamente le incursioni newyorchesi e garage del fuoriclasse Nick Anthony Simoncino, l’eleganza di un Fort Romeau sempre in bilico tra la carnalità dell’house più nera e una spazialità quasi techno, l’eclettismo pazzo ma sempre coinvolgente di DJ TLR (il suo è forse è uno dei dj-set più fighi della giornata, pur soffrendo la concorrenza di un Memoryman strabiliante in contemporanea).

Ecco, chiudiamo proprio parlando dell’headliner della serata: se la scelta si rivela azzeccatissima non è soltanto per il nome con cui Uovo dei Pastaboys si presenta qui al RoBOt (l’edizione è intitolata, ricordiamolo, LOSTMEMORIES), ma per un live-set in cui il producer è andato cercando le radici più soulfull della house (verissima protagonista di questa seconda giornata) riuscendo comunque a tenere sempre alte l’attenzione e l’euforia del pubblico.

Commenti

Altri contenuti
locandina

Il filo nascosto

La recensione del film

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina

Unsane

68° Berlinale

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina

7 Days in Entebbe

68° Berlinale

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver

Figlia mia

68° Berlinale

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
awol

Awolnation

La recensione del disco

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
la-casa-di-carta

La casa di carta

La serie tv che viene dalla Spagna

La serie tv del momento ce l'avete sotto gli occhi, ma non l'avete ancora vista. Si chiama...
starcrawler

Starcrawler

La recensione del disco

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535

Maisie

La recensione del disco

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401

Cosmo

La recensione del disco

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf

N.E.R.D.

La recensione del disco

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame

Shame

La recensione del disco

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
Stephen Guarino as Sully, Brianne Howey as Kay, Jon Daly as Arnie, Michael Angarano as Eddie, RJ Cyler as Adam, Ari Graynor as Cassie, Andrew Santino as Bill, Melissa Leo as Goldie, Clark Duke as Ron and Erik Griffin as Ralph.

I’m Dying Up Here

La comicità è una cosa seria

Tra le serie che si propongono di raccontare il backstage dello showbiz, "I'm Dying Up Here" sulla...
L I M

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...