RoBOt, day 3 – Bologna

Giunti ormai alla terza serata di festival, la penultima del RoBOt 2014 e la prima in assoluto a svilupparsi anche nei locali di Bologna Fiere, siamo costretti a fare delle scelte.
robot

Il programma è così ampio che difficilmente riusciremo a vedere tutto. Complice pure una certa stanchezza rimediata la sera prima sacrifichiamo i dj-set della piccola Sala del Capitano per concentrarci sul palco centrale, quello posto nello splendido Salone del Podestà: il primo a suonare è il napoletano K-Conjog, un nome particolare, che nella sua carriera, nonostante la giovane età, ha già collaborato con etichette storiche come Snowdonia o piccole realtà internazionali come Abandon Building Records. Il suo live mixa attitudine lo-fi, densi wall-of-sound di chiara ispirazione shoegaze e tutta una serie di inedite e spiazzanti incursioni in territori UK-rave che si sposano perfettamente con i visual scelti per accompagnare la musica.

Dopo di lui abbiamo giusto il tempo di provare il cuscus vegetariano della RoBOsteria, prima dell’esibizione del francese Valentin Stip che, fresco d’esordio, propone un set in crescendo: l’algida ambient dei primi brani lascia spazio sempre maggiore a scansioni ritmiche imprevedibili ed aggressive.

Arriva così il momento di uno dei live più attesi di questa settimana edizione del RoBOt: James Kelly, in arte Wife, suonava con gli irlandesi Altar Of Plagues, formazione dedita al black metal meno convenzionale, prima di accasarsi presso la chiacchieratissima label Tri-Angle e inventarsi, appunto, il progetto Wife, una strada personale ed elusiva al soul contemporaneo e digitale. Al netto della difficoltà di rendere su palco una musica tanto spoglia quanto evocativae, la performance di James è valida e coinvolgente: se il timbro vocale si dimostra autentico e saggiamente sfruttato, le scarne e plumbee atmosfere riescono nel difficile compito di far convivere isolazionismi e struggimenti.

È poi il turno del tedesco Lawrence, ma noi scegliamo (complice un inizio lento e prevedibile) di lasciare Palazzo Re Enzo e recarci in Fiera dove, su due palchi, si alterneranno ben nove artisti. Per scelta, dettata dal gusto e l’interesse personale (e ovvi motivi logistici), ci concentriamo sullo Stage Red Bull Music Academy, tralasciando la sala principale (dove torneremo soltanto prima di uscire per seguire un poco il set di Villalobos, sempre giocoso e massiccio, nonostante una certa prevedibilità): arriviamo in tempo per il live di Inga Copeland che insieme al compagno Dean Blunt formava il duo Hype Williams, prima d’intraprendere la carriera solista. Nell’ora scarsa della sua esibizione assistiamo ad una discesa industriale in territori hauntologici, con brevi concessioni ad una interpretazione tutta europea e spigolosa dell’altrimenti morbido incedere dub.

Se la formazione a tre dei Livity Sound, che suona dopo la musicista russa, ci consegna un breve trattato, potentissimo e ben dosato, sulla storia della bass-music senza mai dimenticare la cassa dritta, è soprattutto con Falty DL che tutti ci lasciamo andare, trasportati dalla sua maestria nell’affiancare ritmi latini e sterzate cosmiche, irresistibili sincopi e bassoni sensuali.

Il vertice di una serata già ottima viene però raggiunto con il live-set dell’olandese Legowelt, una vera istituzione nel mondo elettronico: tra groove acidi e visioni sci-fi, pura ignoranza techno e indomito spirito funk Danny Wolfers conferma l’unicità della propria visione e consegna agli spettatori momenti indimenticabili.

Chiude la nottata, sul palco RBMA, il misterioso inglese Actress che, incappucciato, si dimostra un dj con ostentata antipatia verso qualsiasi tecnica di missaggio, proponendo una selezione di brani che spaziano dal post-punk all’r’n’b americano anni novanta, dalla techno più implacabile a naturali immersioni dub: insomma tutto quello che forma l’immaginario sonico di Actress, proposto candidamente e senza alcuna soluzione di continuità. Una testimonianza sfocata, ma preziosa: forse la riflessione più sincera sul tema del festival, la memoria e il suo filtrare le nostre esperienze.

Commenti

Altri contenuti
2287_4ef9d454e539e1.23589375-big

Timothy Leary

Dalla psichedelia al cyberspazio

A 75 anni dalla scoperta dell'Lsd, ripercorriamo la vicenda di uno dei maggiori protagonisti della controcultura statunitense...
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
rs-198724-TheRoll_StickyF_Publici_3000DPI300RGB1000162369

Il 1971, l’anno d’oro del rock

Intervista al critico David Hepworth

Il racconto di un periodo cruciale nella storia della musica, featuring David Bowie, Nick Drake e tanti...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo

Il battito oscuro del mondo

La recensione del libro

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
Tonya-poster

Tonya

La recensione del film

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
Massimo Padalino_il gioco

Il gioco

La recensione del libro

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore

Reincarnation Blues

La recensione del libro

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana

1977. Gioia e rivoluzione

La recensione del libro

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
locandina

Ready Player One

La recensione del film

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
1032815_0_0_97_1280x640

The Chi

Black dramedy again

Raccontare una città come Chicago, raccontarla bene. Ci riesce Lena Waithe – per inciso: la prima donna...
CS672934-01A-BIG

Jonathan Wilson

La recensione del disco

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only

Mount Eerie

La recensione del disco

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations

Preoccupations

La recensione del disco

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...