RoBOt, day 4 – Bologna

Se i primi tre giorni del RoBOt hanno sancito l'eclettismo e la qualità della proposta, la serata di sabato 4 ottobre doveva essere la ciliegina sulla torta del festival: la line-up scelta per concludere questa settima edizione infatti raccoglieva alcuni tra i nomi più caldi di tutto il panorama elettronico mondiale, insieme ad alcune tra le realtà più interessanti del made in Italy.
robot

Dopo l’incontro pomeridiano tra Lorenzo Nada (in arte Godblesscomputers) e Drew Lustman (Falty DL) moderato dal nostro collega Damir Ivic, è Populous ad aprire le danze nella piccola, ma calorosa Sala del Capitano di Palazzo Re Enzo. Andrea Mangia, dopo ben sei anni di silenzio, ha riportato sulle scene la sua prima creatura con un nuovo disco, Night Safari, davvero entusiasmante: con il suo dj-set il salentino Populous spiega bene quali sono le influenze del disco, srotolando un diffuso gusto etnico per i suoi assalti tra footwork ed hip-hop, dub e raffinatissima house.

Segue il set di Go Dugong, altra eccellenza italiana: Giulio Fonseca non fa assolutamente rimpiangere il suo predecessore e propone un equilibrato mix di sbruffonaggine hip-hop, etnicismi vari e sana prepotenza step primigenia. Siam però costretti ad abbandonare l’ormai affollatissima Sala del Capitano per gustarci l’ultima parte dell’esibizione live di Torn Hawk nel Salone del Podestà: il suo fondere richiami all’elettronica contemporanea con una chitarra in perenne trip lisergico si sposa perfettamente con i visual disturbanti che lo accompagnano.

A seguire inizia lo show dell’americano James Ferraro: un artista sempre in bilico tra bellezza e trash, tra soul e plastica. Abbigliato ridicolmente (un vecchio chiodo pesante e abbondante, un improbabile cappello alla Sampei) James Ferraro continua a giocare su quel dualismo, accompagnando a visual che pescano nel peggio trash cinematografico (Cybertacker 2, Mortal Kombat, La rapina, Battaglia per la Terra…) un sound sempre acido, insieme etereo ed inquietante.

Si cambia totalmente atmosfere con il live dell’austriaco Dorian Concept che, insieme ai musicisti che lo accompagnano, apre le porte al jazz in questa settima edizione del RoBOt: nei cinquanta minuti del set torniamo alle atmosfere del suo recente Joined Ends, senza però ricalcare pedissequamente le traiettorie del disco.

La successiva performance dell’ex Telefon Tel Aviv Josh Eustis col nome d’arte Sons of Magdalene si muove sulle stesso coordinate percorse da Wife la sera precedente, il set però non è altrettanto pregnante e necessita ancora di perfezionamento.

Si chiude qui la serata di Palazzo Re Enzo e ci spostiamo in Fiera: a differenza di venerdì, questa volta ci concentriamo sul palco centrale, dove si alterneranno i nomi più caldi di questa edizione, gustando soltanto brevemente il dj-set di Moodymann nello Stage Red Bull Music Academy. Da una figura storica come il californiano Kenneth Dixon Jr. è legittimo aspettarsi maggior attenzione al mixaggio, ma la selezione è un’ineccepibile viaggio nella black music americana.

Nel frattempo iniziano anche gli attesissimi Moderat: ho avuto l’occasione di vedere il trio tedesco anche in primavera, a Milano, e, al netto della bellezza dei brani, il loro è un live-show efficace e trascinante, capace di coinvolgere sul piano emotivo, ma anche convenzionale e poco avventuroso.

La stessa accusa non si può muovere invece a Jon Hopkins, che torna al RoBOt un anno dopo, sancendo una collaborazione pregiata e fruttuosa: il suo live è elegante e ricco, capace sì di richiamare i lavori in studio, ma anche di disegnare una dimensione più profonda e varia.

L’ultimo live è quello dei Factory Floor, i giovani pupilli di Mark Stewart, non hanno l’appeal di Moderat e Hopkins, ma sfoderano un set di rara cattiveria, spigoloso ed incompromissorio.

È Apparat invece a chiudere la serata e la settima edizione del festival bolognese: se lo scorso anno aveva disdetto all’ultimo la sua partecipazione, ora torna per farsi perdonare e ci riesce pienamente con un dj-set muscoloso e quadrato, lontano dalle ultime fragili avventure soliste.

Con una serata lunghissima e meritevole (ma quale lo sia stata di più è una scelta ardua, forse venerdì?) si chiude il RoBOt 07, un festival con la mente proiettata verso il futuro e verso l’Europa.

Commenti

Altri contenuti
a-crow-mount-eerie

Mount Eerie

La recensione del disco

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10

Flowers must die

La recensione del disco

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
GimmeDanger_Trailer

Iggy Pop & The Stooges

Punk prima di te

A febbraio la storia degli Stooges è arrivata sul grande schermo anche in Italia e la “visione”...
622506603

Libere

La recensione del film

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
locandina

Rolling Stones Olé, Olé, Olé!

La recensione del film

Un altro film concerto dei Rolling Stones? Basterebbe il solo annuncio dell’ennesima uscita in una filmografia che...
homepage_large.77a617e0

Arca

La recensione del disco

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
krull

La casa dei Krull

Simenon senza Maigret

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
big-little-lies

Big Little Lies

I segreti degli altri

Già conclusa negli Stati Uniti, nel vivo in Italia. "Big Little Lies" è la serie del momento,...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...